fbpx

2 Gennaio 2020
La parola a Fincopp Lombardia

La parola a Fincopp Lombardia, la Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico, dopo gli Stati Generali.

Questo l’occhiello del comunicato con cui è stata convocata da Encanto, in collaborazione con DOC – Generici, la conferenza stampa dal titolo “Incontinenza urinaria, costi economici ed emotivi sottostimati”. L’evento ha avuto luogo il 3 Dicembre, a Milano, in C.so Magenta 66. Notevole la partecipazione giornalistica: carta stampata, televisione e internet.

Per Fincopp Lombardia erano presenti

  • Oreste Risi
    Medico Urologo
    Membro del Comitato Scientifico di Fincopp Lombardia e di Fincopp nazionale
  • Pasquale Intini
    Vice Presidente Fincopp Lombardia
    Consigliere di Fincopp nazionale

e moderava i lavori una profesisonista di grande spessore, Nicoletta Carbone, giornalista conduttrice di Radio 24.

Non meno importanti i sottotitoli del comunicato:

  • L’incontinenza è l’ultimo tabù medico che non è ancora stato sconfitto: le donne si rivolgono al proprio medico solo dopo 4 anni e gli uomini dopo 6 perché ci si vergogna e non si ha informazione sulla cura, fino ad oggi molto costosa
  • Oggi il farmaco generico può far risparmiare fino all’80% ai pazienti
  • Il disturbo colpisce 2 milioni di uomini e 3 milioni di donne e abbassa notevolmente la qualità della vita dei pazienti.

L’incontinenza urinaria

Di incontinenza urinaria maschile e femminile – prosegue il comunicato riprendendo le affermazioni di Fincopp – soffrono 5 milioni di italiani e basterebbe una corretta informazione sulle terapie riabilitative e sulla presenza di nuovi farmaci generici per contenere con successo il problema, senza troppi oneri per il portafogli e tornare a una vita normale.

L’incontinenza urinaria infatti non è una malattia che altera lo stato di salute della persona, ma è una condizione che limita le attività sociali e deprime, a livello psicofisico, per la perdita di dignità e che ha quindi costi elevatissimi.

L’incontinenza urinaria può colpire uomini e donne ed è legata a condizioni patologiche differenti, tra cui età avanzata, tumori, disturbi neurologici ed infezioni del tratto urinario. Se alcune delle cause elencate comportano disagi passeggeri e facili da curare, altre possono rivelarsi assai durature.

E’ più che mai necessario soffermarsi sulla definizione di corretti percorsi diagnostico, terapeutici e assistenziali e contribuire per attivare un’efficace consapevolezza di informazione e comunicazione verso i pazienti, il mondo sanitario (medici specialistici, fisioterapisti, etc), le istituzioni (nazionale, regionale e locale) che devono considerare questi disturbi vere e proprie patologie di cui si deve parlare e organizzare le risorse necessarie per la soluzione del problema.

Perché una domanda sorge sempre più forte: “c’è una malattia, un disturbo, una disfunzione che nel 2019, nel Mondo Occidentale, non venga curata mentre sia possibile farlo?” E la risposta è una sola: “Sì, una.  l’incontinenza!”

La parola a Fincopp Lombardia

Nel corso della conferenza stampa, il Dott. Risi ha raccontato l’incontinenza. Anzi, le incontinenze. Già perché di incontinenza ce ne sono diversi tipi: da sforzo, da urgenza, mista. E riguardano uomini, donne e pure bambini! Poi è passato a spiegare come si manifestano, quali ne sono le cause, a chi può venire e, soprattutto come si curi. A proposito di terapie, dopo avere sottolineato come la terapia riabilitativa sia la scelta da fare sempre, ha spiegato la necessità dell’uso anche di farmaci. Si tratta di farmaci che in alcuni non sono coperti dal Servizio Sannitario e il cui costo, a volte oneroso, rende problematico – a volte, impossibile – per le persone seguire le cure in modo corretto.

Pasquale Intini ha raccontato l’altra faccia di questa storia: quella vissuta dal paziente e quella di cui è testimone l’associazione. Il problema dell’incontinenza ormai più che un problema sanitario è diventato un problema culturale. Da una parte, ci rifiutiamo di parlarne. Ci pare un tema troppo delicato, ce ne vergogniamo, rifiutiamo di prendere anche solo in considerazione l’argomento. “Non è un tema per me”, è il pensiero di chiunque cui si propnga l’argomento. Dall’altra, accettiamo che l’incontinenza sia diventata una cosa tanto normale da fare spendere milioni e milioni di Euro alle aziende che producono pannolini, facendo pubblicità in prima serata sui canali televisivi nazionali.

Un farmaco importante diventa accessibile

In questo contesto, la notizia che la Solifenacina – una molecola dotata di proprietà di tipo anticolinergico, un antispastico delle vie urinarie – sia disponibile in modalità generica e che un’azienda come la Doc Generici la distribuisca ad un prezzo ridotto quasi dell’80%, apre una speranza. Forse la prospettiva che l’incontinenza non venga più trattata come un male minore e che le possibilità di cura si aprano, si fa un po’ più concreta.

 

La parola a Fincopp Lombardia, dunque, per contribuire a fare uscire l’incontinenza dal cono d’ombra nel quale è stata sempre cacciata.

Fincopp Lombardia è sostenuta e ospitata da Politerapica, presso la sua sede a Seriate, in Via Nazionale 93.

