fbpx

Categoria: Archivio Newsletter

20 Aprile 2021
Acufene e Otorinolaringoiatria, scrive Alessandra Brevi

Acufene e Otorinolaringoiatria, scrive Alessandra Brevi medico-chirurgo, specialista in Otorinolaringoiatria, che collabora con Politerapica. Il suo contributo per comprendere questo terribile disturbo è fondamentale. L’otorinolaringoiatra è il team leader nella gestione dell’acufene. La prima visita specialistica è eseguita da questo specialista quando è presente questo disturbo.

Ringraziandola, riportiamo qui di seguito il suo intervento che ci ha messo cortesemente a disposizione.


L’Acufene

L’Acufene (dal greco akouein, udire e phanein, apparire) viene descritto dal paziente come un rumore del mare, un fischio acuto, un sibilo, o come una molteplicità di suoni. Si tratta quindi di percezioni sonore in assenza di stimolazioni fisiologiche dei recettori dell’orecchio interno.

Un acufene può essere avvertito in un orecchio o in testa quando è bilaterale. Può presentarsi isolatamente come unico sintomo. Può essere invece associato ad una riduzione della capacità uditiva (ipoacusia). E’ possibile che si presenti anche insieme ad altri disturbi riferibili all’orecchio (senso di orecchio chiuso o ovattato, pressione auricolare, vertigini, disturbi dell’equilibrio).

Spesso pazienti con acufeni riferiscono anche iperacusia. Questa è una marcata intolleranza nei confronti dei rumori esterni, che può giungere alla fonofobia, vera e propria (paura nei confronti del rumore).

Malattia o sintomo

Gli acufeni quindi non sono definibili come una specifica malattia. Possono infatti costituire un sintomo di malattie, non necessariamente a carico dell’orecchio o delle vie acustiche. Tradizionalmente gli acufeni sono divisi in acufeni “oggettivi” ed acufeni “soggettivi” a seconda che il rumore possa essere percepito dall’esaminatore o solo dal paziente.

Si sta parlando di un disturbo uditivo – quello degli acufeni – molto frequente, interessando circa il 7-10% della popolazione generale.

Tabella delle possibili cause dell’acufene

Soggettivo Oggettivo pulsante Oggettivo non pulsante
Cause otogene Malformazioni artero-venose Disfunzioni dell’articolazione temporo-mandibolare
Presbiacusia Anemia Clono dei muscoli endoauricolari e peritubarici
Trauma acustico Tireotossicosi Colpo di frusta
Ipoacusia improvvisa Persistenza dell’arteria stapediale
Otosclerosi Tumori glomici
Otiti medie o esterne Ipertensione endocranica benigna
Sleep apnea Stenosi dei vasi del collo
Autoimmunità Carotide e bulbo giugulare alti
Ototossicità
Cause infettive
Patologie psichiatriche
Disturbi neurologici
Neurinoma del nervo acustico
Trauma cranico
Conflitti neurovascolari
Ipertensione

L’Otorinolaringoiatra, il team leader

L’Otorinolaringoiatra può essere considerato il team leader nella gestione dell’acufene. Questa, infatti, è la prima vista specialistica che viene eseguita quando è presente il disturbo. La visita otorinolaringoiatrica permette di studiare l’acufene, di individuare le possibili cause ed eventualmente chiedere il consulto di altri colleghi specialisti.

Mediante un’accurata anamnesi si possono valutare

  • le caratteristiche dell’acufene
    tonalità e pattern, sincronia con il cuore, sede, durata, intensità, continuità, progressione
  • i sintomi d’accompagnamento
    ipoacusia, sintomi vestibolari, autofonia
  • la storia clinica del paziente
    età, professione, trauma acustico, trauma cranico, farmaci, malattie internistiche, patologie otorinolaringoiatriche, chirurgia otorinolaringoiatrica, familiarità, stato psicofisico, patologie rachide cervicale.

Valutazione e diagnosi otorinolaringoiatrica

La valutazione clinica comprende un’esame obiettivo specialistico:

  • Otoscopia\otovideoscopia che valuta
    • il condotto uditivo esterno
      per escludere la presenza di tappi di cerume o secrezioni patologiche come nel caso dell’otite esterna
    • la membrana timpanica
      per escludere la presenza di perforazioni o lesioni retrotimpaniche
  • Videofibrorinoscopia che valuta la pervietà delle fosse nasali e del rinofaringe, sedi di lesioni che possono ostruire lo sbocco nasale della tuba di Eustachio
  • Acumetria che valuta la percezione uditiva

La diagnostica otorinolaringoiatrica strumentale dell’acufene comprende:

  • esame audiometrico tonale e l’impedenzometria
    qualora si sospetti un calo dell’udito
  • acufenometria
    permette di caratterizzare della frequenza e dell’intensità dell’acufene
  • potenziali evocati uditivi
    permettono di studiare le vie uditive centrali

La diagnostica radiologica in caso di acufeni comprende la TAC e, o la RMN dell’orecchio. Si adottano nel sospetto di patologia infiammatoria maligna del condotto uditivo esterno, colesteatomi, traumi, otosclerosi, malformazioni, sospetta patologia neoplastica (neurinoma).

 

Dott.ssa Alessandra Brevi
Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria

 

20 Aprile 2021
Acufene. Larsen per Caparezza

Acufene Larsen per Caparezza. Ne scrive la Dott.ssa Valeria Perego, Psicologa che collabora con Politerapica nell’ambito del progetto Medicina Vicina. Lo fa partendo da qualcosa che solo apparentemente non ha nulla a che fare con l’acufene: una canzone. Una canzone scritta e cantata da Caparezza che di questo disturbo soffre da tempo e a cui ha deciso di dare un nome, Larsen appunto. Per farlo – racconta la Dott.ssa Perego – Caparezza si ispira al fisico S. A. Larsen. Probabilmente lo fa anche per un altro motivo: l’Acufene è un disturbo di cui la vita è così impregnata – terribilmente intrisa – da diventare parte della quotidianità di chi ne soffre. Da potere diventare anche una canzone.

Ringraziandola per il suo contributo, pubblichiamo qui di seguito l’intervento sull’Acufene e il suo grosso peso psicologico, che la dottoressa ci ha messo cortesemente a disposizione.


