fbpx

Categoria: Archivio Newsletter

12 Novembre 2015

E’ chiara la delicatezza del tema in discussione e la sua ormai grande rilevanza sul piano della salute individuale e della salute pubblica. Nelle ultime settimane, i media hanno dato grandissimo rilievo a quello che è diventato un problema che comincia ad allarmare. Chi, come chi scrive, nel preparare questo evento, ha dovuto documentarsi sui suoi impatti anche sociali, può testimoniare la violenza della discussione in atto, fondata su argomenti seguiti in modo assai più vicino all’approccio fideistico che a quello scientifico.

Da qui la ragione del convegno e, soprattutto, quella di assicurarci la partecipazione di relatori di notevole spessore per esperienza professionale e preparazione scientifica. Tali sono tutti gli oratori che porteranno il loro contributo ai lavori. I loro profili sono disponibili nel documento che allegato, nel quale, per evidenti ragioni di spazio, il curriculum di ognuno è stato ridotto all’essenziale ma non per questo non trapela l’elevato livello della preparazione di tutti.

I loro profili:

Convegno - Vaccinazioni in età pediatrica - Profilo relatori - 15.11.12 - 1

Convegno - Vaccinazioni in età pediatrica - Profilo relatori - 15.11.12 - 2

Convegno - Vaccinazioni in età pediatrica - Profilo relatori - 15.11.12 - 3

Convegno - Vaccinazioni in età pediatrica - Profilo relatori - 15.11.12 - 4

 

 

 

 

 

 

 

 

 

28 Ottobre 2015

Convegno pubblico

Vaccinazioni in età pediatrica
Il tuo medico ne sa più di Internet

Bergamo, Sala Lombardia – Sede ASL Bergamo – Via Galliccioli
Sabato 21 Novembre 2015 – Ore 9,00
__________________

 

Premessa

Vaccinazioni
Nella storia dell’Uomo c’è una linea netta che demarca due ere ed è rappresentata dall’introduzione della vaccinazione. Vaiolo, difterite, poliomielite, rabbia, tubercolosi… Prima, non c’era niente da fare: si moriva o si restava pesantemente segnati e penalizzati per tutta la vita. Dopo, non più: si viveva, in salute. Con l’adozione delle vaccinazioni, infatti e la loro somministrazione massiva sono scomparse malattie terribili e si è contribuito in modo determinate ad alzare l’aspettativa e la qualità di vita.
Possiamo dire che se oggi l’Uomo vive più a lungo e in condizioni di migliore salute, questo è dovuto in grossa parte alle vaccinazioni e, soprattutto, a quelle in età pediatrica.

Efficacia e sicurezza
Sull’efficacia delle vaccinazioni non ci sono dubbi. Questa però, nella modalità di profilassi, è determinata dall’estensione della popolazione su cui viene praticata. Tanto più prossima questa è al 100%, tanto maggiore saranno le possibilità di impedire l’insorgere della malattia se non, addirittura, quelle di debellarla.
Altrettanto certa è la pressoché totale sicurezza dei vaccini che sono stati sviluppati nel corso del tempo, partendo dalle esperienze iniziali. Oggi, non ci sono praticamente controindicazioni alla somministrazione di vaccinazioni mentre sono gravissimi i pericoli che si prospetterebbero per i singoli bambini e per la comunità se si riducesse la somministrazione di questa fondamentale risorsa di prevenzione e salvaguardia della salute.

Esiste però un problema che diventa un pericolo
Da qualche anno, sulla base di informazioni pseudo-scientifiche pericolosissime, si sta allargando nella società l’idea che questo strumento di profilassi racchiuda in sé dei pericoli. Si tratta di una situazione che sta causando condizioni allarmanti: non solo si registra un preoccupante aumento di casi di malattie gravi o potenzialmente mortali che potrebbero invece essere controllate con la vaccinazioni ma si sta correndo il grave rischio del ripresentarsi di patologie che erano praticamente debellate.
Una condizione di pericolo, quindi, per la salute dei singoli bambini e per quella della comunità, di fronte alla quale la sanità Pubblica rischia di trovarsi impreparata non già perché priva di validi strumenti tecnici ma perché costretta ad affrontare un fenomeno di difficile gestione: quello delle opinioni sbagliate, fondate su informazioni fuorvianti e sostenute da campagne di disinformazione sempre più efficaci perché basate sulla suggestiva idea di proporre pretese conoscenze che andrebbero in direzioni diverse rispetto alla sanità ufficiale che si vuole condizionata da oscuri interessi.

Un problema con numeri importanti, in provincia di Bergamo
In provincia di Bergamo si erogano 120.000 vaccinazioni pediatriche all’anno. Un numero importante che si stima rappresenti però solo il 95% della effettiva necessità. Potrebbero quindi essere 6.000 i vaccini che ogni anno, in provincia, non vengono somministrati ai bambini, sottraendoli ad una pratica sanitaria necessaria alla loro salute e a quella della comunità.