 

3.12.2019 - Invito

3.12.2019 – Invito

 

Documenti:

3.12.2019 – Comunicato stampa

 

Presentazione:

Incontinenza. Un problema diffuso e curabile

 

Servizi televisivi:

 

Rassegna Media:

Il Giorno – 4.12.2019 – Incontinenza

Libero – 8.12.2019 – Incontinenza

Incontinenza urinaria, ne soffrono 5 milioni di italiani. Nuove molecole agiscono sui sintomi riducendo il disturbo – Insalutenews.it, 4 Dicembre 2019

http://www.farmacia.it/notizie/– Farmacia.it, 4 Dicembre 2019

Incontinenza urinaria, ne soffrono 5 milioni di italiani. Nuove molecole agiscono sui sintomi riducendo il disturbo– Mondomedicina.it, 4 Dicembre 2019

INCONTINENZA: INFORMAZIONE, RIABILITAZIONE E NUOVI FARMACI PER COMBATTERLA– Vogliadisalute.it, 06.12.2019

https://www.pazienti.it/news-di-salute/incontinenza-cure-farmacologiche-esercizi-06122019 – Pazienti.it

DISFUNZIONI DEL PAVIMENTO PELVICO – NUOVE MOLECOLE AGISCONO SUI SINTOMI RIDUCENDO L’INCONTINENZA URINARIA– Imalatiinvisibili.it, 05.12.2019

 

Galleria immagini:

4 Dicembre 2019
I Primi Stati Generali della Incontinenza

I Primi Stati Generali della Incontinenza e delle Disfunzioni del Pavimento Pelvico, convocati da Fincopp, si prospettano essere un punto di svolta nella storia di questi disturbi in Italia. L’evento ha avuto luogo il 27 e 28 Novembre, a Roma, presso la sede del Ministero della Salute, in Lungotevere Ripa 1, nell’Auditorium Cosimo Piccinno.

Location istituzionale prestigiosa per due giorni speciali di lavoro intenso e confronto anche vivace tra

  • Specialisti
  • Ordini Professionali
  • Società Scientifiche
  • Associazioni di pazienti
  • Istituzioni
  • Professionisti
  • Cittadini
  • Organi di comunicazione

con la partecipazione di personalità di rilievo in ognuna delle categorie per trattare dell’incontinenza nel modo più ampio, partendo dai bisogni dei pazienti, dai corretti modelli di approccio, alla situazione attuale in Italia e alle scelte – ormai inderegabili – che è necessario fare.

Mai come in questa occasione, i pazienti hanno svolto un ruolo da protagonista. Attenti durante le discussioni, sempre pronti a intervenire con rilievi, puntualizzaioni, precisazioni, commenti e domande. Come si dice? Non ci sono stati sconti per un confronto che è risultato franco e produttivo.

Che le cose sarebbero andate in questa direzione si era capito già nella fase introduttiva, quando il Cav. Francesco Diomede, Presidente di Fincopp, ha aperto i lavori chiarendo i loro obiettivi:

  • portare l’incontinenza e le disfunzioni pelvi-perineali al pari livello di dignità e attenzione di qualsiasi altro disturbo della salute
  • assicurare il sostegno necessario alle persone che ne soffrono e alle persone che vivono loro accanto per curarsi, affrontare e vivere in modo corretto il loro problema

con il contributo di tutte le “parti in causa”, a cominciare dai medici e dai professionisti sanitari, per andare alla stampa e alle istituzioni. L’incontinenza nel 2019 è un problema sanitario ed economico per il singolo e per la comunità ma, forse, è soprattutto un problema culturale e di ignoranza:

  • l’ignoranza e la rassegnazione dei pazienti che non sanno che possono curarsi o che, quando anche lo sapessero, non trovano percorsi chiari e noti per farlo
  • l’ignoranza della gente che ancora pensa che l’incontinenza sia qualcosa di schifoso, che attiene alla sfera privata e intima delle persone, a quella dimensione che deve essere coperta da pudore e da vergogna, di cui non si possa e non si debba parlare
  • l’ignoranza – sì, anche in questo caso, ignoranza – degli operatori sanitari che non sono informati delle modalità diagnostiche e di cura di questi disturbi
  • l’ignoranza delle istituzioni che certo non si pongono il problema di intervenire su una condizione per la quale non si muore e di cui, tutto sommato, nessuno vuole parlare

Le cose però non stanno così. Perché se è vero che di incontinenza non si muore, l’incontinenza uccide la vita. Di quelli che ne soffrono e delle persone che vivono loro intorno.

Stiamo parlando di disturbi che hanno un impatto drammatico sulla sfera fisica, psichica e relazionale, che incidono sulle condizioni della famiglia e della società, che producono un terribile impatto anche a livello economico, acarico delle famiglie, a carico del Servizio Sanitario, a carico del sistema paese.

Già perché chi soffre di incontinenza e disfunzioni del pavimento pelvico costa. Costa per i dispositivi medici – pannoloni, condom – che gli vengono forniti dal Sistema Sanitario e per quelli che deve comprarsi lui, per scelta o perché insufficienti le forniture che riceve. Costa perché spesso si ammala di depressione e di altri disturbi le cui cure sono onerose. Costa perché siamo di fronte a disturbi che inducono all’assenteismo lavorativo. Costa perché tutto questo incide sull’armonia famialare e sociale.

Costa soprattutto perché siamo di fronte ad un fenomeno enorme, molto probabilmente assai maggiore dei 5.000.000 di individui che si stima ne soffrano, atteso che molti pazienti non hanno neppure il coraggio di raccontarlo il loro problema e, rassegnati a conviverci, lo tengono nascosto, nell’angoscia di essere scoperti.

E che il fenomeno sia di proporzioni notevoli lo dimostrano i capitali che vengono spesi in pubblicità sui canali nazionali anche in prime time delle aziende che forniscono pannolini, usando i quali le signore incontinenti “non avranno più motivo di temere di puzzare in acsensore” o “potranno andare felicemente al carnevale di Rio”.

La congiura del silenzio copre una verità indiscutibile: l’incontinenza e le disfunzioni del pavimento pelvico si curano, addirittura in alcuni casi si possono prevenire. E all’affermazione di questa verità devono concorrere tutti.

