7 Dicembre 2018

C’è voluto tutto il coraggio del Dott. Oreste Risi, Responsabile e Scientifico del convegno, per inserire un intervento dedicato alla voce dei pazienti in quello che è probabilmente il più importante evento scientifico nazionale sull’incontinenza e i disturbi pelvici, il “XIII International Perineology Meeting – Incontinence, sexual dysfunction, chronic pelvic pain, urinary tract infections” che si è tenuto a Treviglio il 30 Novembre e 1 Dicembre 2018.

E c’è voluto tutto il coraggio di FINCOPP Lombardia Onlus – Fedrazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico per raccogliere la sfida e presentarsi dinnanzi ad un tale uditorio per raccontarsi, raccontando l’altra faccia del tema: le paure del paziente.

Già, il paziente, la persona. Quell’individuo che vive una vita, in un contesto sociale, familiare, lavorativo. Quell’uomo o quella donna così diversi da altri uomini ed altre donne ma accomunati dallo stesso peso: la vergogna e l’angoscia per un disturbo che sente dire si risolva con i pannolini profumati per non far sentire il cattivo odore in ascensore.

La persona con in suoi affetti e le sue relazioni, la sua dignità, il suo ruolo, le sue ambizioni, le sue speranze. Uno di noi, giovane e meno giovane. Bambino, addirittura, quando – come è ormai noto – l’enuresi diventa un problema e non più una fase di crescita.

E’ più facile raccontare di avere un cancro che di essere affetti da incontinenza, racconta Francesco Diomede, Presidente FINCOPP nazionale. Non si racconta neppure al proprio medico. Trascorrono gli anni nell’angoscia. Si cade nella disistima verso sé stessi, nella depressione. Senza speranze, con mille domande, anche quando, forse casualmente, si approda ad un centro di riabilitazione. Nessuna certezza che quella sia la soluzione giusta. Chi lo dice? Perché crederci?

Il problema pare essere sempre quello: la cultura. la cultura tra la gente ma – e spesso soprattutto – la cultura tra gli operatori sanitari. Quanti medici, quanti specialisti, ancora oggi, dicono che sia normale perdere delle gocce di pipì per una donna che ha avuto due parti? Pper non parlare della comprensione e sensibilità delle Istituzioni.

Perché, di incontinenza non si muore. L’incontinenza, però, ruba la vita.

Un quarto d’ora di intervento, delle slide a fare da cornice. Una sola, grandissima soddisfazione: in una sala di operatori e specialisti presenti in circa un centinaio, non si sentiva volare una mosca. Alta l’attenzione e, con questa, il rispetto. Scrosciante l’applauso finale. Molti i commenti favorevoli raccolti dopo.

Ha avuto coraggio, Oreste Risi. Crediamo abbia avuto anche ragione.

________________________________

XIII Perinealogy Meeting- Treviglio 30.11 e 1.12.2018 – Incontinenza e disturbi pelvici. Le paure del paziente.

 

 

 

13 Novembre 2018

Convegno pubblico

Incontinenza e non solo.
Disturbi che si curano e si prevengono.

Mercoledì 7 Novembre 2018 – ore 18,00
Seriate – Teatro Aurora – Via del Fabbro, 5

Se in sala ci sono state più di 100 persone – persone comuni, cittadini, uomini e donne di ogni età – significa una sola cosa: che nove anni di sforzi per portare il tema dell’incontinenza fuori dal cono d’ombra della vergogna, a qualcosa sono serviti.

Se dopo 3 ore di convegno, oltre la metà dei partecipanti era ancora lì – nonostante l’ora, nonostante il tempo, nonostante la partita della Juventus – e ancora facevano domande, significa che il tema è stato interessante e trattato in modo corretto.

Straordinari i Relatori, straordinario il Comune di Seriate, straordinaria la gente. Ottimo il lavoro del team di Politerapica.

Grazie!

 

Documenti:

7.11.2018 – Convegno “Incontinenza e non solo. Disturbi che si curano e si prevengono” – Locandina

7.11.2018 – Convegno “Incontinenza e non solo. Disturbi che si curano e si prevengono” – Presentazione lavori

7.11.2018 – Convegno “Incontinenza e non solo. Disturbi che si curano e si prevengono” – Agenda

7.11.2018 – Convegno “Incontinenza e non solo. Disturbi che si curano e si prevengono” – Comunicato stampa

 

Relazioni:

Pasquale Intini – Incontinenza e non solo. Presentazione introduttiva – 7.11.2018

Pierpaolo Mariani, Gianni Baudino, Mattia Rossini – Come siamo fatti – 7.11.2018

Gianni Baudino, Pierpaolo Mariani, Mattia Rossini – Disturbi e Patologie – 7.11.2018

Oreste Risi, Marco Bianchi, Gianni Baudino – Terapia e riabilitazione – 7.11.2018

 

Videoregistrazione integrale dei lavori:


Rassegna Media:

Eco di Bergamo – 6.11.2018 – Convegno incontinenza

Corriere della Sera – 7.11.2018 – Convegno Incontinenza

 

Galleria immagini:

 

 

 

 

 

4 Novembre 2018

L’incontinenza si può prevenire. In ogni caso, si cura. Il fatto è che la gente non lo sa!