Necessità

Capire
Il punto qui è comprendere come sia possibile che, a fronte di interventi di sanità la cui efficacia è dimostrata dai fatti tradotti in dati, la popolazione e, in particolare, i genitori, preferiscano scegliere soluzioni suggestive ma prive di fondamento scientifico che possono mettere in pericolo la salute se non la vita stessa delle persone.
Comprendere il perché l’informazione alternativa riesca ad avere un peso così importante nella vita degli individui e delle comunità. Comprendere anche il perché i messaggi di alcune fonti riescano a suscitare un’attenzione e una credibilità maggiore di quella del medico di fiducia, del pediatra in particolare. Qualcosa non funziona da qualche parte ma il problema è che questo sta diventando un pericolo reale per molti.

Informare
La necessità più importante però, nell’immediato, è quella di contrastare l’informazione scorretta, affermando in modo chiaro, preciso, comprensibile, forte e sereno allo stesso tempo, le verità scientifiche di questa delicatissima materia, le basi su cui si fondano, i dati che le confermano.
Affermarlo, raccontandolo alla popolazione, alle madri e ai padri, alle nonne, rassicurando, chiarendo, approfondendo, senza reticenze, in un percorso continuo e senza interruzioni, all’interno del quale inserire dei momenti di particolare focalizzazione.

Convegno

Destinatari

  • Genitori
  • Popolazione
  • Professioni sanitarie e socio-sanitarie vicine al bambino

Approccio e obiettivi

  • parlare della salute e della crescita del bambino
  • trattare delle patologie contrastabili con le vaccinazioni
  • illustrare il meccanismo di azione della vaccinazione e le modalità di somministrazione
  • esplorare il fenomeno dell’informazione scorretta e sfatarne la pretesa attendibilità
  • presentare l’organizzazione territoriale bergamasca dedicata alle vaccinazioni, le sue modalità di funzionamento, le sue esperienze, le sue disponibilità

con linguaggio semplice, chiaro e col diretto coinvolgimento del pubblico in una modalità di relazione diretta e trasparente.

Agenda

  • Saluti delle istituzioni
    Mara Azzi
    Direttore generale ASL di Bergamo
    Emilio Pozzi
    Presidente Ordine dei Medici di Bergamo
  • Introduzione 
    Pasquale Intini
    Direttore Politerapica – Terapie della Salute, Seriate
  • Il bambino, la sua crescita, la sua salute.
    Sergio Clarizia
    Pediatra di famiglia, Lovere
  • Le malattie che si combattono con le vaccinazioni: perché sì!
    Marco Rizzi
    Infettivologo, Ospedale Papa Giovanni XXIII, Bergamo
  • Le vaccinazioni. La loro efficacia. Le modalità di somministrazione.
    Giancarlo Malchiodi
    Vaccinologo, ASL Bergamo
  • Apocalittici e integrati: come la tecnologia sta modificando il nostro rapporto con la salute.
    Roberto Lusardi
    Sociologo, Università di Bergamo
  • Il rapporto genitore/bambino oggi: protettivo fino all’errore?
    Elena Vitali
    Psicologa e Psicoterapeuta, Politerapica – Terapie della Salute
  • Le vaccinazioni pediatriche sul territorio: cura infermieristica.
    Cinzia Prometti
    Infermiera coordinatrice, Distretto ASL Bergamo
  • Consultori ASL: informazione corretta già in gravidanza e dopo il parto. L’Ostetrica.
    Enrica Breda
    Ostetrica – ASL Bergamo
  • L’organizzazione a servizio della salute in provincia di Bergamo. I distretti.
    Monica Meroli
    Direttore Dipartimento dei Distretti – ASL Bergamo

Patrocini

  • ASL Bergamo
  • Ospedale Papa giovanni XXIII di Bergamo
  • Ordine dei Medici Bergamo
  • Comune di Bergamo
  • Provincia di Bergamo
  • Conferenza dei Sindaci della provincia di Bergamo
  • Collegio IPASVI di Bergamo
  • Collegio delle Ostetriche della provincia di Bergamo
  • Società Italiana di Pediatria
  • Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale
  • A.I.T. Onlus

Per informazioni:
Politerapica – Terapie della Salute, tel. 035.298468 , e-mail info@politerapica.it

 

Locandina del convegno

 

 

 

 

 

 

 

28 Ottobre 2015

In Politerapica iniziano le attività di Piccola Chirurgia Ambulatoriale e non è una novità da poco, questa, a pochi giorni dal primo compleanno di Medicina Vicina.