Le sfide sono diverse:

  • fare emergere il tema e portarlo alla dimensione di qualsiasi altro disturbo, a tutti i livelli, soprattutto nell’immaginario collettivo; qui il contributo determinante è quello dei sistemi di comunicazione, dei medici di medicina generale e del servizio sanitario inteso nel suo senso più ampio;
  • comprendere e fare entrare nel convincimento di tutti che stiamo parlando di un problema che si cura con un approccio multidisciplinare e multiprofessionale; qui il contributo deve venire innanzi tutto dagli ordini profesisonali, dalle società scientifiche e, ancora, dal sistema sanitario nel suo complesso;
  • dare attuazione all’accordo della conferenza Stato/Regioni del Gennaio 2018, con la quale si impegnano le Regioni ad avviare i centri di primo, di secondo e di terzo livello; qui il contributo deve essere quello delle Istituzioni, non solo di quelle socio-sanitarie ma anche di quelle amministrative e politiche che assumono le decisioni sui capitoli di spesa e sulle modalità di applicarli.

Tre sfide intersecate tra loro, dove ognuna è funzionale alle altre. Tutte e tre ugualmente necessarie per giungere al risultato: curare l’incontinenza, riportare milioni di persone alla dignità e alla vita attiva, spendere per curare e non per tamponare, posto oltretutto che curare costa meno che fornire strumenti palliativi.

E qui emerge con chiarezza il ruolo di Fincopp e delle associazioni di pazienti. Questo è stato affermato in modo inequivocabile da molti degli intervenuti, tra i quali quelli del Dott. Francesco De Lorenzo, Presidente di FAVO – Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia e dell’Avv. Vincenzo Falabella, Presidente di FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap e di FAIP – Federazione delle Associazioni Italiane Para/Tetraplegici.

Ruolo che Fincopp ricopre da tempo, essendo questo l’anno del ventennale dell’Associazione. Un momento di bilanci sul molto che è stato fatto e che rappresenta il patrimonio su cui fare leva per il molto che ancora si vuole fare. In questo senso deve essere visto l’impegno per la convocazione di questi Stati Generali, che seguono di un paio di settimane la Conferenza di presentazione alla Camera dei Deputati della nuova proposta di legge sull’incontinenza e la stomia e di qualche mese il VII Convegno Nazionale sull’Incontinenza e le Disfunzioni del Pavimento Pelvico che ha avuto luogo il 27 e 28 Giugno, a Bari.

Partendo dall’incontro/confronto di questi Stati Generali e dal consenso che l’iniziativa ha ottenuto da tutti, a tutti i livelli e che, siamo certi, rappresenterà il catalizzatore intorno al quale proseguire nella direzione imboccata.

I Primi Stati Generali della Incontinenza e delle Disfunzioni del Pavimento Pelvico saranno un punto di svolta. Da qui Fincopp è già partita per il prosieguo del lavoro che l’attende.

 

Documenti

1° Stati Generali dell’incontinenza – Locandina

Primi Stati Generali – Brochure

Fincopp – 1° Stati Generali dell’Iincontinenza – Comunicato stampa

 

Presentazione sul tema della comunicazione

Incontinenza e comunicazione – Quale futuro

 

Videoregistrazioni

 

Rassegna media

Galleria immagini

1 - Francesco Diomede apre i lavori

1 – Francesco Diomede apre i lavori

2 - Interviene Fernanda Gellona - Confindustria

2 – Interviene Fernanda Gellona – Confindustria

3 - Il lavori si tengono al Ministero della Salute, nell'Auditorium Cosimo Piccinno

3 – Il lavori si tengono al Ministero della Salute, nell’Auditorium Cosimo Piccinno

4 - Intervengono le associazioni dei pazienti

4 – Intervengono le associazioni dei pazienti

5 - La Lectio Magistralis del Prof. Fabrizio Pezzani - Università Bocconi

5 – La Lectio Magistralis del Prof. Fabrizio Pezzani – Università Bocconi

6 - Interviene il Dott. Enrico Finazzi Agrò - Past President SIUD

6 – Interviene il Dott. Enrico Finazzi Agrò – Past President SIUD

7 - Intervengono le società scientifiche

7 – Intervengono le società scientifiche

8 - La parola alle associazioni dei pazienti

8 – La parola alle associazioni dei pazienti

9 - Firmato il protocollo di intesa Fincopp-Simitu

9 – Firmato il protocollo di intesa Fincopp-Simitu

10 - Interviene il Prof. Piero Fiore - Presidente SIMFER

10 – Interviene il Prof. Piero Fiore – Presidente SIMFER

11 - Intensa la partecipazione ai lavori

11 – Intensa la partecipazione ai lavori

12 - Giovani ostetriche che partecipano con attenzione e interverranno portando la loro esperienza

12 – Giovani ostetriche che partecipano con attenzione e interverranno portando la loro esperienza

13 - Interviene Luigi Cecere, Vice Presidente AIMAR

13 – Interviene Luigi Cecere, Vice Presidente AIMAR

14 - Vivace il dibattito con le società scientifiche

14 – Vivace il dibattito con le società scientifiche

15 - Interviene il Prof. Giuseppe Dodi, Presidente IPG

15 – Interviene il Prof. Giuseppe Dodi, Presidente IPG

16 - Entusiasta il sostengno indispensabile dello satff di Fincopp

16 – Entusiasta il sostengno indispensabile dello satff di Fincopp

17 - Alcune riflessioni sul ruolo della comunicazione

17 – Alcune riflessioni sul ruolo della comunicazione

18 - Francesco Diomede interviene nel dibattito con le società scientifiche

18 – Francesco Diomede interviene nel dibattito con le società scientifiche

19 - Scambio di pareri e confronto

19 – Scambio di pareri e confronto

20 - Interviene il Dott. Mario De Gennaro - Presidente FIC

20 – Interviene il Dott. Mario De Gennaro – Presidente FIC

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

22 Novembre 2019
2° Libro Bianco sull

2° Libro Bianco sull’Incontinenza. Riflessioni in Lombardia verso l’uscita dall’Inferno.

