Entriamo nel 10° anno.
Il 4° di Medicina Vicina. Auguri!

Entriamo nel 10° anno.
Il 4° di Medicina Vicina. Auguri!
0 4 gennaio 2018

Inizia il decimo anno di Politerapica, il quarto di Medicina Vicina.

Gli auguri ce li siamo già fatti. Desideriamo ora condividere un bilancio di questo anno così strano, così speciale per noi: un anno diverso, il primo vissuto mentre pare che stiamo finalmente uscendo dalla crisi che ha attanagliato l’economia e che ha morso pesantemente – a volte, lasciando ferite difficili da curare – anche la nostra struttura, con problemi che non sono certamente terminati ma che ora si presentano in una prospettiva nuova che permette un po’ di ottimismo.

Siamo qui, determinati più che mai, con l’entusiasmo di sempre, con la voglia di costruire e di crescere insieme, in un progetto che amiamo e condividiamo: quello di una medicina di eccellenza nei contenuti e nelle modalità, portata sul territorio e resa accessibile ai cittadini.

Da noi, specialisti di grande competenza – alcuni sono primari ospedalieri – visitano, senza lista di attesa, al costo di 60 Euro. Insieme a loro, professionisti sanitari bravissimi che erogano prestazioni riabilitative di prim’ordine.  29 Medici Specialisti, 14 Terapisti. Questa è Medicina Vicina, l’altra idea di Salute di Politerapica.

Con una certezza in più: questa crisi ha modificato radicalmente le condizioni economiche della società e noi abbiamo avuto la capacità di esserci ancora ma anche di esserci con l’offerta di servizi corretta per il mondo di oggi.

Ci siamo riusciti a costo di grandi sforzi. Siamo stati capaci di diventare – noi, l’intero team di Politerapica – un punto di riferimento riconoscibile e riconosciuto per il territorio.

Nel 2017, poi, si sono uniti a noi nuovi specialisti. Alcuni sostituiscono professionisti che hanno dovuto lasciarci, altri ampliano la nostra squadra:

  • Davide Mazzoleni, medico dello sport
  • Aurelio Comelli, cardiologo e medico internista
  • Vera Zanchi, psicologa e psicoterapeuta
  • Mario Tintori, sessuologo
  • Grazia Lombardo, ginecologa
  • Lelia Rondi, ortopedico

che si aggiungono a Mario Fusco, neurochirurgo, che ci aveva raggiunto proprio a fine 2016. La lista non è ancora completa: a breve – stiamo incrociando le dita – ne arriveranno altri.

Anche tra i terapisti, abbiamo due nuovi ingressi:

  • Paola Barzanò, ostetrica
  • Zaccheo Giupponi, infermiere

Con chi c’era già e con chi è arrivato nel corso dell’anno, abbiamo fatto tantissime cose:

sul territorio

  • 6 incontri pubblici
    7 screening
    1 convegno pubblico
    con il Comune di Seriate, col quale abbiamo di fatto avviato una collaborazione stretta e reciprocamente partecipata che verrà probabilmente estesa all’Ambito Territoriale
  • 9 incontri pubblici
    con il Comune di Bergamo – Assessorato alla Coesione Sociale, col quale collaboriamo (unica struttura!) ormai da sei anni e che ci ha chiesto di continuare a lavorare insieme anche nel 2018
  • 7 incontri pubblici
    con il Comune di Cavernago, per il terzo anno consecutivo e col quale abbiamo già definito il piano che ci vede coinvolti anche nel primo semestre del 2018
  • 5 incontri pubblici
    con il Comune di Brusaporto, per il quarto anno consecutivo e col quale stiamo definendo il piano per il primo semestre del 2018
  • 3 incontri pubblici
    con Terra d’Europa onlus di Pedrengo

nella nostra sede

  • incontri dedicati a gravidanza e neonatalità
  • percorso Gravidanzando
  • percorso Danza in fasce
  • percorso “Essere genitori oggi”
  • screening della colonna
  • screening del pavimento pelvico
  • partecipazione alle attività della Settimana Mondiale della Tiroide 2017  con visite e screening gratuiti
  • partecipazione alle attività della XII Giornata Nazionale dell’Incontinenza con visite e screening gratuiti
  • incontro/convegno sulle vaccinazioni con la partecipazione della dirigenza della ATS di Bergamo, di Sergio Clarizia, Alberto Canciani e Paola Barzanò e con la presenza delle Forze dell’Ordine per garantire la sicurezza
  • istituzione del Baby Pit Stop riconosciuto da Unicef
  • organizzazione della Festa dei Nonni e dei Nipoti con Unicef

in altri termini

  • 30 incontri pubblici con Amministrazioni Comunali e Onlus
  • 12 eventi di screening e prevenzione
  • 2 convegni pubblici

E poi…

  • Politerapica è stata premiata per la quarta volta come struttura che pratica la Responsabilità Sociale di Impresa da Regione Lombardia e Unioncamere Lombardia
  • il Comune di Bergamo ci ha dato atto – con una cortese lettera dell’Ass. Maria Carolina Marchesi – di essere stato inserito nella Rete Città Sane anche grazie all’attività di incontri sul territorio che organizza con Politerapica
  • abbiamo collaborato attivamente con la direzione della ATS di Bergamo nella preparazione del convegno sugli adolescenti che è stato tenuto presso la loro sede in Ottobre
  • partecipiamo al progetto Alternanza Scuola/Lavoro del Liceo Scientifico Mascheroni di Bergamo e dell’Istituto Lorenzo Lotto di Trescore ospitando loro studenti
  • Rachele Bianchi, la nostra ostetrica che si occupa di riabilitazione pelvica e che si è formata presso di noi per questa speciale attività, è stata tra i relatori del prestigioso Corso/Convegno annuale di Treviglio “Il team interdisciplinare del pavimento pelvico”
  • la stampa e i media ci hanno continuato a dedicare attenzione

 

La cosa forse più importante: sono sempre di più le persone che si rivolgono alla nostra struttura sia per le sue attività medico-specialistiche, sia per le sue attività riabilitative e di sostegno.

Per tutto questo, sentiamo il dovere di ringraziare tutto il team di Politerapica per il contributo di ognuno. A volte, è costato sacrificio, fatica. Sempre, ha richiesto impegno. Un grosso grazie, sì.

Si è chiuso il 2017. Si è aperto il 2018.
Inizia il decimo anno di Politerapica, il quarto di Medicina Vicina.

A tutti i nostri pazienti, amici, conoscenti, simpatizzanti, insomma a tutti coloro che fanno parte del mondo di Politerapica – Medicina Vicina, desideriamo augurare che, pur in mezzo alle tribolazioni che non potranno mancare ma anche – ne siamo certi – con i momenti di gioia che ci saranno, ognuno possa vivere il 2018 in un clima di serenità.