…Fischiava per la mia attenzione, un po’ come si fa con i taxi
Senza una tregua una continuazione ma come si fa a coricarsi
Da solo nel letto a dannarmi, nella stanza cori urlanti
Di colpo leggevo i labiali, quindi basta coi romanzi

Uno squillo ossessivo, come un pugno su un clacson.
Primo pensiero al mattino,
l’ultimo prima di buttarmi giù dal terrazzo.
..
Parlo di Larsen e metto mano alla fondina
Alzo la cortina
Sentivo fischi pure se il locale carico applaudiva
Calo d’autostima
Non potevo ascoltare la musica come l’ascoltavo prima
Io Lagostina, una pressione continua
La depressione poi l’ira…

Larsen

Larsen. Il titolo di una canzone di un noto cantautore italiano, piuttosto recente: Michele Salvemini, in arte Caparezza. Larsen, il nome che il cantante dà all’acufene di cui soffre dal 2015. Un nome, come lo si dà a una persona, a una presenza che non lo lascia mai, che fa parte della sua vita e della sua quotidianità da allora. Larsen, il riferimento è al fisico acustico S.A. Larsen, che ha descritto l’effetto Larsen, appunto, cioè il feedback acustico che si produce quando un microfono è troppo vicino o in direzione dell’altoparlante. Più concretamente un fischio, uno stridio… che non abbandona mai…

Nel testo della canzone di Caparezza sta tutta la drammaticità di un problema diffuso, per il quale ancora non esiste chiarezza in merito alle cause. Sappiamo però chiaramente quanto sia importante che venga affrontato attraverso un approccio multidisciplinare e integrato.

Nel trattamento dell’acufene, è fondamentale la collaborazione dei diversi specialisti sia nella fase diagnostica, che in quella terapeutica. Le cause dell’acufene, infatti, sono diverse e non sempre chiare. Si può in ogni caso affermare che in questo disturbo vi siano anche fattori psicologici importanti che possono incidere nel suo sviluppo e anche nella sua gestione. Una presa in carico corretta di questi pazienti richiede, quindi, spesso l’intervento di questa professione.

Disturbi emotivi e psicologici. Uno su tre.

Si stima che sia piuttosto importante la percentuale di persone che soffre di Acufene. Tra queste, una su tre presenta anche altri disturbi emotivi e psicologici correlati alla problematica stessa, come:

  • difficoltà di concentrazione
    spesso l’attenzione è interamente rivolta alla percezione del suono disturbante
  • stanchezza e disturbi del sonno
    disequilibrio nel ritmo sonno-veglia, difficoltà nell’addormentamento, risvegli frequenti
    in generale, chi soffre di acufene riferisce che il problema si intensifica nelle ore serali e notturne, quando i rumori ambientali presenti di giorno diminuiscono, facendo emergere la percezione dell’acufene stesso
  • ansia ed evitamento
    chi soffre di acufene spesso tende a voler evitare l’esperienza disturbante, arriva a fare di tutto per evitare il silenzio, con l’effetto paradossale di far aumentare poi l’ansia stessa e il livello di stress per gestirla
  • depressione
    l’esperienza che vivono molti pazienti è quella di doversi confrontare con una problematica per la quale non esiste un unico modello di trattamento e che in molti casi non è risolutivo in modo definitivo
    la paura di dover convivere per sempre con questo malessere, senza la possibilità di alcun controllo su di esso, può portare a disturbi dell’umore importanti, finanche alla depressione
  • rimuginio
    l’acufene è il primo pensiero al mattino; è un pensiero intrusivo, ripetitivo, un pensiero che imprigiona la mente delle persone che ne soffrono, sia per quanto riguarda il fatto di trovare a tutti i costi una causa che lo ha determinato, che per la ricerca di una cura risolutiva.

Diversi livelli di sofferenza

Chi soffre di Acufene sperimenta diversi livelli di sofferenza anche in base alle sue caratteristiche psicologiche personali. La qualità di vita  ne è quindi inficiata in modo diverso, a seconda degli individui. Quello che è certo però è che i sintomi correlati all’Acufene sono invalidanti per chi soffre di questo disturbo e per chi gli sta intorno. In alcuni casi è la sofferenza psicologica a determinare un fattore di stress scatenante. Quando questo accade, si genera poi un circolo vizioso da cui è ancora più complesso uscire senza l’aiuto di una persona esperta e competente.

In ogni caso, questo disturbo rappresenta un evento stressante nella vita di un individuo, con un’importante ricaduta sulla sua vita sociale e familiare. Non di rado chi è affetto da Acufene ha avuto anche paura di soffrire di disturbi psichiatrici, dal momento che si ritrova a “sentire suoni che non vengono percepiti da nessun altro”.

Il supporto psicologico, parte della cura

Il supporto psicologico e la psicoterapia possono migliorare la qualità di vita di chi soffre di questo problema. L’intervento dello psicologo può avvenire in diversi ambiti: il sostegno psicologico al paziente nella gestione della sua patologia prima e del percorso terapeutico poi, così come il sostegno ai familiari di chi è affetto da questo problema.

L’obiettivo di un percorso psicologico è innanzi tutto quello di permettere al paziente di conoscere meglio il problema, comprenderlo e accettarlo, quando non curabile. È importante infatti aiutare la persona a liberarsi da falsi miti e credenze per lavorare invece su obiettivi realistici e concreti. Accettare il proprio disturbo è il primo passo per non dargli eccessiva attenzione e ridurre la sensazione di disagio ed handicap. Il principale obiettivo terapeutico, infatti è quello di imparare a convivere con il disturbo riducendone la percezione e limitando così gli altri disturbi ad esso correlati.

Anche strumento di cura

Con il supporto psicologico non si cerca di eliminare il problema, ma si intende aiutare il paziente a convivere meglio con il problema che vive, anziché subirlo passivamente. L’obiettivo è quello di modificare i pensieri negativi che affliggono la mente di chi soffre di acufene, col fine di superare lo stress, l’ansia e la depressione, fino ad arrivare all’accettazione del sintomo stesso.

Esistono poi degli specifici approcci terapeutici, come la terapia cognitivo-comportamentale, e alcune tecniche, come l’EMDR – Eye Movement Desensization and Reprocessing, che oltre a contribuire positivamente al contenimento del disturbo dell’acufene, possono, in alcuni casi, addirittura ridurlo fino alla sua scomparsa.

 

Dott.ssa Valeria Perego
Psicologa e Psicoterapeuta

 

3 Aprile 2021
Gli auguri nella seconda Pasqua nel Covid

Gli auguri nella seconda Pasqua nel Covid possono sembrare strani. Possono sembrare stonati a chi li riceve e a chi li fa.

E un anno fa

Eravamo nel pieno della pandemia, tutto taceva, un silenzio irreale circondava le vite di tutti noi. Per chi abita nei paesi, l’unico suono era quello degli uccelli. Non si sentiva neppure più l’abbaiare dei cani: non c’era nessuno in giro contro cui lanciare i latrati di guardia. Nelle città, a rompere il silenzio c’erano anche le sirene delle ambulanze. Tante. Un suono, un ritornello ripetuto quasi in continuazione nelle vite di chi abitava nei pressi degli ospedali con pronto soccorso. Nelle case l’angoscia per quei cari portati via dagli uomini e dalle donne del soccorso e che non si sapeva se sarebbe stato più possibile vedere.