Due signore in età giovanile, presenti tra il pubblico, si sono dichiarate affette da gravi problemi del pavimento pelvico che comprendevano anche l’incontinenza fecale. Davanti a tutti! Questo rappresenta la cifra del successo del convegno “2° Libro Bianco sull’Incontinenza. Riflessioni in Lombardia verso l’uscita dall’inferno” che Fincopp Lombardia OdV ha tenuto il 20 Novembre, a Seriate, nella piacevole cornice del Teatro Aurora.

Non è facile dire di essere incontinenti, non è facile farlo pubblicamente, lo è meno ancora quando addirittura si tocca la parte fecale. Se è accaduto durante i lavori è perché l’evento ha centrato il suo obiettivo di incontro/confronto tra pazienti, operatori sanitari, specialisti e Istituzioni, innanzi tutto creando il clima adatto ad una narrazione serena e trasparente e ad uno scambio aperto e senza remore.

Tre tavole rotonde ricche di contenuti, serrate nel coinvolgimento di ogni relatore, partecipate dal pubblico, collegate tra loro, per raccontare l’incontinenza e le disfunzioni del pavimento pelvico, la necessità di essere affrontate in modo multidisciplinare e multiprofessionale, anche nella prevenzione e il ruolo delle Istituzioni per risolvere un problema che non è più solo sanitario ma culturale, a tutti i livelli: pubblico, socio-sanitario e istituzionale.

E’ stato anche messo l’accento su un aspetto della salute troppo spesso sottovalutato, quello della sfera emotiva. Parliamo di quella dimensione – la psiche – che ormai è chiaro per tutti che sia indissolubilmente legata al corpo. Corpo e psiche insieme fanno una parte sola e se sta male una, sta inevitabilmente male pure l’altra. Se si cura una, senza curare l’altra, molto spesso si fà un lavoro parziale.

Questo vale per qualsiasi malattia al punto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto che salute deve intendersi come completo benessere fisico, psichico e sociale. E se vale per qualsiasi stato di sofferenza non può non valere per l’incontinenza dove è sotto gli occhi di tutti come il disturbo rovini la sfera delle relazioni e del benessere psichico.

Quindi le disfunzioni del pavimento pelvico devono essere affrontate in modo multidisciplinare sì ma non solo a livello fisico. Determinante è il sostegno psicologico durante l’intero percorso diagnostico, terapeutico e assistenziale.

Quando si parla di cura dell’incontinenza e dei disturbi pelvi-perineali hanno ripetuto per l’ennesima volta gli specialisti in sala – Dott. Oreste Risi, Urologo, Dott. Gianni Baudino, Ginecologo, Dott. Marco Bianchi, Proctologo – bisogna mettersi in mente due cose:

  • non ci si deve aspettare che il pazienti racconti l’incontinenza ma questa deve essere indagata in ogni sede sanitaria, soprattutto da parte dei Medici di Medicina Generale
  • la prima terapia, così come definito dalle Linee Guida Internazionali, è quella riabilitativa perché
    • funziona
    • non è invasiva
    • è utile comunque anche se si dovesse in seguito optare per una soluzione chirurgica: i tessuti preparati con la riabilitazione permettono una ripresa post chirurgica migliore e più rapida

Straordinario l’intervento degli Ordini Professionali, rappresentati da Silvia Vaccari per le Ostetriche, Beatrice Mazzoleni per gli/le Infermieri/e e da Ileana Luglio per i Fisioterapisti. Necessaria la multiprofessionalità ma non solo nella riabilitazione e cura: è necessaria soprattutto nella prevenzione. Di più: nella corretta educazione già dai primi anni di vita, magari con i coinvolgimento delle scuole. Educazione alimentare, educazione minzionale (per quanto possa parere strana la cosa) ed educazione alla salute.

Non meno significativa la tavola rotonda delle Istituzioni. Qui c’erano Carlo Alberto Tersalvi – Direttore Sanitario ATS Bergamo, Francesco Lubrano – Referente Igiene Ospedaliera ASST Bergamo Est e Eugenio Lanza – Consigliere dell’Ordine dei Medici di Bergamo. A loro molte le domande e le richieste di assunzione di un ruolo nel processo di acculturamento all’interno del mondo sanitario e a disposizione del territorio. “Cultura” è la parola che è risuonata più di frequente. Perché l’incontinenza – come scrivevamo sopra – è di fatto diventato un problema di cultura.

Per troppo tempo sottovalutata perché ritenuta inevitabile o perché immaginiata come qualcosa di non così grave, ci si è dimenticati di un’espressione che sempre più spesso Fincopp ripropone: di incontinenza non si muore ma l’incontinenza e le disfunzioni del pavimento pelvico  uccidono la vita.

Qualcosa però si sta muovendo (Finalmente!):

  • a seguito dell’accordo delle conferenza Stato/Regioni del Gennaio 2018, presso le Regioni si stanno costutuendo i tavoli di lavoro sull’incontinenza per definire le modalità di applicazione delle soluzioni proposte che vedono innanzi tutto la costituzione di Centri di 1°, 2° e 3° livello nell’ambito di percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali definiti
  • proprio nella stessa giornata del convegno, il 20 Novembre 2019, si teneva a Roma, presso la Camera dei Deputati, la conferenza stampa di presentazione della proposta di legge

c’è stata la presentazione della proposta di legge “Disposizioni in favore dei soggetti incontinenti e stomizzati”, recentemente depositata dai Deputati Lacarra, Pagano e Siani.

Convegno che si chiude quindi con una prospettiva più concreta e positiva rispetto al passato e che vede attribuire e riconoscere al lavore dell’Associazione di Pazienti un ruolo determinante.

2° Libro Bianco sull’Incontinennza. Riflessioni in Lombardia verso l’uscita dall’inferno. E’ stato un convegno apprezzato soprattutto dai cittadini.