Molti i piccoli interventi ambulatoriali che sono possibili:

  • Asportazione neoformazioni cute
    nei, dermatofibromi, fibromi penduli
  • Asportazione neoformazioni sottocute
    cisti sebacee, lipomi soprafasciali sopra i 6 cm
  • Asportazione unghia incarnita – Onicectomia
    parziale, totale, radicale
  • Piccola chirurgia proctologica
    scleroterapia, legature elastiche, drenaggio ascesso perianale, …
  • Piccola chirurgia urologica
    frenulotomia

Non sono pochi e si inseriscono perfettamente nel progetto di Medicina Vicina

  • attività specialistiche
  • eseguite da primari ospedalieri e da specialisti eperti
  • senza liste di attesa
  • a prezzi particolarmente accessibili

Già, proprio Medicina Vicina e, infatti

  • gli specialisti che se ne occupano sono due dei professionisti che da sempre collaborano al progetto
    Dott. Paolo Belvisi, Primario di Urologia presso la Casa di Cura Palazzolo, Bergamo
    Dott. Marco Bianchi, Dirigente Medico presso U.O. di Chirurgia Generale e Proctologia, Casa di Cura Palazzolo, Bergamo
  • non ci sono liste di attesa perché, sin dall’inizio, saranno due le sedute mensili dedicate a questa attività
    secondo Lunedì del mese, col Dott. Marco Bianchi
    ultimo Martedì del mese col Dott. Paolo Belvisi
  • i prezzi sono davvero accessibili

Inizia dunque una nuova attività, nel solco di quanto abbiamo iniziato un anno fa. Non sarà certamente l’ultima ma, come le altre, concorrerà a sviluppare la nuova idea di salute di Politerapica: Medicina Vicina.

Per informazioni e prenotazioni:
Politerapica – Terapie della Salute, tel. 035.298468

 

28 Ottobre 2015

Succede il 1° Novembre.
Medicina Vicina, l’altra idea di salute di Politerapica compie un anno.
Sembra ieri e sembra un secolo.

E’ ancora piccola Medicina Vicina, poco più che neonata, eppure in quest’anno ha fatto cose grandi, ha attirato l’attenzione di tanti e arriva al suo primo compleanno in buona salute, determinata a continuare a crescere.
Arriva al suo primo compleanno, annoverando un team di specialisti di straordinario livello, con un’ampia gamma di servizi e di prestazioni, a disposizione di chiunque, senza lista di attesa e a condizioni accessibili.

  • Agopuntura
    Dott.ssa Anna Scorpiniti
  • Andrologia
    Dott. Paolo Belvisi
  • Angiologia
    Dott. Gabriele Alari
  • Cardiologia
    Dott. Nicola Cuocina
  • Chirurgia Generale
    Dott. Marco Bianchi
  • Chirurgia Vascolare
    Dott. ssa Veronica Bona
    Dott.ssa Miriam Fumagalli
  • Dermatologia
    Dott. Salvatore Noto
  • Dietistica e Nutrizione
    Dott.ssa Benedetta Raspini
  • Dietologia
    Dott. Aldo Corbellini
  • Ecografia
    Dott. Aldo Brevi
    Dott. Ezio Serughetti
  • Endocrinologia e Diabetologia
    Dott.ssa Danila Covelli
    Dott. Mario Salvi
  • Fisiatria – Medicina Fisica e Riabilitazione
    Dott. Pietro Agostini
  • Gastroenterologia
    Dott. Andrea Balducci
  • Geriatria
    Dott.ssa Maria Paola Zappia
  • Ginecologia e Ostetricia
    Dott.ssa Silvia Nozza
    Dott.ssa Brigida Rocchi
  • Medicina Internistica
    Dott. Gabriele Alari
  • Neuropsichiatria Infantile
    Dott.ssa Laura Consonni
  • Psicoterapia
    Dott.ssa Elena Vitali
  • Supporto Psicologico per l’età evolutiva
    Dott.ssa Elga Mazzoleni
  • Urologia
    Dott. Paolo Belvisi

Che, detto in altri termini, significa: venti discipline e ventidue specialisti! E che specialisti!

Ma non è finita qui. Medicina Vicina significa anche:

  • Piccola Chirurgia Ambulatoriale
    Dott. Paolo Belvisi
    Dott. Marco Bianchi
  • Ultrasuonografia vascolare
    Dott. Gabriele Alari
  • Videodermatoscopia – Mappatura dei nei
    Dott. Salvatore Noto
  • Ambulatorio di Endocrinologia e Ginecologia
    Dott.ssa Danila Covelli
    Dott.ssa Silvia Nozza
    Dott. Mario Salvi
  • Ambulatorio della Menopausa
    Dott.ssa Danila Covelli
    Dott.ssa Silvia Nozza
    Dott.ssa Benedetta Raspini

Soprattutto, Medicina Vicina significa un’équipe di professionisti che lavorano insieme, intorno al paziente.
Già, perché sicuramente una cosa non siamo: una somma di ambulatori medici che solo occasionalmente si trovano nella stessa sede.

Con i nostri specialisti e con il loro contributo, quest’anno, abbiamo gestito le attività medico-specialistiche in sede ma abbiamo anche svolto un’intenso lavoro di informazione e divulgazione sul territorio, insieme a quello di prevenzione. Parlano i numeri:

  • 3 convegni pubblici presso la sede ASL di Bergamo
  • 12 eventi di valutazione specialistica gratuita, tenuti nella nostra sede
  • 30 (o quasi) incontri pubblici, sul territorio, in collaborazione con le Amministrazioni Comunali

e i media ci hanno dedicato molta attenzione: radio, televisione, quotidiani, siti di notizie hanno continuato a parlare delle nostre attività e delle nostre iniziative.