L’incertezza e la solitudine

In molti casi, una partenza verso il buio della morte, il vuoto del ricordo di un volto che, forse, si sarebbe potuto solo immaginare nella bara che sarebbe transitata sotto casa, in quelle rare circostanze in cui le condizioni lo avrebbero permesso, nell’ultimo tragitto verso il crematorio.

Vivevamo in una condizione ovattata, immersi nell’incertezza di ciò che sarebbe potuto essere. Appesi al destino. Saremmo riusciti a contenere il virus? Avremmo trovato il modo di difenderci? Si iniziava a parlare di vaccino ma chissà quando sarebbe stato disponibile. Intanto ognuno restava chiuso nella propria abitazione. Nei casi più fortunati, con la compagnia dei propri familiari. In molti altri, nella solitudine di un’età in cui tutti gli altri sono già andati.

Ci dicevamo che non avremmo mollato, che ce l’avremmo fatta e che ne saremmo usciti migliori.

Siamo alla seconda Pasqua

Sono cambiate molte cose e non ne sono cambiate molte altre, in questo anno. Sembra che ce la faremo ma probabilmente non siamo diventati migliori. Abbiamo avuto bisogno di cercare dei colpevoli che spiegassero la sofferenza e giustificassero il non rispetto delle regole. E’ lo sport dell’uomo: cercare un responsabile su cui proiettare le nostre paure e le ragioni delle nostre fusghe. In molti si sono scoperti esperti virologi ed economisti. E’ lo sport nazionale: scoprirsi esperti di calcio, di terremoti, di virologia e di tutte quelle cose che, di volta in volta, occupano l’attenzione dell’opinione pubblica.

La capacità di ascoltare con umiltà e senso della collettività, quella spesso non ce l’abbiamo, non è ancora diventata uno sport cui dedicarsi con la stessa passione di quelli che pratichiamo in modo assai poco probabile.

E’ arrivato il vaccino. La pandemia non è ancora finita. Abbiamo preteso che dopo il miracolòo della scoperta dei vaccini in così poco tempo, assolutamenete inimmaginabile un anno fa, fossero in sol colpo disponibile, nello stessso momento, migliardi di dosi. E che nello stesso momento fossero inoculate a tutti. Salvo, contemporaneamente, scoprirci immunologi er avere la pretesa di spiegare che questo prodotto va bene mentre quell’altro va male. L’orgia delle parole a vuoto, dei negazionisti e dei pretesi esperti, dei complottisti e di coloro che lamentano questa o quella ingiustizia, è esplosa, incontenibile, spesso alimentate in modo irresponsabile da questo o quell’esponente politico.

La pandemia non è ancora finita

Prima era silenzio, ora chiasso. Il chiasso ancora più intenso di quello gioioso che riescono a realizzare gli uccellini, nelle albe di Primavera. Ognuno detentore di una verità da affermare, dichiarare, far rimbalzare. Ognuno alla ricerca del riconoscimento, in fondo. Spettacolo triste dagli effetti pericolosi cui hanno partecipato in tanti. Troppi. Dalla gente comune, agli esponenti politici, ai giornalisti, addirittura a membri del mondo scientifico. La rincorsa alla notizia, allo scoop, all’attenzione mediatica.

Vediamo la luce in fondo al tunnel ma non è ancora finita. Molti non ci credono o non ci vogliono credere. E’ così. Mai come in questi momenti sono necessari comportamenti responsabili e la corretta applicazione delle disposizioni che vengono date. Pericolosissimo per tutti, avanzare pretese corporative sulla precedenza nelle vaccinazioni. Ne va del successo del piano vaccinale e della salute dell’intera comunità. Pare così strano ma in molti non capiscono che da questa situazione si può uscire solo tutti insieme o non si esce. E per uscirne tutti insieme bisogna necessariamente seguire un percorso disegnato su ragioni scientifiche e logiche.

Pericolosissimo anche l’abbassare la guardia. Lo strepitare contro le norme di contenimento che ancora dobbiamo seguire. Nascondersi dietro la pretesa di sapere, ognuno, quale sia la verità e trovare alibi per non rispettare quanto è ancora necessario per non ammalarsi, per non morire, per rendere ancora più difficile e lontana la soluzione.

Si dice e si ripete che si è stanchi. Qualcuno risponde che il virus non tiene conto della stanchezza delle persone. Molti si ostinano a non volerlo capire.

Gli auguri nella seconda Pasqua nel Covid possono sembrare strani

Gli auguri nella seconda Pasqua nel Covid noi li vogliamo fare. Non li sentiamo strani né stonati.

Sono rivolti ai nostri pazienti che per noi sono persone da prendere in carico nella loro interezza. Persone e non malattia che noi accogliamo e mettiamo al centro della nostra attenzione.  Perché possano trovare una medicina di qualità vicina a loro, noi siamo Medicina Vicina: prestazioni medico-specialistiche e riabilitative senza liste di attesa, a costi contenuti e erogate da professionisti di alta qualità. Soprattutto, professionisti che lavorano insieme iintorno alla persona che non si sente “rimbalzata” da una parte all’altra ma accompagnata durante tutto il percorso di diagnosi e cura.

Facciamo gli auguri anche ai familiari delle persone che si rivolgono a noi, ai loro cari, a quelli più prossimi e a quelli più lontani. A coloro che condividono la sofferenza di chi sta poco bene e partecipano con lui alla vita di tutti i giorni e alla cura.

Mandiamo i nostri auguri ai molti amici che abbiamo intorno a noi. A quelli che ci sostengono con la loro stima e la loro simpatia. Tra questi, cui sono coloro che realizzano con noi progetti e attività per la promozione dell’educazione della salute tra i cittadini. Ci sono anche quelli che non ci fanno mancare la loro attenzione e qui non possiamo non nominare l’Eco di Bergamo, il più importante organo di informazione della provincia.

Gli auguri nella seconda Pasqua nel Covid anche ai nostri professionisti

In un momento in cui le persone faticano a rivolgersi agli ospedali per le prestazioni medico-specialistiche e riabilitative, Politerapica rappresenta un punto di riferimento per il territorio e i suoi cittadini. Siamo a pert e forniamo servizi di diagnosi e cura di primo livello di notevole qualità. Lo facciamo e lo possiamo fare perché i nostri profesisonisti sono straordinari. Lo sono ssul piano professionale ma soprattutto su quello umano.

A loro, ai nostri

  • medici specialisti
  • psicologi e psicologhe
  • terapisti e terapiste
  • colleghe amministrative

mandiamo gli auguri pieni di gratitudine. Lo facciamo con l’orgoglio di avere il privilegio di lavorare con loro, con ognuno di loro.

Gli auguri nella seconda Pasqua nel Covid sono particolari.