Per sapere come si può prevenire l’incontinenza e come la si può curare, come si prevengono e si curano gli altri disturbi di “quelle parti”, abbiamo organizzato il convegno pubblico “Incontinenza e non solo. Disturbi che si curano e si prevengono.” che avrà luogo Mercoledì 7 Novembre – ore 18,00, a Seriate, presso il Teatro Aurora, in Via del Fabbro, 5.

L’incontro è aperto a tutti, soprattutto a chi l’incontinenza non ce l’ha! L’ingresso ovviamente è gratuito.

Durante l’incontro, gli specialisti parleranno col pubblico e racconteranno in modo sereno ma serio, con parole semplici e precise, come l’incontinenza e i disturbi pelvici non debbano essere considerati un tabù, come si possa evitare che vengano e come, quando ci sono, si possano risolvere. Sarà una chiacchierata nella quale le persone presenti potranno intervenire, se lo vogliono, fare domande, chiedere, spiegazioni.

 

 

2 Ottobre 2018

“Di incontinenza (e disturbi pelvici) non si muore ma l’incontinenza ruba la vita”.
Perché, se si può prevenire? Perché, se si può curare?

Ne parliamo insieme, il 7 Novembre!
Con noi, specialisti di altissimo livello che, con parole chiare, ci racconteranno cosa sono quei problemi di cui, sotto sotto, facciamo fatica a parlare ma che riguardano oltre 5.000.000 di persone in Italia. Ci diranno che si curano e ci spiegheranno come. Soprattutto, ci diranno come si possono prevenire.

L’incontro è aperto a tutti i cittadini, uomini e donne, perché incontinenza e disturbi pelvici riguardano tutti.

2 Ottobre 2018

E’ stata approvata l’iscrizione di FINCOPP Lombardia Onlus nel “Registro Volontariato, senza Scopo di Lucro, Promozione Sociale” della Regione Lombardia – Sezione provinciale di Bergamo.

L’associazione (il cui nome per esteso è Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico – FINCOPP Lombardia Onlus) è formata da pazienti e professionisti sanitari allo scopo di occuparsi di incontinenza e pavimento pelvico. Costituita il 5 Maggio scorso, ha la sua sede presso Politerapica, che la ospita e la sostiene, a Seriate, in Via Nazionale 93.

Quattro le direzioni verso cui FINCOPP Lombardia indirizza le sue attività:

  • verso e a sostegno dei Pazienti, anche con uno sportello di ascolto
  • verso la Sanità, con progetti di formazione
  • verso il Territorio, con azioni di informazione e sensibilizzazione
  • verso le Istituzioni regionali

Operativa da subito, l’associazione si è già attivata sul territorio regionale con diverse iniziative

  • ha partecipato alla visita dell’Ass. Giulio Gallera, in Politerapica, il 23 Luglio
  • ha concesso, su richiesta, il proprio patrocinio ad un importante iniziativa di formazione sanitaria, tenuta a Milano, lo scorso Giugno
  • sta partecipando all’organizzazione del convegno pubblico “Incontinenza e non solo. Disturbi che si curano e si prevengono”, che si terrà il prossimo 7 Novembre, a Seriate

e altre ne ha in programma.

Quando si parla di incontinenza, si parla di un disturbo che riguarda almeno 5.000.000 di persone in Italia – con drammatici impatti umani, sociali ed economici – e che rappresenta uno dei tre giganti dell’invecchiamento, insieme a quello delle demenze e dei traumi. Da qui la necessità di un’associazione che affronti il problema dal punto di vista dei pazienti: FINCOPP Lombardia Onlus è la prima che si costituisce per farlo, in provincia di Bergamo.

 

FINCOPP LOMBARDIA ONLUS
Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico – Regione Lombardia
Via Nazionale, 93
24068 Seriate – BG

Tel. 035.221931

 

4 Settembre 2018

“Di incontinenza non si muore ma l’incontinenza ruba la vita”. Eppure, la maggior parte dei casi di incontinenza
e di disturbi del pavimento pelvico può essere trattata con successo. Solo che lo si sappia!

Convegno pubblico

Incontinenza e non solo.
Disturbi che si curano e si prevengono.

Mercoledì 7 Novembre – ore 18,00
Seriate

Rivolto a tutti i cittadini, uomini e donne.
Perché i disturbi pelvici riguardano tutti, si curano e, soprattutto, si possono prevenire!