 

Documenti:

20.11.2019 – Fincopp Lombardia – Convegno “2° Libro Biano sull’Incontinenza” – Locandina

20.11.2019 – Fincopp Lombardia – Convegno “2° Libro Biano sull’Incontinenza” – Presentazione e programma

20.11.2019 – Fincopp Lombardia – Convegno “2° Libro Biano sull’Incontinenza” – Comunicato

 

Presentazione:

20.11.2019 – Fincopp Lombardia – Convegno “2° Libro Bianco sull’Incontinenza” – Presentazione slide

 

Videoregistrazione integrale dei lavori:

 

Rassegna Media:

Eco di Bergamo – 19.11.2019 – Convegno incontinenza 2019 – Completo

 

Galleria immagini:

0 – La Presidente Fincopp, Gabriella Gallani, dà il benvenuto – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

1 - Apertura lavori - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

1 – Apertura lavori – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

2 - Interviene il Dott. Ranieri - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

2 – Interviene il Dott. Ranieri – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

3 - Interviene il Dott. Baudino - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

3 – Interviene il Dott. Baudino – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

4 - Interviene la Dott.ssa Silvia Vicario - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

4 – Interviene la Dott.ssa Silvia Vicario – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

5 - Interviene il Dott. Francesco Lubrano - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

5 – Interviene il Dott. Francesco Lubrano – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

6 - Pasquale Intini modera i lavori - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019 (2)

6 – Pasquale Intini modera i lavori – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019 (2)

7 - Cos'è l'inconitnenza - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

7 – Cos’è l’inconitnenza – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

8 - Registrazione dei partecipanti - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

8 – Registrazione dei partecipanti – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

9 - In sala l'Ass. Gabriele Cortesi - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

9 – In sala l’Ass. Gabriele Cortesi – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

9 - L'approccio multiprofessionale per il paziente - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

9 – L’approccio multiprofessionale per il paziente – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

9a - L'Ass. Gabriele Cortesi porta i saluti della Città di Seriate - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

9a – L’Ass. Gabriele Cortesi porta i saluti della Città di Seriate – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

10 - Interviene il Dott. Marco Bianchi - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

10 – Interviene il Dott. Marco Bianchi – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

11 - Interviene la Dott.ssa Valeria Perego - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019 (2)

11 – Interviene la Dott.ssa Valeria Perego – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019 (2)

12 - Interviene la Dott.ssa Ileana Luglio - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

12 – Interviene la Dott.ssa Ileana Luglio – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

12 a - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

12 a – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

13 - Interviene il Dott. Carlo Alberto Tersalvi - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

13 – Interviene il Dott. Carlo Alberto Tersalvi – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

14 - Interviene la Dott.ssa Beatrice Mazzoleni - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

14 – Interviene la Dott.ssa Beatrice Mazzoleni – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

15 - L'attenzione delle istituzioni - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

15 – L’attenzione delle istituzioni – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

16 - La Dott.ssa Monica Vitali dal pubblico - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

16 – La Dott.ssa Monica Vitali dal pubblico – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

17 - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

17 – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

18 - Interviene il Dott. Oreste Risi - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

18 – Interviene il Dott. Oreste Risi – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

19 - Interviene il Dott. Eugenio Lanza - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

19 – Interviene il Dott. Eugenio Lanza – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

19 - Registrazione dei partecipanti - IL 2° LIBRO BIANCO DELL'INCONTINENZA - Seriate, 20.11.2019

19 – Registrazione dei partecipanti – IL 2° LIBRO BIANCO DELL’INCONTINENZA – Seriate, 20.11.2019

11 Novembre 2019
Oreste Risi nello scientifico Fincopp

Oreste Risi nello scientifico Fincopp nazionale. Lo ha annunciato con orgoglio Francesco Diomede, Presidente dell’Associazione, durante i lavori del XIV International Perineology Meeting che si è tenuto a Treviglio, l’8 e il 9 Novembre.

Il Dott. Oreste Risi non è capace di dire di no. Quando gli chiedono un contributo, lui non si tira indietro. E’

e “anima” del Team Multidisciplinare del Pavimento Pelvico, vero e proprio “think-tank” sull’incontinenza e le disfunzioni del pavimento pelvico. Il Team rappresenta da tempo un punto di riferimento nazionale e internazionale su queste materie. Ogni anno, da 14 anni, organizza uno dei più prestigiosi convegni internazionali con professionisti provenienti da tutta Italia e dall’Estero per confrontarsi sullo stato dell’arte di diagnostica, terapia e riabilitazione.

Tutto questo mentre continua a svolgere la sua attività professionale di Urologo e Neuro-urologo, focalizzato sulle problematiche pelvi-perineali maschili e femminili e ricoprendo il ruolo di Responsabile dell’Unità Semplice Dipartimentale di Urodinamica dell’ASST Bergamo Ovest.

Un professionista eccellente e che non si tira mai indietro. Un uomo entusiasta, umano e disponibile. Da tempo collabora anche con Fincopp – Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico. E’ docente “Scuola Nazionale di Formazione e Perfezionamento per Professionisti della Continenza e del Pavimento Pelvico” dell’associazione che ogni anno forma e qualifica in modo eccellente trenta terapisti. E’ socio fondatore di Fincopp Lombardia e membro del Comitato Scientifico dell’associazione regionale.

Ora entra a fare parte del Comitato Scientifico nazionale dell’Associazione, affiancando a pieno titolo professionisti sanitari che, come lui, hanno maturato una pluridecennale esperienza nella diagnostica, cura e riabilitazione delle disfunzioni del pavimento pelvico.

Oreste Risi nello scientifico Fincopp, dunque. Una bellissima notizia per Fincopp e per i pazienti che fanno riferimanto all’associazione ma anche per il mondo scientifico nazionale impegnato intorno alla delicata condizione delle persone con disturbi pelvici.

Una bellissima notizia anche per Politerapica che da anni ha il privilegio di lavorare da vicino con questo straordinario professionista. In Politerapica il Dott. Oreste Risi

 

 

11 Novembre 2019
Poco tempo al convegno di Treviglio

Poco tempo al convegno di Treviglio rispetto a quello che il livello delle relazioni e delle discussioni avrebbe, forse, meritato.