Auguri perché ognuno possa trascorrere qualche giorno di serenità nel modo che riterrà migliore. Perché possa in questi giorni trovare un po’ di pace e un po’ di silenzio non opprimente ma libero. Auguri per il tempo che verrà poi e perché possa questo portare un po’ di benessere. Nel corpo e nello spirito.

28 Marzo 2021
Cistifellea e laparoscopia spiegati dalla Dott.ssa Pina

Cistifellea e laparoscopia spiegati dalla Dott.ssa Pina sulla Pagina della Salute dell’Eco di Bergamo del 28.3.2021. E non solo questo. La Dott.ssa Maria Enrica Daniela Pina è un chirurgo di notevole esperienza. Opera presso l’UOC di Chirurgia Generale dell’Ospedale di Alzano Lombardo che fa parte dell’ASST Bergamo Est e visita in Politerapica per convenzione tra l’Azienda ospedaliera e la nostra struttura. Svolge attività professionale da oltre vent’anni, curando sempre il rapporto diretto con le persone che si rivolgono a lei. Grande competenza, dunque, la sua, e anche grande umanità. Sono questi gli ingredienti che le permettono di scrivere articoli su temi complessi della chirurgia con cognizione di causa, per le persone comuni.

Dott.ssa Maria Enrica PinaColecisti o cistifellea?

Colecisti e cistifellea sono sinomimi e indicano un organo dell’apparato digerente. Parte da qui la Dott.ssa Pina. La sua funzione – continua – è quella di “immagazzinare la bile prodotta dal fegato e di rilasciarla nel duodeno durante il processo della digestione”.

Fin qui tutto bene. Il fatto però è che, come tutte le altre parti del corpo umano, anche questa si può ammalare. “La calcolosi della colecisti è una malattia che colpisce quest’organo. E’ dovuta all’aumento della concentrazione di colesterolo nella bile con formazione di cristalli (microcalcoli). Questi successivamente aumentano di volume, da pochi millimetri fino a 4-5 cm”. Parliamo di una malattia che “colpisce maggiormente le donne, 4 volte di più rispetto ai maschi. Le gravidanze, l’obesità, le malattie infiammatorie dell’intestino e l’ereditarietà sono fattori che predispongono a questa patologia”.

135.000 nuovi casi all’anno

“Una malattia diffusa”, spiega la dott.ssa Maria Enrica Pina. “La malattia è presente in circa il 10-15% della popolazione adulta nei Paesi occidentali e ogni anno una parte di queste persone (tra l’1 e il 4%) diventa sintomatica. In Italia ci sono 135.000 nuovo casi all’anno per un totale stimato di 2,5 milioni di persone portatrici di calcolosi della colecisti”.

Finché rimane silente, la calcolosi della colecisti non dà problemi. Quando però cominciano a manifestarsi i sintomi, possiamo ben dire che sono dolori! “Può manifestarsi improvvisamente – scrive la Dottoressa – con colica biliare caratterizzata da dolore alla bocca dello stomaco e sotto l’arcata costale destra. A volte può manifestarsi direttamente con una malattia più complicata come la colecistite acuta, cioè l’infiammazione della colecisti. Oppure con l’ittero, dovuto alla migrazione dei calcoli dalla colecisti nella via biliare che si ostruisce; ciò provoca aumento di bile nel sangue (itterizia). O, ancora, con la pancreatite acuta, una grave infiammazione del pancreas, dovuta alla migrazione dei calcoli nella via pancreatica”.

A quel punto si opera

Quando ci sono i sintomi, si opera. L’intervento chirurgico consiste nell’”asportazione della colecisti e dei calcoli in essa contenuti. Si rimuove così l’organo malato evitando complicanze per la possibile migrazione dei calcoli”. La colecistectomia, come si dice in termini medici.

Questo è un intervento che viene eseguito da oltre un secolo. Può essere praticato “con tecnica tradizionale, attraverso un taglio sull’addome, o per via laparoscopica, detta tecnica mininvasiva. Fino agli anni 90 si adottava la sola tecnica tradizionale. Dal 1990 in poi si è iniziata a diffondere la tecnica laparoscopica che oggi rappresenta la metodica migliore e più adottata per l’intervento in elezione, cioè programmata”.

La laparoscopia una rivoluzione

Vent’anni di esperienza professionale presso l’UOC di Chirurgia Generale dell’Ospedale di Alzano Lombardo, diretta dal Dott. Pierpaolo Mariani. Circa 5.000 interventi eseguiti. Con questi numeri, la Dott.ssa Pina può descrivere in modo semplice e chiaro una procedura che ha rivoluzionato la chirurgia generale.

“Si esegue in anestesia generale. Si insuffla anidride carbonica nella cavità peritoneale in modo da poter ottenere uno spazio necessario ad operare dal suo interno. Sulla parete addominale si praticano quattro piccoli tagli: uno da 1 cm sovraombelicale e altri tre da 5 mm nella parte superiore dell’addome. Qui si inseriscono una particolare telecamera e gli strumenti necessari per procedere. Si isola quindi la colecisti, sezionando il dotto cistico e l’arteria cistica che la collegano al nostro corpo; successivamente la colecisti viene staccata dal fegato ed estratta, con tutti i suoi calcoli all’interno, attraverso il taglio sopra l’ombelico”.

Dura di meno e guarisce prima

La tecnica laparoscopica è più rapida di quella tradizionale e guarisce prima. “È poco invasiva” – racconta ancora la Dott.ssa Pina – “procura minore dolore, permette un decorso più rapido e una ripresa migliore. La rapidità del decorso ha raggiunto livelli notevoli. Nel reparto in cui opera, per esempio, da circa un anno, in casi selezionati, la dimissione può avvenire anche il pomeriggio successivo all’intervento. Di regola avviene comunque in seconda giornata post-operatoria”.

Cistifellea e laparoscopia spiegati dalla Dott.ssa Pina

Qui è possibile scaricare l’articolo integrale in fomrato .pdf: L’Eco di Bergamo – 28.3.2021 – Cistifellea, Marika Pina – Def

 

17 Marzo 2021
Politerapica ancora centro accreditato Fincopp

Politerapica ancora centro accreditato Fincopp per la riabilitazione dell’incontinenza e delle disfunzioni del pavimento pelvico. Fincopp ci aveva concesso il prestigioso riconoscimento già nel 2011 e ce lo aveva poi rinnovato nel 2015. Ora ce lo ha nuovamente confermato per il periodo 2021/2024.

Politerapica ancora centro accreditato Fincopp

Fincopp – Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico accredita solo alcuni centri che si occupano del trattamento dell’incontinenza e delle disfunzioni pelvi-perineali. Si tratta di quei centri che rispettano gli alti standard qualitativi e metodologici che l’Associazione di pazienti – tale è Fincopp – ritiene indispensabili per la corretta presa in carico delle persone che soffrono di questi disturbi. Una presa in carico globale e multidisciplinare. Il riconoscimento ha valore per quattro anni e è soggetto a controlli periodici circa gli indicatori di assistenza e qualità della struttura.