E’ il primo compleanno. Sembra ieri e sembra un secolo. Lo festeggiamo con gioia, convinti che ve ne potranno essere molti altri, e che ogni volta potremo fare il bilancio di un altro periodo di crescita.

Insieme a Medicina Vicina,
compie gli anni Politerapica – Terapie della Salute.
Lo stesso giorno, sei anni di differenza: Politerapica ne compie sette.

Sette anni!
Davvero un secolo, nel corso dei quali abbiamo attraversato quella che è stata definita la più grave crisi economica della Storia moderna. Siamo nati qualche settimana dopo la chiusura della banca americana Lehman Brothers, nei primi tra anni siamo cresciuti in modo vertiginoso, eravamo a un passo dal pareggio, nel 2012 c’è la stata la seconda ondata, quella “dello spread” e abbiamo sofferto tanto, quell’anno e quelli successivi. Insieme, tutto il team, però ha continuato a crederci e nonostante la crisi mordesse l’economia globale, quella nazionale e, soprattutto, quella dei singoli, abbiamo proseguito non solo nell’attività ma anche negli investimenti. Il territorio ci conosceva e ci apprezzava. Sette anni!

Sette anni e ci siamo. Ci siamo con una buona struttura, conosciuta e riconosciuta, apprezzata:

  • 4 Fisioterapisti, tutti di grande esperienza
  • 5 Massoterapisti
  • 1 Logopedista
  • 1 Neuro-psicomotricista
  • 2 Infermiere

Ancora un’équipe che lavora insieme, che lavora in team, che lavora stretto contatto con gli specialisti e, soprattutto, che lavora col paziente, vero protagonista di qualsiasi intervento terapeutico, qui, in Politerapica – Terapie della Salute
dove le attività sono tante, tutte gestite con molta serietà, tenuta gelosamente (!) coperta sotto uno spesso velo di sana allegria:

  • Fisioterapia
  • Massaggio Terapeutico
  • Terapie Fisiche: laser, tecar, ultrasuoni…
  • Trattamento delle scoliosi in età evolutiva
  • Ginnastica fisioterapica di gruppo
  • Logopedia
  • Neuro-psicomotrictà dell’età evolutiva
  • Diagnosi e terapia dei DSA
  • Trattamento dei disturbi del pavimento pelvico

Ci si affezionano i pazienti. Ci portano amici e parenti. Se possono, rimangono a fare ginnastica. E quando finisce il loro ciclo terapeutico, ci portano torte e pasticcini, un po’ come quando si fa una festa per salutare un amico caro che parte.

Politerapica – Terapie della Salute compie sette anni.
Un secolo! Duro e intensissimo, con grosse sofferenze ma ricco di entusiasmo e di professionalità, dove la differenza l’ha fatta quella straordinaria ricetta che ci ha contraddistinto, formata da determinazione e creatività, disponibilità e attenzione verso i nostri pazienti.

Due compleanni importanti.
Medicina Vicina e Politerapica – Terapie della Salute.
Un enorme grazie a tutti coloro che hanno contribuito a renderli possibili.

28 Ottobre 2015

E’ stata stipulata una convenzione tra Fondo Assistenza Malattia Credito Bergamasco e Politerapica – Terapie della Salute, a favore di tutti gli iscritti al Fondo e dei loro familiari. L’accordo prevede l’applicazione di condizioni particolari per

  • Attività medico/specialistiche
    Medicina Vicina
  • Attività di riabilitazione
    Apparato locomotore e Pavimento pelvico
  • Attività di supporto al bambino
    Certificazione e trattamento dei DSA, sostegno per le difficoltà di apprendimento

ed è già operativo e presentato sulla Intranet del Fondo.

E’, questa, una notizia che consideriamo importante: da una parte, vediamo ancora una volta riconosciuta la qualità dei nostri servizi e la validità del nostro modello e, dall’altra, proseguiamo in quell’azione di ricerca di sinergie con le realtà presenti sul territorio che ci ha sempre distinto.

Sono, 17.000 i dipendenti del Credito Bergamasco, 3.000 dei quali in provincia di Bergamo. Un bacino interessante ma la cosa più importante è probabilmente il rapporto che si sta costruendo tra noi e il Credito Bergamasco, una realtà sul territorio che occupa una posizione da protagonista.

28 Ottobre 2015

Aumenta l’età media, aumentano gli strumenti a disposizione della scienza, aumentano i cosiddetti “stati vegetativi”.
Sembra un sillogismo. Un drammatico sillogismo!
Dice però Fabio Cavallari, giornalista e scrittore, “gli stati vegetativi non esistono”.