Si è tenuto Venerdì 8 e Sabato 9 Novembre il XIV International Perineology Meeting – Incontinence, sexual dysfunction, chronic pelvic pain, urinary tract infections, quello che, come ha osservato la stampa, è il più importante evento in Italia, dedicato all’incontinenza e alle disfunzioni del pavimento pelvico.

Quest’anno si teneva la 14° edizione. 14 anni consecutivi di analisi, confronto e condivisione, con scienziati e professionisti provenienti da ogni parte d’Italia e dall’Estero, intorno ad un tema che si può ben definire cocente. Due giorni di intensi lavori per fare il punto sui risultati della scienza intorno ai disturbi pelvici, alla loro diagnosi, alle tecniche terapeutiche, alla riabilitazione e alla presa in carico.

Il convegno di Treviglio ci ha abituati ad alti livelli di successo ma quest’anno ci è sembrato che si sia addirittura superato. Sono stati isolati e affrontati con passione e alta partecipazione le due grosse tematiche

  • salute della donna dal punto di vista uro-ginecologico
  • salute dell’uomo dal punto di vista uro-andrologico

Intorno ai due argomenti vi è stato ampio dibattito e confronto, anche animato, con interventi di spessore, che hanno permesso di approfondire le questioni in modo globale e – come è sempre stato nello spirito dell’Internationa Perineology Meeting – in modo multidisciplinare e  multiprofessionale.

Di non minore interesse è stata la parte colo-proctologica che ha visto confrontarsi in una discussione approfondita e costruttiva, professionisti che a questo tema dedicano lavoro e studio da decenni, con risultati di rilevanza internazionale.

Quest’anno c’è stata anche una grossa novità, anzi due:

  • è stata dedicata quasi mezza giornata alla trattazione dell’argomento “stomie”
  • è stato approfondito il punto di vista del paziente, con il coinvolgimento di A.I.Stom. – Associazione Italiana Stomizzati, i cui dirigenti sono stati invitati a partecipare ad una tavola rotonda dedicata alle persone, ai loro bisogni, alle loro difficoltà cliniche ma anche umane e relazionali

Per la seconda volta in due anni, gli organizzatori hanno avuto il coraggio di portare i pazienti all’interno di un congresso scientifico, ripetendo quel salto in avanti nella direzione ormai richiesta da molti: clinici e pazienti insieme nel confronto, nello studio e nella ricerca delle migliori soluzioni.

Ottimo l’impianto dei lavori. Straordinario ancora una volta l’impegno degli organizzatori: Oreste Risi che è da sempre l’anima instancabile di questa iniziativa e, con lui, Gianni Baudino, Brigida Rocchi e Vittoria Ornaghi.

Il convegno si è chiuso con un arrivederci all’anno prossimo ma anche con la creazione di collaborazioni quotidiane ancora più strette. La 15° edizione servirà anche a questo: fare il punto di dove avranno portato le attività che i diversi clinici avranno svolto inisieme sul territorio.

Poco tempo al convegno di Treviglio per le dimensioni che ha assunto l’evento ma tempo speso bene.

Di incontinenza e disfunzioni del pavimento pelvico non si muore ma questi uccidono la vita.  L’impatto fisico, emotivo, relazionale ed economico è altissimo per chi ne soffre, per la famiglia, per la comunità. Lo è anche per il Servizio Sanitario e per il sistema economico nel suo complesso. Costo dei dispositivi, del sistema distributivo, dello smaltimento, insieme a quello per le cure delle disfunzioni e delle patologie correlate – da quelle che colpiscono la sfera e motiva a quelle dermatologiche, per fare un esempio – senza dimenticare quelli dell’assenteismo lavorativo che si forma intorno a questi problemi.

Condizione ancora più grande se si considera che solo in Italia, di questi disturbi, si stima che soffrano almeno 5.000.000 di pesone.

Per quanto riguarda Politerapica, esprimiamo l’orgoglio di annoverare tra i nostri specialisti diversi dei professionisti che hanno partecipato al convegno, apportandovi contributi importanti.

 

Brochure del convegno
XIV International Perineology Meeting – Programma dei lavori

LEco di Bergamo 6.11.2019 - Convegno Treviglio

LEco di Bergamo 6.11.2019 – Convegno Treviglio

XIV Perineology Meeting – Apertura lavori.

 

XIV Perineology Meeting – Apertura lavori. Saluto delle Istituzioni.

 

XIV Perineology Meeting - Apertura lavori. Saluto delle Istituzioni.

XIV Perineology Meeting – Apertura lavori. Saluto delle Istituzioni.

 

XIV Perineology Meeting - Tavola rotonda. Relazione paziente e struttura.

XIV Perineology Meeting – Tavola rotonda. Relazione paziente e struttura.

 

XIV Perineology Meeting - Tavola rotonda. Ruolo dell'Associazione A.I.Stom.

XIV Perineology Meeting – Tavola rotonda. Ruolo dell’Associazione A.I.Stom.

 

XIV Perineology Meeting - Tavola rotonda. Ruolo dell'Associazione A.I.Stom.

XIV Perineology Meeting – Tavola rotonda. Ruolo dell’Associazione A.I.Stom.

 

 

 

6 Novembre 2019
Il 2° Libro Bianco sull’Incontinenza

Il 2° Libro Bianco sull’Incontinenza – L’Inferno dell’incontinenza è stato pubblicato da FINCOPP – Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzione del Pavimento Pelvico, a distanza di quattro anni dalla prima edizione e in occasione del ventennale della fondazione dell’associazione.

Il documento spazia sulla condizione reale degli strumenti e delle soluzioni diagnostiche, riabilitative, terapeutiche e assistenziali a disposizione di un numero di persone non inferiore ai 5.000.000 in Italia, che soffrono di una patologia dal forte impatto fisico, psichico, sociale ed economico. Quasi sempre, inutilmente! Perché l’incontinenza si cura. Solo che lo si sappia.

A questo tema di salute individuale e pubblica è dedicato il convegno 2° Libro Bianco sull’Incontinenza. Riflessioni in Lombardia verso l’uscita dall’inferno che si terrà Mercoledì 20 Novembre 2019 – Ore 18,00, a Seriate, presso il Teatro Aurora, in Via del Fabbro, 5.