In realtà, gli accreditamenti sono due: quello per l’incontinenza urinaria e quello per l’incotninenza fecale. Già nelo 2011, Politerapica ha ottenuto l’uno e l’altro e ambedue le sono stati sempre rinnovati. Questa volta con parole di encomio del Presidente dell’Associazione, Cav. Francesco Diomede. “Ci congratuliamo per l’operato da Voi svolto in favore delle persone incontinenti e con disfunzioni del pavimento pelvico” – scrive – “anche in un periodo difficile come quello attuale a causa del covid 19”. “La presenza sul territorio” – aggiunge – “di una struttura che risponda alle esigenze dei pazienti è per noi importante e costituisce per la Fincopp motivo di orgoglio”.

Qui la lettera di conferma, in formato integrale: FINCOPP – LETTERA RINNOVO ACCREDITAMENTO CENTRO POLITERAPICA

Una équipe multidisciplinare di alto livello

Lo raccontiamo con orgoglio: la équipe che compone l’ambulatorio dell’incontinenza e delle disfunzione del pavimento pelvico in Politerapica, è composta da profesisonisti di altissimo livello:

  • due urologi
  • un proctologo
  • una ginecologa
  • un chirurgo pediatrico
  • un fisiatra
  • una neurologa
  • una psicologa
  • un sessuologo
  • una fisioterapista
  • una ostetrica

Noi prendiamo in carico la persona nella sua interezza e la accompagniamo attraverso i percorsi di diagnosi, trattamento e cura nella loro globalità. Consideriamo il pavimento pelvico come un’unità indivisibile in sottoparti e la guardiamo nel suo insieme. Pensiamo anche che, a sua avolta, il pavimento pelvico sia una parte della persona che è fatta di fisico, di mente, di relazioni e di tutte queste sue parti, insieme, siamo pronti a occuparci.

Un team ancora più ampio

Intorno al team multidisciplinare del pavimento pelvico, in Politerapica ci sono i professionisti di tutte le altre specialità presenti in struttura. Tra le altre:

  • angiologia
  • cardiologia
  • chirurgia
  • dermatologia
  • diabetologia
  • dietologia
  • endocrinologia
  • gastroenterologia
  • geriatria
  • medicina internistica
  • pediatria

Un ambiente di alta professionalità all’interno del quale la persona si sente accolta e accompagnata attraverso i vari momenti della soluzione del suo problema. Non ci sono invii tra uno specialista e l’altro e il paziente non è costretto a girare da un professionista all’altro. Questo perché Politerapica è Medicina Vicina.

Fincopp

Fincopp – Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico è un’Associazione di volontariato che si prefigge l’aggregazione ed il reinserimento sociale dei cinque milioni di cittadini incontinenti. La Federazione tutela la qualità di vita dei pazienti e la fornitura dei dispositivi medici (pannoloni, traverse, sonde, cateteri, ecc., ecc…). Rivendica inoltre la rimborsabilità dei farmaci per la continenza e l’utilizzo gratuito delle nuove tecnologie mediche e chirurgiche.

Fincopp ha contribuito a stimolare diverse proposte di legge in favore dei cittadini incontinenti. Su richiesta dell’Associazione, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, con direttiva del 10 maggio 2006, ha approvato la “Giornata Nazionale per la Cura e la Prevenzione dell’Incontinenza“, che ogni anno si svolge il 28 giugno. Nel 2007 il Presidente della Repubblica On. Giorgio Napolitano, ha elogiato la Federazione, i suoi Operatori sanitari e il Presidente Diomede per il lavoro svolto.

La Federazione collabora con i professionisti dell’incontinenza. Insieme a loro favorisce la realizzazione di studi e ricerche di settore. Fornisce inoltre:

  • formazione ed informazione socio-sanitaria
  • consulenze di gratuite tramite il Numero Verde
  • informazioni sui dispositivi medici
  • consulenza legislativa
  • consulenza burocratica
  • tutela dei diritti
  • convegni e meeting

 

Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93.
Per informazioni e appuntamenti: tel. 035.298468.

16 Marzo 2021
Che giornata il 13 marzo per la prevenzione!

Che giornata il 13 marzo per la prevenzione! LILT Bergamo Onlus e Politerapica – Terapie della Salute hanno lavorato insieme per raccontare quanto sia importante la corretta alimentazione per la prevenzione dei tumori.

SNPO – Settimana Nazionale della Prevenzione Oncologica

Nel 2001, per iniziativa della LILT – Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, l’allora Presidente del Consiglio dei Ministri ha istituito per decreto la Settimana Nazionale della Prevenzione Oncologica. Un’iniziativa di informazione e sensibilizzazione rivolta ai cittadini sugli strumenti di prevenzione contro il cancro. A cominciare dalla corretta alimentazione e dall’adozione dei giusti stili di vita. Si stima infatti che alimentandosi in modo equilibrato si possa prevenire il 35% dei tumori. Questo lo ha detto in modo molto chiaro Francesco Schittulli – Senologo e Chirurgo Oncologo, Presidente nazionale LILT, nella brochure realizzata per raccontare l’iniziativa di quest’anno.

Qui si può scaricare la brochure integrale: SNPO 2021 – Brochure. Al suo interno anche un ampio capitolo dedicato alle fake news sui cibi e il cancro.

La campagna si tiene tradizionalmente nel mese di Marzo, in partnership con FNOMCeO, Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, ANCI-Associazione Nazionale Comuni Italiani, CONI-Comitato Olimpico Nazionale Italiano, CIA-Agricoltori Italiani e l’Associazione CITTÀ DELL’OLIO.

Già, l’olio, perché l’olio extra-vergine di oliva, principe della dieta mediterranea, è da sempre il simbolo della campagna. I volontari LILT lo propongono in banchetti allestiti nelle piazze sul territorio per promuovere la sana alimentazione e per fare un po’ di raccolta fondi.

Fermi nel 2020 ma determinati nel 2021. La 20° Edizione.

A Febbraio del 2020 è scoppiata la prima ondata della pandemia di Covid-19. Tutti sono rimasti tutti schiacciati sotto l’impeto violento di una pandemia che ha messo in ginocchio il Mondo intero. In questa condizione, per la prima volta dopo 19 anni, LILT Bergamo Onlus non ha potuto organizzare alcuna attività per la Settimana della Prevenzione. Nel 2021, però, l’Associazione non ha voluto farsi trovare impreparata e si è organizzata per tempo. La Settimana è infatti un’iniziativa di cui è evidente la necessità perché è seguita da un numero sempre maggiore di cittadini, anno dopo anno. Anche questo, naturalmente, in cui la campagna è giunta alla sua 2o° edizione e nella quale sono stati testimonial il calciatore Demetrio Albertini e il cuoco Davide Oldani. Con loro, il messaggio è stato proprio centrato: sana alimentazione e sana attività fisica. Lo stile di vita mediterraneo, insomma.

