4 Novembre 2017

Il 25 Novembre ricorre la Giornata Internazionale contro la violenza selle donne. Il Comune di Cavernago e la sua cittadinanza partecipano alla giornata con due giorni di iniziative dedicate a questo delicato e purtroppo attualissimo tema, aperte a tutta la cittadinanza e a chiunque voglia partecipare.

Organizzano l’attività il Comune di Cavernago con la Polisportiva di Cavernago e la Consulta Pari Opportunità Cavernago. Politerapica contribuisce.

Si comincerà Sabato 25 Novembre, alle ore 10,00, con l’installazione della panchina rossa. Si prosegue Domenica 26 Novembre, dalle ore 16,00 presso la Palestra delle Scuole, con un evento rivolto a tutti, uomini e donne, dal programma intenso e vivace:

  • Ore 16,oo – Dimostrazione di Krav Maga
    Con l’istruttrice Lara Lancini di Italia Krav Maga
  • Orse 16,30 – Dimostrazione di difesa personale
    Con l’istruttore Gianluigi Locatelli della Polisposrtiva di Cavernago
  • Ore 17,00 – “Dialoghi con la violenza. Contesti e modi in cui si esprime”
    Incontro e dibattito a cura di Dott.ssa Diana Prada e Dott.ssa Vera Zanchi,
    Psicologhe e Psicoterapeute di Politerapica – Terapie della Salute

Il programma prosegue con altri due appuntamenti:

  • Ore 18,00 “Partita della solidarietà”
    In campo le atlete della seconda divisione Volley 2 C
  • Ore 19,00 Apericena
    Offerto dalla Italia Krav Maga

In segno di solidarietà, gli organizzatori suggeriscono di indossare qualcosa di rosso.


Riprendiamo dalla locandina dell’iniziativa:

Perché il 25 Novembre?
La data è stata scelta per ricordare il brutale assassinio delle tre sorelle Mirabal, avvenuto nel 1960, nella Repubblica Dominicana. Il dittatore Trujillio le considerava rivoluzionarie e decise di torturarle ed ucciderle. Gli assassini buttarono il loro corpo in un burrone per simulare un incidente ma la verità venne fuori. Nel 1981, un gruppo di donne di Bogotà chiese all’ONU di ricordare questa tragedia e nel 1999 l’ONU dichiarò il 25 Novembre Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. 

Perché le scarpe rosse?
Le scarpe rosse sono diventate il simbolo della lotta contro il femminicidio e la violenza contro le donne, grazie all’artista Elina Chauvet che il 27 Luglio 2012 le utilizzò in un’installazione artistica davanti al Consolato Messicano di El Paso, in Texas (USA). Da quel giorno le scarpe dello stesso colore del sangue versato da tantissime donne in tutto il Mondo è divenuto il simbolo di questa giornata. 

Perché la panchina rossa?
La panchina rossa, collocata in uno spazio pubblico, vuole rappresentare il posto occupato da una donna vittima di femminicidio, segno tangibile di un’assenza nella Società causata dalla violenza. (Karim Cherif).

“La violenza è l’ultimo rifugio degli incapaci”. (Isaac Asimov) 


In allegato la locandina dell’iniziativa: Cavernago 25/26 Novembre 2017 – Brochure