Il convegno è indirizzato innanzi tutto alle persone e ai cittadini, insieme a Istituzioni pubbliche, Istituzioni socio-sanitarie, medici, professionisti e operatori della salute.

I lavori saranno articolati in tre tavole rotonde, in ognuna della quali i relatori si confronteranno tra loro e con il pubblico presente in sala. L’obiettivo è quello di un confronto per stimolare l’adozione di soluzioni concrete a sostegno di chi fatica anche solo a dirlo di essere affetto dall’incontinenza o dalle altre disfunzioni del pavimento pelvico.

Qui è disponibile e si può scaricare il documento di presentazione dell’evento, con tutti i dettagli: Fincopp Lombardia – Convegno 20 Novembre 2019 – 2° Libro Bianco sull’Incontinenza – 12.10

All’iniziativa sono stati concessi i patrocini di:

  • ATS provincia di Bergamo
  • Comune di Seriate, Assessorato alle Politiche Sociali
  • Ambito Territoriale di Seriate
  • Provincia di Bergamo
  • FIMMG – Federazione Italiana Medici di Famiglia, provincia di Bergamo
  • A.I.F.I – Associazione Italiana Fisioterapisti
  • FNOPI – Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Infermieristica
  • FNOPO – Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica
  • Fincopp – Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzion del Pavimento Pelvico

Politerapica – Terapie della Salute, a fianco di Fincopp Lombardia OdV, sosterrà i lavori e contribuirà alla loro organizzazione.

6 Novembre 2019
LEco di Bergamo 6.11.2019 - Convegno Treviglio

Il convegno inizia Venerdì mattina, il XIV International Perineology Meeting di Treviglio e il più importante organo di comunicazione della provincia se ne occupa e ne dà l’annuncio.

Certo, la foto del Dott. Oreste Risi non è particolarmente felice ma il contenuto dell’articolo è preciso, puntuale e dà soddisfazione al team che da 14 anni ha fatto di Treviglio un punto di riferimento nazionale e internazionale intorno alla tematica pelvica.

Tra i relatori, molti specialisti che fanno parte di Fincopp – Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico.

Qui il programma definitivo del congresso con tutti i dettagli:
new_trev_19_programma_web

Anche quest’anno, per la seconda volta, un’associazione di pazienti parteciperà ai lavori. Si tratta di A.I.Stom. – Associazione Italiana Stomizzati. Grande e illuminato il coraggio degli organizzatori nel portare la voce dei pazienti all’interno di un consesso scientifico.

Bello il colegamento con il convegno di Fincopp Lombardia della settimana successiva, rivolto ai cittadini. Una sorta di passaggio di testimone tra un evento indirizzato agli scienziati ed un altro, di non minore importanza, indirizzato alla popolazione.

26 Ottobre 2019

Il 2° Libro Bianco sull’Incontinenza – L’Inferno dell’incontinenza è stato pubblicato da FINCOPP – Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzione del Pavimento Pelvico, a distanza di quattro anni dalla prima edizione e in occasione del ventennale della fondazione dell’associazione.

Il documento spazia sulla condizione reale degli strumenti e delle soluzioni diagnostiche, riabilitative, terapeutiche e assistenziali a disposizione di un numero di persone non inferiore ai 5.000.000 in Italia, che soffrono di una patologia dal forte impatto fisico, psichico, sociale ed economico. Quasi sempre, inutilmente! Perché l’incontinenza si cura. Solo che lo si sappia.

A questo tema di salute individuale e pubblica è dedicato il convegno 2° Libro Bianco sull’Incontinenza. Riflessioni in Lombardia verso l’uscita dall’inferno che si terrà Mercoledì 20 Novembre 2019 – Ore 18,00, a Seriate, presso il Teatro Aurora, in Via del Fabbro, 5.

Il convegno è indirizzato innanzi tutto alle persone e ai cittadini, insieme a Istituzioni pubbliche, Istituzioni socio-sanitarie, medici, professionisti e operatori della salute.

I lavori saranno articolati in tre tavole rotonde, in ognuna della quali i relatori si confronteranno tra loro e con il pubblico presente in sala. L’obiettivo è quello di un confronto per stimolare l’adozione di soluzioni concrete a sostegno di chi fatica anche solo a dirlo di essere affetto dall’incontinenza o dalle altre disfunzioni del pavimento pelvico.

Qui è disponibile e si può scaricare il documento di presentazione dell’evento, con tutti i dettagli:
Fincopp Lombardia – Convegno 20 Novembre 2019 – 2° Libro Bianco sull’Incontinenza – 12.10

All’iniziativa sono stati concessi i patrocini di:

  • ATS provincia di Bergamo
  • Comune di Seriate, Assessorato alle Politiche Sociali
  • Ambito Territoriale di Seriate
  • Provincia di Bergamo
  • FIMMG – Federazione Italiana Medici di Famiglia, provincia di Bergamo
  • A.I.F.I – Associazione Italiana Fisioterapisti
  • FNOPI – Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Infermieristica
  • FNOPO – Federazione Nazionale degli Ordini della Professione Ostetrica
  • Fincopp – Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzion del Pavimento Pelvico

Politerapica – Terapie della Salute, a fianco di Fincopp Lombardia OdV, sosterrà i lavori e contribuirà alla loro organizzazione.

26 Ottobre 2019

L’incontinenza alla Camera dei Deputati, durante la Conferenza Stampa nazionale per presentare la proposta di legge Disposizioni in favore dei soggetti incontinenti e stomizzati, che si terrà il 20 Novembre 2019, alle ore 13,00, appunto alla Camera dei Deputati, in Via della Missione 4,. L’incontro è rivolto alla Stampa, alle Istituzioni, ai Professionisti della Salute e ai Cittadini.

E’ previsto l’intervento del Ministro della Salute, On. Roberto Speranzae della Presidente della Commissione AA.SS. della Camera dei Deputati, On. Marialucia Lorefice.