Tema grosso, tema attuale, tema sempre più presente nella vita di oggi, nel mondo occidentale.
Tema al quale, la Diocesi di Bergamo dedica un convegno rivolto alle professioni sanitarie
con un’impronta laica, con un approccio scientifico, con un’attenzione umana:

Persone per sempre
Viaggio nello stato vegetativo

31 ottobre 2015 – dalle ore 8.15 alle ore 14.00
Carisma, Via Gleno, 49 – Bergamo

Accesso gratuito fino ad esaurimento posti, agenda incalzante, approccio multidisciplinare, coinvolgimento di tutte le strutture della bergamasca impegnate nell’assistenza Direzione Scientifica affidata ad un professionista noto a Politerapica per la sua straordinaria umanità, coniugata con una competenza professionale invidiabile: il Dott. Giovanni Battista Guizzetti, Responsabile Reparto Stati Vegetativi del Centro “Don Orione” di Bergamo.

Motivi validi per partecipare ad un evento ricco sul piano scientifico ma non “sterilizzato” sul piano scientifico, dove medicina, scienza e umanità sono costrette a incontrarsi, confrontarsi e percorrere insieme un tratto di strada impegnato e complesso. Chiunque voglia parteciparvi non sprecherà il suo tempo!

 

Locandina del convegno

28 Ottobre 2015

Ottocento in concerto – Omaggio a De André
“L’AMORE SECONDO DE ANDRE’… fino alle Ande!”

Venerdì 30 Ottobre, ore 21 – Cineteatro di Zanica
Ingresso 10€ – Incasso devoluto all’Ospedale di Chacas in Perù

Quando si dice unire l’utile al dilettevole: il piacere di assistere ad un concerto, tenuto dagli “Ottocento”, celebre gruppo/cover di Fabrizio De Andrè e l’utilità di contribuire al sostegno dell’Ospedale di Chacas, nelle Ande Peruviane. Questo significa partecipare all’evento che si terrà il 30 Ottobre prossimo, alle ore 21, presso il Cineteatro di Zanica.

La storia inizia da lontano ma le sue radici sono tutte qui, nel nostro territorio. In provincia di Bergamo ha sede l’Associazione Hospital Mama Ashu Onlus, nata nel 2012 allo scopo di assistere, finanziare e sostenere un ospedale in Perù, a Chacas, fondato da un Salesiano, a scopo “missionario”, per rispondere a forti bisogni di assistenza sanitaria in un’area poverissima delle Ande. L’Associazione è presieduta da uno degli specialisti di Medicina Vicina, il Dott. Marco Bianchi, chirurgo, che ogni anno trascorre gratuitamente dei periodi presso l’ospedale per svolgervi attività professionale. Quest’anno è stato lì 4 mesi (e, come sempre, si è portato con sé la moglie, anch’essa impegnata in volontariato e i tre bimbetti che lì hanno frequentato la scuola locale) e ha realizzato che l’opera di volontariato sua e colleghi non è più sufficiente: l’acquisto di materiali e attrezzature diventa sempre più oneroso e i fondi sono ora più che mai necessari. Da qui il concerto del 30 Ottobre, organizzato dall’associazione con la cortese disponibilità del gruppo Ottocento: gli incassi saranno devoluti all’ospedale.

Una storia simpatica e seria allo stesso tempo, con ingredienti un po’ di altri tempi ma del tutto attuale: un ospedale missionario nelle Ande peruviane, sostenuto da un’associazione bergamasca, il cui presidente è un medico bergamasco che lavora in una clinica bergamasca, la clinica Palazzolo di Bergamo, e collabora con un centro di medicina attenta al territorio. Di più: il suo presidente vi svolge – insieme ad altri – attività professionale concreta ed è testimone di una realtà particolare, di un’esperienza di vita – la sua e della sua famiglia – umana e professionale di un certo spessore.

Nel corso del concerto, il Dott. Bianchi racconterà – brevemente! – un po’ di tutto questo. Altro lo si può leggere nel bell’articolo che l’Eci di Bergamo, questa mattina, ha dedicato alla notizia con un articolo dal titolo evocativo: Musica di solidarietà per un ospedale in Perù.

 

Eco di Bergamo – 28.10.2015 – pag. 50 – Musica di solidarietà per un ospedale in Perù

L'Amore secondo De André... fino alle Ande - Locandina concerto

 

1 Ottobre 2015

Convegno pubblico

Vaccinazioni in età pediatrica
Il tuo medico ne sa più di Internet

Bergamo, Sala Lombardia – Sede ASL Bergamo – Via Galliccioli
Sabato 21 Novembre 2015 – Ore 9,00

 

Con l’adozione delle vaccinazioni e la loro somministrazione massiva, sono scomparse malattie terribili e si è contribuito in modo determinate ad alzare l’aspettativa e la qualità di vita. Possiamo dire che se oggi l’Uomo vive più a lungo e in condizioni di migliore salute, questo è dovuto in grossa parte alle vaccinazioni e, soprattutto, a quelle in età pediatrica. Eppure si stima che nella sola provincia di Bergamo siano circa 6.000 (seimila) i bambini che ogni anno non vengono sottoposti alle vaccinazioni previste dal sistema sanitario nazionale: 6.000 bambini a rischio e 6.000 bambini che contribuisco ad abbassare il livello di efficacia dei sistemi vaccinali.