Quest’anno non ci sono stati banchetti né distribuzione di olio sul territorio bergamasco ma una serie di iniziative mediatiche aperte a tutta la popolazione. Prima tra tutte la conferenza in diretta sul web, organizzata con Politerapica di Seriate. Un’occasione ancora più importante, nel 2021. Quest’anno, infatti, la Lega Italiana per la Lotta contro i tumori Onlus, sezione di Bergamo compie 90 anni. 90 anni di una vita intensa per aiutare le persone malate di cancro, per favorire la ricerca, la diagnosi precoce e la cura di questa terribile malattia.

La conferenza su YouTube

La trasmissione è andata in onda Sabato 13 Marzo alle ore 18,00, sul canale YouTube di LILT Bergamo Onlus e sul canale YouTube di Politerapica – Terapie della Salute. Notevole la partecipazione di pubblico che è intervenuto con numerose domande, tutte pertinenti.

Un incontro che alla fine è durato più di un’ora e che ha permesso di guardare da diversi punti di vista il tema della prevenzione del cancro attraverso la giusta alimentazione. Hanno partecipato ai lavori:

  • Lucia De Ponti
    Presidente LILT Bergamo Onlus
  • Roberto Sacco
    Medico specialista di chirurgia generale
    Presidente Onorario LILT Bergamo Onlus
  • Maria Britta
    Medico specialista di endocrinologia in Politerapica- Terapie della Salute
  • Valeria Perego
    Psicologa in Politerapica – Terapie della Salute
  • Pasquale Intini
    Direttore Politerapica – Terapie della Salute

Qui la videoregistrazione integrale dell’incontro:

Che giornata il 13 marzo per la prevenzione!

E già, perché non ha fatto in tempo a finire la conferenza che su BergamoTV è andata in onda un’edizione speciale della trasmissione Medicina 33. L’appuntamento settimanale della televisione bergamasca con la medicina, la salute, il benessere questa volta è stato dedicato interamente alla prevenzione oncologica e alla corretta alimentazione come efficace strumento di prevenzione.

In studio, ospiti di notevole prestigio ed esperienza:

  • Lucia De Ponti, presidente LILT Bergamo
  • Giordano Beretta, presidente AIOM e Direttore Oncologia Humanitas Gavazzeni
  • Claudio Macca, medico nutrizionista Humanitas Gavazzeni

Con loro, il giornalista Max Pavan che ha condotto con tutta la sua nota sensibilità e preparazione.

Qui il video della prima parte della trasmissione:

Qui il video della seconda parte della trasmissione:

Notevole copertura mediatica

L’Eco di Bergamo, il principale organo di informazione della provincia, ha seguito con notevole attenzione l’iniziativa.

Il 10 Marzo ha annunciato la conferenza con un articolo in cronaca:

L'Eco di Bergamo - 10.3.2021 - Politerapica e LILT insieme

L’Eco di Bergamo – 10.3.2021 – Politerapica e LILT insieme

Qui in formato .pdf: L’Eco di Bergamo – 10.3.2021 – Politerapica e LILT insieme

Il 15 marzo ha fatto la cronaca dettagliata dell’evento con un articolo di mezza pagina:

L'Eco di Bergamo - 15.3.2021 - Conferenza LILT e Politerapica

L’Eco di Bergamo – 15.3.2021 – Conferenza LILT e Politerapica

Qui in formato .pdf: L’Eco di Bergamo – 15.3.2021 – Conferenza LILT e Politerapica

LILT Bergamo e Politerapica insieme

Che giornata il 13 marzo per la prevenzione! LILT Bergamo e Politerapica insieme. Un’associazione di volontariato senza scopo di lucro e una struttura sanitaria privata che ha fatto dei principi di responsabilità sociale d’impresa il riferimento della sua strategia e della sua missione. Due realtà diverse, unite per portare sul territorio l’educazione alla salute e promuovere con essa quei comportamenti sani e orientati al benessere che stanno alla base di qualsiasi attività di prevenzione.

LILT Bergamo e Politerapica. Insieme si può. Insieme funziona.

 

7 Marzo 2021
GMP Italia in convenzione con Politerapica

GMP Italia in convenzione con Politerapica per permettere ai collaboratori del gruppo un accesso ancora più semplice ai servizi della nostra struttura sanitaria. La convenzione è estesa ai familiari conviventi ed è già operativa.

GMP Italia, un’eccellenza bergamasca

GMP Italia non è un’azienda, è un gruppo che porta l’eccellenza dell’industria bergamasca nel Mondo. Si legge sul loro sito che sono specializzati “nella progettazione e produzione in serie di componenti in alluminio“. Si tratta di componenti “di alta qualità per il settore dell’industria automobilistica a livello internazionale”. Particolare attenzione ed esperienza il Gruppo mette nel settore dei cerchi in lega leggera. In questo ambito è leader sul mercato mondiale.

La sede aziendale è ad Albano Sant’Alessandro, nel cuore della provincia bergamasca, divenuta il “centro geografico” dell’industria europea. Una sede che occupa un’area di 27.000 mq, di cui più di 16.000 mq sono dedicati ai reparti di produzione.

Un’impostazione innovativa

A quattordici anni dalla sua fondazione, il marchio è oggi affermato a livello nazionale e internazionale. Questo è dovuto alla visione innovativa con cui è gestita l’attività aziendale.

Punto di forza è la cultura della professionalità del personale. I collaboratori interni sono altamente specializzati e hanno maturato un’esperienza che oggi rappresenta un patrimonio importante per G.M.P. Group. Insieme, svolgono la loro attività, in un continuo coordinamento sinergico. Ne deriva un’elevata efficienza e qualità produttiva.

Un altro importante punto di forza è il continuo processo di ricerca e sviluppo. Ne deriva una continua crescita di competenza e innovazione tecnologica a livello produttivo. Tutti fattori che, combinati con l’attenzione al design, hanno permesso a GMP Italia di essere oggi un punto di riferimento nel settore.

Lo raccontano col giusto orgoglio

Si legge sul loro sito: “Siamo cresciuti nel paese che ha disegnato le meraviglie del mondo, che ha inventato le tendenze che da decenni sono fra le principali fonti d’ispirazione del settore industriale mondiale, una ragione ci sarà! Quale? La costante e instancabile ricerca della perfezione”.

Il giusto orgoglio aziendale per affermare l’essenza della propria vision e le radici su cui si è sviluppata.