A breve, tutti i dettagli.

 

4 Settembre 2018

Siamo alla sesta edizione del Corso di Alta Formazione della Scuola Nazionale per Professionisti Sanitari della Continenza e del Pavimento Pelvico gestita dalla FINCOPP – Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico di Bari.

Obiettivi generali

La Scuola Nazionale di Formazione e Perfezionamento per “Professionisti della Continenza e del Pavimento Pelvico” per fisioterapisti, infermieri e ostetriche, si pone come obiettivo l’assistenza, la gestione e la presa in carico delle persone che soffrono di incontinenza (uro/fecale) e sintomi da disfunzione del pavimento pelvico. Queste complesse problematiche spesso generano una grave alterazione della qualità di vita, il quadro che ne emerge è complesso e richiede un intervento di tipo multidisciplinare, un’ampia conoscenza e sensibilità da parte dei professionisti sanitari.

L’obiettivo formativo ed educativo si realizza attraverso il miglioramento delle conoscenze anatomo-fisiologiche e patologiche dell’apparato urologico, ginecologico e colo-procotologico, nonché attraverso la descrizione di tecniche e strumenti fisioterapici e riabilitativi, di metodiche cliniche e del nursing. Oltre a ciò è necessario considerare tali problematiche anche dal punto di vista psico-sociale, sessuale e lavorativo al fine di recuperare completezza, globalità e reinserimento sociale.

Obiettivi formativi

  • Favorire la conoscenza del Pavimento Pelvico
  • Sviluppare le conoscenze teoriche riguardanti le disfunzioni del Pavimento Pelvico e la loro insorgenza
  • Fornire gli strumenti per l’approccio alla persona incontinente e con disfunzioni del pavimento pelvico
  • Sviluppare le strategie per la prevenzione dei danni strutturali pelvi-perineali
  • Favorire l’apprendimento di abilità manuali, tecniche e pratiche per la rieducazione perineale
  • Attenersi alla normativa nazionale, europea ed internazionale (UNI ISO 9001:2008) in materia di
    certificazioni e competenze

Un percorso ricco e articolato che tratta le problematiche urologiche, ginecologiche e proctologiche del pavimento pelvico, riferite a uomini, donne e bambini, con il contributo di docenti di primissimo livello che rappresentano il top delle professionalità sanitarie in ambito nazionale e internazionale.

In allegato, la brochure con il programma completo.

Brochure Scuola Alta Formazione Pelvica Bari. 2018-2019

1 Agosto 2018

Il team ostetrico, in Politerapica sta crescendo. Due nuovi ingressi, ambedue di spessore per qualifica professionale e per attenzione personale. Con loro, comincia a concretizzarsi il sogno dell’Ambulatorio Ostetrico – Gravidanza e Neonatalità, che stiamo coltivando da tempo.

Diamo il benvenuto a Federica Brandazza e a Stephane Arnone.

Federica Brandazza si è laureata in Ostetricia nel 2015, presso l’Università degli Studi di Milano. Ha poi frequentato il corso di un anno “La salute pelvica perineale nei cicli femminili: educazione, prevenzione, rieducazione e trattamento delle disfunzioni perineali con approccio ostetrico specifico”, presso la Scuola Elementale di Arte Ostetrica di Firenze.

Si occupa da tempo di pavimento pelvico e riabilitazione pelvi-perineale e ha maturato importanti esperienze collaborando con professioniste della Clinica Mangiagalli di Milano.

In Politerapica, si occupa in particolare di Riabilitazione Pelvi-perineale.

Stephane Arnone si è laureato in Ostetricia nel 2015, presso l’Università degli Studi Milano Bicocca e sta per conseguire la Laurea Magistrale in Scienze Cognitive e Processi Decisionali, presso l’Università Statale di Milano.

Fortemente convinto dell’interpretazione moderna e corretta della gravidanza fisiologica, dell’allattamento, della neonatalità e del ruolo della professione ostetrica nell’assistenza alla donna, vede la sua attività in ottica multidisciplinare e di équipe ma anche con metodo e struttura.

Dal 2017, è Consigliere dell’Ordine della Professione Ostetrica interprovinciale di Bergamo, Cremona, Lodi, Milano, Monza-Brianza.

Con l’arrivo di Stephane Arnone, prenderà avvio il progetto, a lui affidato, per la realizzazione dell'”Ambulatorio Ostetrico – Gravidanza e Neonatalità” di Politerapica, secondo quanto disposto dalla delibera della Regione Lombardia, pubblicata recentemente.