 

E’ ricca l’agenda del convegno pubblico dedicato a questo delicatissimo tema:

  • Il bambino, la sua crescita, la sua salute.
    Sergio Clarizia, Pediatra di famiglia – Lovere
  • Le malattie che si combattono con le vaccinazioni: perché sì!
    Marco Rizzi, Infettivologo – Ospedale Papa Giovanni XXIII, Bergamo
  • Le vaccinazioni. La loro efficacia. Le modalità di somministrazione.
    Giancarlo Malchiodi, Vaccinologo – ASL Bergamo
  • Apocalittici e integrati: come la tecnologia sta modificando il nostro rapporto con la salute.
    Roberto Lusardi, Sociologo – Università di Bergamo
  • Il rapporto genitore/bambino oggi: protettivo fino all’errore?
    Elena Vitali, Psicologa e Psicoterapeuta – Politerapica – Terapie della Salute
  • Le vaccinazioni pediatriche sul territorio: cura infermieristica.
    Cinzia Prometti, Infermiera coordinatrice – Distretto ASL Bergamo
  • Consultori ASL: informazione corretta già in gravidanza e dopo il parto. L’Ostetrica.
    Enrica Breda, Ostetrica – ASL Bergamo
  • L’organizzazione a servizio della salute in provincia di Bergamo. I distretti.
    Monica Meroli, Direttore Dipartimento dei Distretti – ASL Bergamo

con l’obiettivo di parlare in modo semplice, chiaro, completo

  • della salute e della crescita del bambino
  • delle malattie per le quali sono necessarie le vaccinazioni
  • del meccanismo di azione della vaccinazione e le modalità di somministrazione
  • del fenomeno dell’informazione scorretta e sfatarne la pretesa attendibilità
  • dell’organizzazione territoriale bergamasca dedicata alle vaccinazioni, le sue modalità di funzionamento, le sue esperienze, le sue disponibilità

a mamme, papà, genitori. nonni, zii, ma anche a professionisti sanitari che si occupano di bambino.

L’accesso ai lavori è gratuito.

Per informazioni: Politerapica – Terapie della Salute, Tel. 035.298468

Locandina del convegno

 

1 Ottobre 2015

Quando il cuore è matto per ragioni sentimentali può essere anche piacevole. Quando lo è per ragioni di salute, possono essere invece problemi seri. La pompa che trasmette il nutrimento al nostro corpo non può fermarsi, non possiamo trascurarla, sottoporla ad un controllo non è mai un errore.

Per questo, con la cortese e professionale collaborazione del Dott. Nicola Cuocina, abbiamo organizzato

 

Cuore in salute!
Controllo gratuito per una pompa sempre in efficienza

Sabato 10.10.2015 dalle 9,00 alle 13,00
Sede Politerapica, Via Nazionale 93 – Seriate

 

aperto a chiunque, previo appuntamento.

Per ogni persona sarà

  • raccolta l’Anamnesi – informazioni sulla stato di salute
  • eseguito l’Elettrocardiogramma – ECG
  • misurata la Pressione Arteriosa

e sarà rilasciato un referto

Un’iniziativa strutturata, dunque, che si colloca nell’ambito dell’insieme di interventi – tutti molto qualificati – che Medicina Vicina sta conducendo, quest’anno, sul territorio, grazie all’impegno dei suoi Specialisti e dei suoi Terapisti, per contribuire a diffondere la cultura della Salute.

Per informazioni e prenotazioni:
Segreteria di Politerapica: tel. 035.298468, e-mail info@politerapica.it

1 Ottobre 2015

Si ampliano le attività di Medicina Vicina e si arricchisce la sua équipe: la Dott.ssa Anna Scorpiniti inizia la sua collaborazione con Politerapica per la disciplina di Agopuntura!

La Dott.ssa Anna Scorpiniti è laureata in Medicina e Chirurgia, specialista in Gastroenterologia e Endoscopia Digestiva, e medico perfezionato in Agopuntura e tecniche correlate. Si è laureata nel 1990, presso l’Università degli Studi di Milano, si è specializzata nel 1994, presso l’Università degli Studi di Modena e si è perfezionata in Agopuntura e tecniche correlate, nel 2008, presso la Scuola di Perfezionamento dell’Università degli Studi di Brescia

Medico di Medicina Generale da oltre 20 anni,  Gastroenterologo, formata presso l’Ospedale san Raffaele all’esecuzione di Ecografie Internistiche, la Dott.ssa Scorpiniti non si è mai limitata nel suo impegno professionale che la vede, tra l’altro, ricoprire il ruolo di Tutor per esame di Stato della facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Milano.