La struttura e le prestazioni di Politerapica

Politerapica – Terapie della Salute è una struttura sanitaria privata che opera a Seriate dal 2008 e che eroga servizi e terapie per la cura e la prevenzione:

  1. Ambulatorio Multidisciplinare Polispecialistico – Medicina Vicina
    con visite specialistiche eseguite da specialisti di grande competenza, senza liste di attesa, al costo di 70€
  2. Ambulatorio di Consulenza Vaccinale e Somministrazione Vaccini
  3. Piccola Chirurgia Ambulatoriale
  4. Ambulatorio Oncologia Dermatologica – Melanoma
  5. Ambulatorio di Medicina dello Sport
    certificazioni di idoneità all’attività sportiva non agonistica
  6. Riabilitazione motoria
  7. Programma di trattamento della scoliosi in età evolutiva
    con approccio integrato specialistico/fisioterapico e attività alternata individuale/gruppo
  8. Ambulatorio Multidisciplinare Incontinenza e Disfunzioni del Pavimento Pelvico
  9. Ambulatorio Uro-Gastro-Intestinale del bambino
  10. Chirurgia Plastica e Medicina Estetica
  11. Sostegno Psicologico, Psicopedagogico e Psicoterapeutico

Di non minore importanza è l’attività di prelievo per l’esecuzione di tamponi per ricerca RNA virale per Covid-19.

Politerapica è Medicina Vicina

Politerapica è Medicina Vicina:

  • mette a disposizione visite specialistiche e prestazioni erogate da professionisti di alto livello
  • evita al paziente lunghe liste di attesa
  • offre assistenza di qualità elevata a prezzi accessibili
  • specialisti e professionisti sanitari lavorano insieme intorno al paziente

Politerapica è vicina ai cittadini, al territorio e alle sue realtà produttive!

GMP Italia in convenzione con Politerapica

Una convenzione che abbiamo stipulato con piacere. La convenzione è operativa. I collaboratori di GMP Italia possono contattare la nostra segreteria per fissare appuntamenti. Vale per loro e per loro familiari conviventi.

Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale, 93.
Per informazioni e prenotazioni: Tel. 035.298468

 

7 Marzo 2021
Un altro passo per essere vicini al territorio

Un altro passo per essere vicini al territorio è quello della convenzione tra Politerapica e GN Techonomy. Da oggi tutti i collaboratori e loro familiari conviventi della prestigiosa società di consulenza possono accedere in modo ancora più facile alle nostre prestazioni.

GN Techonomy

GN Techonomy ha sede a Milano e centrale operativa a Calusco d’Adda. Si distingue nel panorama nazionale delle strutture che offrono consulenza di alto livello. Come si legge sul loro sito, “GN Techonomy è nata nel 1995 con lo scopo di portare l’innovazione nell’ecosistema di business creando valore per i Clienti”. Il loro, è scritto, è “un approccio consulenziale in linea con l’innovazione tecnologica finalizzata alla digitalizzazione dei sistemi aziendali; formazione, certificazione e professionalità sono gli elementi che caratterizzano” i loro collaboratori.

E ancora: “Grazie alla specializzazione ed all’esperienza dei consulenti di GN Techonomy e alle tecnologie dei più importanti produttori, come Oracle e Software AG, siamo in grado di offrire sia alle grandi realtà aziendali che a quelle in espansione, una suite completa di soluzioni che permette di essere sempre competitivi sul mercato globale”. Una struttura all’avanguardia, dunque, capace di guardare lontano.

Il nostro orgoglio

Restare modesti è segno di saggezza. Noi cerchiamo di farlo in ogni occasione. Ci sforziamo sempre di ricordarci che siamo una piccola struttura, ultima nata nel panorama delle realtà sanitarie che operano in provincia di Bergamo. A volte, però, diventa difficile. GN Techonomy ha contattato Politerapica per chiedere di accedere ai suoi servizi a condizioni particolari, come già noi facciamo per diverse altre aziende e realtà sul territorio bergamasco e – sì, ci stiamo allargando – anche lombardo. Abbiamo risposto positivamente, ovviamente. Un’altra richiesta ricevuta, insomma, e un’altra richiesta accolta.

Questo è per noi motivo di orgoglio. L’orgoglio di una azienda che lavora in ambito sanitario, cercando di fare dell’eccellenza delle sue attività qualcosa di prezioso per cittadini e territorio e ne riceve il riconoscimento. Anche delle strutture produttive ed economiche di primo livello che vi operano.

Un altro passo per essere vicini al territorio

La convenzione è già operativa. Dda subito i collaboratori di GN Techonomy e i loro falmiliari conviventi possono accere ai servizi e alla prestazioni di Politerapica a condizioni ancora più facili.

Un altro passo per essere vicini al territorio di Politerapica perché noi siamo Medicina Vicina, la nuova Idea di Salute di Politerapica – Terapie della Salute.

 

Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93.
Per informazioni e prenotazioni, tel. 035.298468

4 Marzo 2021
Parte col primo di cinque il ciclo non solo per medici

Parte col primo di cinque il ciclo non solo per medici di formazione sulla Medicina Vascolare. L’iniziativa è organizzata e curata da da SIMV – Società Italiana di Medicina Vascolare. Il tema del primo dei cinque incontri sarà proprio la Medicina Vascolare. Ogni appuntamento sarà tenuto in modalità Webinar.

Medicina Vascolare.

La Medicina Vascolare – è scritto nel documento che illustra il razionale del corso – nasce dall’esigenza di sviluppare una vera e propria disciplina medica. Una disciplina “dedita allo studio ed all’approfondimento della eziologia, fisio-patologia, clinica, diagnosi, trattamento e riabilitazione della patologia vascolare dal punto di vista medico”.

Le patologie dell’apparato cardio-vascolare sono al primo posto come prevalenza nella popolazione mondiale.  Negli ultimi decenni le possibilità diagnostiche e terapeutiche mediche di queste affezioni si sono enormemente sviluppate ed arricchite. Oggi è possibile affrontarle in maniera più adeguata ed efficace.

Si tratta – ormai è chiaro – di un ambito che non può riguardare solo i medici e, tra i medici, solo i chirurghi. “La distribuzione ubiquitaria nell’organismo dei vasi fa sì che le discipline e le specializzazioni coinvolte siano molteplici e che l’aspetto multidisciplinare nel combattere tale patologia sia imprescindibile“.

Qui è disponibile il razionale dell’evento, in formato .pdf: SIMV – Webinar 13.3.2021 – La Medicina Vascolare – Razionale

Il primo corso.