 

Per informazioni e appuntamenti:
Segreteria di Politerapica, tel. 035.298468, e-mail info@politerapica.it

 

 

 

 

14 Luglio 2018

E’ durata un’ora ed è stata una bella visita, quella dell’Assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, del Consigliere di Regione Lombardia, Paolo Franco e del Vice Sindaco di Seriate, Gabriele Cortesi.

Alla giornalista de l’Eco di Bergamo che aveva assistito all’incontro e che lo incalzava, chiedendogli se, a fronte delle problematiche emerse, lui si assumeva degli impegni, l’Ass. Gallera rispondeva in modo articolato, non mancando di sottolineare come la realtà che stava visitando, Politerapica, rappresentasse un modo brillante e qualificato – addirittura avanzato per certi temi – di fare sanità sul territorio e che questa realtà fosse un esempio di come si potesse realizzare quel modello di cura della salute, integrata e distribuita, cui l’Assessorato al Welfare di Regione Lombardia è impegnato a lavorare in questi cinque anni.

Una visita cordiale, vivace e ricca. Serena nei modi, intensa nei contenuti. Molta l’attenzione mostrata a Politerapica, all’Ambulatorio Multidisciplinare Parkinson, a Fincopp Lombardia Onlus – l’associazione no profit di pazienti che soffrono di incontinenza e disturbi del pavimento pelvico, ospitata da Politerapica –  e alla problematica dei disturbi pelvici. Soprattutto al nostro modello di attività sul territorio e al nostro approccio multidisciplinare.

Non sono mancati gli accenni agli altri progetti dedicati di Politerapica, tra cui l’Ambulatorio vaccinale, in funzione ormai da anni, e l’Ambulatorio ostetrico in fase di approntamento per il sostegno a gravidanza, neonatalità e neo genitorialità.

Era appena finito l’incontro e sia l’Ass. Gallera, sia il Consigliere Regionale Paolo Franco postavano foto e commenti lusinghieri sulle loro pagine Facebook.

Una visita che fa onore a Politerapica e a tutti i suoi collaboratori e che ci piace pensare premi il nostro modello di attività. Una Medicina sul territorio e Vicina al territorio che risponde ad esigenze concrete e che si caratterizza per il suo approccio multidisciplinare che vede davvero il paziente al centro dell’attenzione di tutta la struttura, considerato nella sua interezza fisica, psichica e sociale.

Chiara la sensazione di essere stati apprezzati e di esserci meritati la soddisfazione espressa dai nostri ospiti per quanto hanno potuto vedere e sentire. Un potente stimolo per proseguire in questa direzione.

 

Da sinistra a destra: Giulio Gallera, Paolo Franco, Gabriele Cortesi, Pasquale Intini, Cristina Rizzetti

Clima cordiale

L’arrivo e il benvenuto.

Notevole l’attenzione.

Visita alla struttura.

4 Luglio 2018
  • Marco Bianchi, Chirurgo proctologo
  • Rachele Bianchi, Ostetrica
  • Antonio Manfredi, Urologo
  • Silvia Nozza, Ginecologa
  • Oreste Risi, Urologo e Neurourologo
  • Cristina Rizzetti, Neurologa Parkinsonologa
  • Brigida Rocchi, Ginecologa e Uroginecologa

impegnati a testa bassa sul territorio bergamasco in occasione della XIII Giornata Nazionale per la Prevenzione e la Cura dell’Incontinenza. Sono state eseguite visite e consulenze gratuite presso la sede di Politerapica, a Seriate e l’Ospedale di Treviglio, a Treviglio, con il sostegno di Fincopp Lombardia Onlus. Altrettanto intense le attività di comunicazione sui media territoriali.

5.000.000 di persone, in Italia, soffrono di incontinenza, anche in giovane età. 3.000.000 sono donne e 2.000.000 sono uomini, molti dei quali hanno subito un intervento alla prostata, senza riabilitazione. Poi, ci sono gli altri disturbi del pavimento pelvico: ritenzione, stipsi, vescica iperattiva, prolassi, dolore pelvico cronico. Da non dimenticare, infine, i disturbi del pavimento pelvico che colpiscono pesantemente le persone da patologie neurodegenerative, ormai così diffuse, come la Malattia di Parkinson.

Un segreto da non rivelare a nessuno, un motivo di vergogna, un vero stigma sociale. Spesso da tenere nascosto anche al medico. Eppure, nella maggioranza dei casi, l’incontinenza e i disturbi pelvici si curano. E quasi sempre con la terapia riabilitativa.

Molte le persone che hanno approfittato dell’opportunità di accedere a valutazioni gratuite ma, più ancora, di poter parlare liberamente del loro problema, di potere chiedere, capire, approfondire. E pure di sdrammatizzare, perché la corretta conoscenza permette di dare la giusta dimensione alle cose e capire che queste sono lì per essere risolte. Anche se riguardano quei problemi di cui, sotto sotto, si fa così fatica a parlare.