Grande l’attenzione riservata all’Agopuntura da parte della professionista che adotta questa metodica con rigorosa attenzione e notevole prudenza, integrata alla medicina occidentale e continuando a approfondirne le evoluzioni.
Dopo essersi diplomata presso la Scuola di Specializzazione dell’Università degli Studi Brescia, infatti, tra il 2008 e il 2014, ha frequentato diversi Master in Agopuntura e Medicina Cinese presso la Facoltà di Medicina Tradizionale Cinese dell’Università di Shanghai. Nel 2009, ha frequentato con successo il corso di Auricoloterapia e nel 2014 quello di Addominoagopuntura.

Di Agopuntura la Dott.ssa Anna Scorpiniti si occuperà in Politerapica, nell’ambito del progetto di Medicina Vicina, ampliandone così lo spettro di discipline disponibili ma sempre in quell’approccio di medicina integrata che è proprio della nostra struttura, là dove il paziente sta al centro delle attenzioni e delle cure che gli sono necessarie come persona e non come portatore di un problema. Lo farà coniugando la concretezza e il rigore della medicina occidentale con il potenziale che deriva da una visione dell’uomo complementare a quella cui siamo abituati e propria della medicina cinese. Lo farà con la stessa disponibilità con la quale, un anno fa circa, ci aveva fatto la cortesia di metterci a disposizione un breve articolo sull’Agopuntura permettendoci di inserirlo nel nostro sito e che, convinti di fare cosa gradita, alleghiamo in fondo a questa nota.

Insomma, Medicina Vicina si arricchisce di una risorsa preziosa da mettere a disposizione del territorio e dei cittadini con l’approccio integrato e sinergico, proprio del nostro modello.

__________________

L’articolo che segue sull’Agopuntura – la sua storia, la sua efficacia, le sue indicazioni, le sue modalità di esecuzione – è stato messo cortesemente a disposizione dalla Dott.ssa Anna Scorpiniti che collabora con Politerapica, nell’ambito di Medicina Vicina, come medico perfezionato di Agopuntura. La Dott.ssa Anna Scorpiniti è Medico Chirurgo, Specialista in Gastroenterologia e Endoscopia Digestiva e Perfezionata in Agopuntura e Tecniche Complementari presso l’Università degli Studi di Brescia e presso il China Shangai International Acupuncture Training Centre della facoltà di Medicina Tradizionale Cinese dell”Università di Shangai.

AGOPUNTURA

Introduzione all’agopuntura
L’Agopuntura è una terapia i cui principi e metodi risalgono all’antica medicina cinese ed è la branca della Medicina Tradizionale più nota al pubblico occidentale. Non è una medicina alternativa ma una medicina integrata, riconosciuta dai massimi enti mondiali (OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità, FDA – Food and Drug Administration) quale metodica efficace. Nel 1997 lo NIH – National Institutes of Health ha affermato: “i dati a sostegno dell’agopuntura sono in realtà solidi quanto quelli esistenti per altre terapie mediche occidentali largamente accettate” ma con un numero di effetti collaterali e con procedure tecniche che sono ben tollerati dal paziente. Sono state numerose le sperimentazione effettuate con studi randomizzati e controllati dai cui risultati emerge l’indubbia efficacia dell’Agopuntura.
E’ particolarmente indicata per tutte le persone che debbano ridurre o evitare l’uso dei farmaci, quali quelle che soffrono di patologie epatiche o di insufficienza renale, quelle che devono assumere terapie con molti farmaci e hanno necessità di prevenire interazioni sfavorevoli, donne in gravidanza o durante l’allattamento.
Oggi l’Agopuntura è praticata in tutto il Mondo ed è scelta come terapia da milioni di persone. A differenza di altri Paesi, in Italia può essere praticata soltanto da personale medico abilitato. Infatti solo il medico è in grado di formulare una diagnosi che indirizzi, secondo le necessità, ad un trattamento di Medicina Occidentale, di Agopuntura o integrato. Disturbi apparentemente banali, quali cefalee o sciatalgie, possono essere sintomi di patologie importanti, anche tumorali, e solo il medico è in grado di porre un sospetto diagnostico che indirizzi ad eventuali accertamenti al fine di una diagnosi corretta e una terapia adeguata.

Un po’  di storia
Il termine cinese per agopuntura è “zhen fa”. La stimolazione di punti della superficie corporea per mezzo di strumenti appuntiti a scopo terapeutico è documentata in Cina sin dall’età neolitica. Reperti archeologici nelle grotte di Chukutien, abitate dall’Uomo di Pechino, hanno permesso di portare alla luce pietre aguzze o pietre Bian che gli studiosi oggi tendono a classificare come primitivi cutistimolatori.
Con l’avvento della metallurgia, si fabbricarono i primi aghi metallici e la tecnica divenne più raffinata e cominciò ad essere sistematizzata secondo i principi della Medicina Tradizionale Cinese.
La Medicina ha lo scopo di identificare la causa dello  stato patologico al fine di stabilirne l’adeguata terapia. Mentre però la medicina moderna scompone il corpo nelle parti che lo costituiscono e chi la pratica cerca di isolare la malattia in un singolo organo e concentra le cure in quella specifica parte del corpo, la medicina orientale considera ogni organo una parte del tutto e quindi considera la malattia come portatrice di un deterioramento di tutto il sistema corporeo.