Il corso “La Medicina Vascolare” si tiene Sabato 13 Marzo 2021, dalle 10,00 alle 12,00. Multidisciplinare e multicentrico può essere definito il parterre dei relatori. Il programma proposto è ricco di contenuti e di punti di vista:

  • La Medicina Vascolare in Italia e nel Mondo
  • Dall’Angiologia alla Medicina Vascolare
  • La Medicina Vascolare intersocietaria e initerdisciplinare: rete o nodo?
  • Il rapporto con le altre specialità mediche

Qui è disponibile il programma dettagliato, in formato pdf: Loc_Evento_Webinar_Blu_13_Mar_2021

I lavori sono aperti a chiunque incontri le patologie ambito cardio-vascolari nell’ambito della propria attività professionale:

  • medici specialisti e specializzandi in oltre 20 specializzazioni mediche
  • non specialisti
  • medici di medicina generale
  • professionisti della salute
    da farmacisti a biologi, biotecnologi, fisioterapisti, laureati in scienze motorie, infermieri, podologi, tecnici di laboratorio, neurosonologi, tecnici di radiologia

Per partecipare è necessario registrarsi al link: www.fad.sidv.net. L’iscrizione è gratuiita per i soci FIV, SIMV e SIDV. SIMV assicura la sua attenzione per favorire la partecipazione anche dei non soci.

Il ciclo completo.

Gli incontri del ciclo completo sono di grande spessore per i temi in programma e per il livello dei relatori che vi intervengono. Il calendario:

  • 13 marzo 2021
    La Medicina Vascolare
    ore 10 – 12
  • 27 marzo 2021
    L’Arteriopatia periferica degli arti inferiori
    ore 10 – 12
  • 10 aprile 2021
    In tema di trombosi
    ore 10 – 12
  • 24 aprile 2021
    Il fenomeno di Raynaud
    ore 10 – 12
  • 15 maggio 2021
    In tema di stenosi carotidea
    ore 10 – 12

Qui è disponibile il calendario completo del ciclo, in formato .pdf: Loc_Eventi_Webinar

Un’iniziativa importante.

Un’iniziativa importante, quella di SIMV. Nata solo un anno fa, la Società sta proponendo una visione innovativa di un ambito, quello delle patologie cardio-vascolari, che assume un’impronta anche marcatamente medica ma soprattutto multispecialistica e multiprofessionale.

28 Febbraio 2021
Marco Bianchi racconta l

Marco Bianchi racconta l’ernia e come si cura sulle Pagine della Salute de l’Eco di Bergamo di Domenica 28 Febbraio 2021. In realtà, il Dott. Bianchi, chirurgo in Politerapica, racconta molto di più. Spiega cosa sia l’ernia inguinale, come e perché venga, come si curi. In particolare come si cura con la chirurgia laparoscopica e i vantaggi davvero notevoli di questa metodica per il paziente.

L’ernia inguinale

Entra subito in argomento il Dott. Bianchi e spiega che “l’ernia è la fuoriuscita di un viscere dalla cavità naturale che lo contiene”.  Prosegue dicendo che “l’ernia inguinale è la più comune delle ernie di parete”. Quindi spiega che “si verifica quando un tratto di initestino sporge attraverso un punto debole della parete addominale”.

Ci si può convivere fintanto che il rigonfiamento che produce si riduce sdraiandosi a pancia in su. “I disturbi più comuni – continua lo specialista di Politerapica – sono il senso di peso e di fastidio fino al dolore vero e proprio che può interferire nelle normali attività quotidiane (come stare in piedi o camminare). A volte procura anche difficoltà nella digestione.

Non è comunque una questione da sottovalutare. “Con il tempo – aggiunge il Dott. Marco Bianchiil rigonfiamento può ingrossarsi e negli uomini interessare anche la sacca che contiene i testicoli”. Possono esserci altre complicanze, pure gravi “se il suo contenuto non riesce più a rientrare nella cavità addominale (incarcerazione con occlusione intestinale) o se l’eventuale ansa intestinale si «strozza» al suo interno con danno che porta alla perforazione intestinale e conseguente peritonite”.

L’intervento chirurgico

“Un’ernia piccola è più facile da riparare di un’ernia grossa e presente da anni“. Per questo, l’intervento chirurgico è fortemente consigliato già dai momenti iniziali della patologia”. A parlare è sempre Marco Bianchi che spiega poi quali siano le tecniche chirurgiche che si utilizzano.

Quella tradizionale è stata messa a punto negli anni 80 e consiste nel prosizionamento di una rete di materiale biocompatibile che ripara il buco da cui esce l’ernia. Si tratta di una metodica che ha ridotto notevolmente i casi di recidiva rispetto a quelle usate precedentemente, portandoli al 2%.

Quella più innovativa, che ha portato i maggiori vantaggi, è stata la tecnica laparoscopica. La descrive il Dott. Annibale Casati, Direttore dell’équipe chirurgica della Casa di Cura Palazzolo di Bergamo, di cui fanno parte il Dott. Marco Bianchi e il Dott. Giovanni Perrucchini, anche lui specialista in Politerapica.

La laparoscopia per l’ernia

La laparoscopia “permette di sostituire il classico taglio all’inguine cono tre piccoli tagli: uno si i1 cm e 2 di 0,5 cm”. Attraverso questi minuscoli taglietti, si entra nell’addome e grazie ad una microtelecamera che permette una visione dall’interno, si può posizionare la rete per riparare l’ernia.

I vantaggi di questa tecnica sono diversi e spesso poco conosciuti:

  • minor dolore
  • risultato estetico migliore per assenza di cicatrici
  • ripresa più rapida dell’attività
  • non necessità di strumenti contenitivi dopo l’operazione
  • esecuzione in day surgery: il paziente entra in ospedale al mattino e esce alla sera
  • rischi di complicazioni molto bassi

Una tecnica sicura ed efficace, precisa il Dott. Bianchi che visita in Politerapica e opera in Palazzolo. Lo dimostrano “per esempio gli oltre 4.000 initerventi eseguiti negli ultimi 25 anni dall’équipe della clinica per il trattamento dell’ernia inguinale”.

Una metodica che si utilizza con successo anche per altri interventi: colecistectomia, appendicectomia fino a a quelli di chirurgia più complessa come le resezioni intestinali anche per patologie tumorali.

Marco Bianchi racconta l’ernia e come si cura

Un articolo da leggere per intero. Scritto in modo semplice e chiaro, l’articolo curato da Marco Bianchi introduce in modo lineare all’interno di una patologia molto diffusa e della più moderna metodica per curarla. Spiega e tranquillizza.

Lo fa con quel suo modo pacato e cortese di parlare ad ogni persona che gli è proprio. Un modo che ha probabilmente imparato a contatto con i contadini delle Ande peruviane presso i quali svolge frequentemente attività di missione medico-chirurgica con un’attenzione e una delicatezza umane uniche.

Lo trovate qui, in formato integrale:
L’Eco di Bergamo – 28.2.2021 – Marco Bianchi, ernia inguinale

 

Il Dott. Marco Bianchi visita in Politerapica, anche per le patologie proctologiche.
Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93.
Per informazioni e appuntamenti, tel. 035.298468.