Interverranno il Cav. Francesco Diomede, Presidente dell’Associazione di pazienti Fincopp – Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico, l’On. Marco Lacarra, primo firmatario della proposta, il Prof. Filippo La Torre, Presidente di Aistom – Associazione Italiana Stomizzati, l’Avv. Vincenzo Falabella Presidente FISH e FAIP, l’Avv. Katia Mosconi, Presidente dell’Associazione “La strada per l’Arcobaleno – Spina Bifida, il Dr. Luigi Cecere dell’Associazione AIMAR (Associazione Italiana Malformazioni Anorettali), il Dr. Mario De Gennaro, Presidente Fondazione Italiana Continenza (FIC).

La proposta di legge Lacarra giunge dopo anni di intenso lavoro, stimolato dalle associazioni dei pazienti, per rispondere alla mancanza, in Italia, di una legge nazionale che finalmente disciplini “le tipologie, i criteri e le modalità degli interventi che lo Stato, nel rispetto delle competenze regionali, riconosce e promuove in favore dei soggetti incontinenti e stomizzati, al fine di assicurare loro la piena tutela del diritto alla salute attraverso il miglioramento delle condizioni di vita fisiche e psichiche, il rispetto della dignità umana e il perseguimento di obiettivi di equità e di inclusione sociale”.

Interventi “diretti, unitamente agli interventi generali del Servizio sanitario nazionale, a favorire lo sviluppo di un sistema integrato di cura, assistenza, riabilitazione e rieducazione che sia efficace, equo, omogeneo e liberamente accessibile, sull’intero territorio nazionale”.

Per la precisione l’iniziativa è rivolta a tutelare “a) i soggetti che soffrono, alternativamente o congiuntamente, di incontinenza urinaria e fecale media o grave, sia congenita sia acquisita; b) i soggetti ai quali, a seguito di un intervento chirurgico, è stato applicato un nuovo collegamento, provvisorio o permanente, tra cavità interne del corpo ed esterno, attraverso il confezionamento di una o più stomie cutanee”.

Un problema – quello dell’incontinenza, delle disfunzioni del pavimento pelvico e delle stomie – che coinvolge, in Italia oltre 5milioni di persone. Non si tratta di una questione solo sanitaria, assistenziale, istituzionale: il problema è culturale, quello della conoscenza e del sentire. Conoscenza e cultura che raggiungano e attraversino la società italiana, in tutte le sue componenti, nel senso più ampio e conducano a un sentire di queste patologie e di questi disturbi al pari di qualsiasi altro. Il 20 Novembre, alla Camera dei Deputati si lavorerà in questa direzione.

Il testo della proposta di legge è disponibile qui, in formato .pdf:
Proposta-di-Legge-incontinenza-mod

Chiunque voglia partecipare alla Conferenza Stampa, può farlo: deve solo darne comunicazione alla Segreteria di Fincopp (Tel.: 080.5093389, indirizzo e-mail finco@finco.org), entro e non oltre il 10 Novembre p.v.

 

26 Ottobre 2019

“Perché un’associazione di pazienti per i pazienti” è il tema trattato da Pasquale Intini nell’ultimo numero di Pelviperineologia. Ma andiamo per ordine.

È uscito il numero di Settembre di Pelviperineologia – Rvista multidisciplinare del pavimento pelvico, la rivista italiana trimestrale di Colon-Proctologia fondata nel 1982 e pubblicata su Pelviperineologia.it, il sito che riporta i Rendiconti della Società Interdisciplinare del Pavimento Pelvico.

Anche in questa edizione, come sempre, Pelviperineologia pubblica articoli di spessore. Tra questi, segnaliamo con orgoglio l’articolo Fincopp Lombardia: perché un’associazione di pazienti a sostegno di pazienti.

Già, perché si danno per scontate tante cose. Tra queste, il senso delle associazioni di pazienti. Anzi, probabilmente non ci si pone neppure il problema di conoscerlo e di comprenderlo. L’associazione esiste. Punto. Come tante altre associazioni, veniamo a conoscenza della sua esistenza e, in qualche modo, riusciamo tutt’al più a immaginare che dietro il suo esserci, ci sia un problema complesso. Oltre non andiamo. Non scaviamo. Ci basta. Anzi, di solito non ci interessa neppure molto.

Eppure un’associazione di pazienti intorno a una patologia ha un’anima che va ben oltre le ragioni pratiche della sua nascita, del suo sviluppo e della sua attività. In sé si racchiudono non solo le difficoltà di un disturbo probabilmente pesante, con implicazioni su diverse dimensioni della vita quotidiana delle persone: quella fisica, quella emotiva, quella relazionale e pure quella economica, specco anche quella degli affetti. In essa si ritrovano il sentire e il vissuto di qualcosa che comprende i pazienti e la loro qualità di vita, le perosne loro care, il contesto sociale e pure quello sanitario.

Nelle ragioni di un’associazione, si trovano spesso i limiti del sistema e la fatica del vivere, uniti alla forza e alla determinazione di chi vuole trovare i modi e le soluzioni per andare oltre, trovare una dimensione qualitativamente buona per la propria vita e per quella di altri, per affermare la sua dignità e i suoi diritti e per raccontare tutto questo.

Dietro Fincopp e in Fincopp ci sono persone. Persone che soffrono (e che, oltre tutto, spesso potrebbero non soffrire). Ci sono i loro cari, ci sono i volontari e pure i professionisti sanitari e gli specialisti medici.

Ecco, l’articolo Fincopp Lombardia: perché un’associazione di pazienti a sostegno di pazienti prova a raccontare tutto questo, cercando di non essere noioso, producendo fatti e proponendo riflessioni. Su una rivista prestigiosa, in mezzo ad altri contributi di non minore valore.

Una lettura che crediamo meriti di essere fatta. Per questo, chi lo vuole può scaricare qui la rivista in formato .pdf: pelviperineologia-settembre-2019