Come si svolge la seduta di Agopuntura?
In una seduta di Agopuntura, il medico, dopo essere giunto ad una diagnosi nel corso della visita condotta secondo i principi della Medicina Tradizionale Cinese, individua sulla superficie corporea del paziente i punti che, combinati tra loro, costituiscono la formula terapeutica prescelta.
Per la terapia, vengono usati aghi monouso sterili di acciaio e rame o argento. L’ago, di calibro molto sottile, viene inserito con una manovra rapida e per lo più indolore negli strati superficiali della cute. L’ago va più o meno approfondito e manipolato in modo opportuno. In questa fase, il paziente avverte delle sensazione caratteristiche (formicolio, senso di pesantezza, sensazione di scossa elettrica o altro) che indicano il cosiddetto “arrivo del qi”, operato dalla stimolazione dell’ago.
A questo punto gli aghi vengono lasciati inseriti nel punto per alcuni minuti. In certi casi, l’ago, una volta ottenuta la sensazione dell’energia, va subito tolto; in altri casi, viene tolto dopo quindici/venti minuti.
Alcuni effetti dell’Agopuntura sono immediatamente percepibili: ad esempio, l’effetto rilassante e l’azione antidolorifica si manifestano nel giro di pochi minuti dall’inserzione dell’ago. Altri effetti, coinvolgendo sistemi energetici complessi, vengono avvertiti a distanza di tempo.

Cosa possiamo curare con gli aghi
La neuro-stimolazione percutanea nella terapia del dolore è sicuramente la più studiata fra le applicazione dell’agopuntura ma essa non esaurisce le sue possibilità. Si osservano infatti sorprendenti risultati nei confronti delle patologie allergiche (riniti, asma, dermatosi) e delle forme infiammatorie quali sinusiti, gastriti, bronchiti. Buoni risultati si ottengono anche per alcune turbe del sistema nervoso (insonnie, cefalee, anoressie, amenorree, depressione, impotenza). Nella sfera delle forme croniche, per le quali i presidi terapeutici della medicina classica occidentale sono spesso molto aggressivi e carichi di effetti collaterali l’Agopuntura offre un discreto campo di applicazione alternativa.
Ci sono tre categorie di malattie: quelle per cui la medicina occidentale è il rimedio migliore o l’unico, come il cancro; quelle che si possono curare con entrambi i sistemi, come il mal di schiena, il torcicollo o il gomito del tennista; quelle per cui l’Agopuntura è più efficace e ha meno effetti collaterali. In quest’ultimo gruppo, comprendiamo ad esempio la cefalea, che migliora nel 70%% dei casi, ma anche le allergie, l’asma, le dermatiti, i disturbi dell’apparato genitale femminile (come le mestruazioni dolorose o irregolari). Pertanto l’Agopuntura trova applicazione oltre che nelle patologie dell’apparato muscolo-scheletrico, anche in molte patologie internistiche tra cui l’obesità, la dipendenza da fumo.
Molti continuano a pensare che quello dell’Agopuntura sia solo un effetto placebo; a tal proposito, vorrei far notare che anche il prestigioso JAMA – Journal of the American Medical Association ha pubblicato uno studio in cui si dimostrano i benefici dell’Agopuntura su alcuni effetti collaterali della chemioterapia come la nausea, sintomo abbastanza fastidioso in questi pazienti.
L’Agopuntura può avere un effetto sedativo sul sistema nervoso centrale: l’encefalogramma evidenzia una maggiore ampiezza delle onde Alfa che caratterizzano lo stato di vegli rilassato.

Ciclo delle sedute
Viene deciso dal medico in base alla diagnosi. In genere, con una media di otto, dodici sedute, la patologia cronica viene efficacemente superata. L’Agopuntura, il più delle volte, si rivela una terapia lenta ma con effetti benefici duraturi; l’importante è che dopo le prime sedute si verifichi una modificazione di attenuazione o anche di peggioramento dei sintomi (il pazienti non dovrà in tal caso scoraggiarsi): ambedue sono segnali di una risposta in corso da parte dell’organismo.
Quanto dura l’effetto di una terapia di Agopuntura
Molto dipende dalla patologia della quale il Paziente è portatore. Spesso affezioni croniche richiedono sedute di richiamo periodiche. In genere, dopo il periodo iniziale di attacco, con terapie bisettimanali o settimanali, si tende a distanziare le sedute, che si fanno mensili ed infine trimestrali. L’aspetto preventivo è molto importante nella Medicina cinese e le sedute di richiamo, effettuate ai cambiamenti di stagione, in genere, valgono a mantenere il paziente nelle migliori condizioni psicofisiche.