4 Gennaio 2018

Inizia il decimo anno di Politerapica, il quarto di Medicina Vicina.

Gli auguri ce li siamo già fatti. Desideriamo ora condividere un bilancio di questo anno così strano, così speciale per noi: un anno diverso, il primo vissuto mentre pare che stiamo finalmente uscendo dalla crisi che ha attanagliato l’economia e che ha morso pesantemente – a volte, lasciando ferite difficili da curare – anche la nostra struttura, con problemi che non sono certamente terminati ma che ora si presentano in una prospettiva nuova che permette un po’ di ottimismo.

Siamo qui, determinati più che mai, con l’entusiasmo di sempre, con la voglia di costruire e di crescere insieme, in un progetto che amiamo e condividiamo: quello di una medicina di eccellenza nei contenuti e nelle modalità, portata sul territorio e resa accessibile ai cittadini.

Da noi, specialisti di grande competenza – alcuni sono primari ospedalieri – visitano, senza lista di attesa, al costo di 60 Euro. Insieme a loro, professionisti sanitari bravissimi che erogano prestazioni riabilitative di prim’ordine.  29 Medici Specialisti, 14 Terapisti. Questa è Medicina Vicina, l’altra idea di Salute di Politerapica.

Con una certezza in più: questa crisi ha modificato radicalmente le condizioni economiche della società e noi abbiamo avuto la capacità di esserci ancora ma anche di esserci con l’offerta di servizi corretta per il mondo di oggi.

Ci siamo riusciti a costo di grandi sforzi. Siamo stati capaci di diventare – noi, l’intero team di Politerapica – un punto di riferimento riconoscibile e riconosciuto per il territorio.

Nel 2017, poi, si sono uniti a noi nuovi specialisti. Alcuni sostituiscono professionisti che hanno dovuto lasciarci, altri ampliano la nostra squadra:

  • Davide Mazzoleni, medico dello sport
  • Aurelio Comelli, cardiologo e medico internista
  • Vera Zanchi, psicologa e psicoterapeuta
  • Mario Tintori, sessuologo
  • Grazia Lombardo, ginecologa
  • Lelia Rondi, ortopedico

che si aggiungono a Mario Fusco, neurochirurgo, che ci aveva raggiunto proprio a fine 2016. La lista non è ancora completa: a breve – stiamo incrociando le dita – ne arriveranno altri.

Anche tra i terapisti, abbiamo due nuovi ingressi:

  • Paola Barzanò, ostetrica
  • Zaccheo Giupponi, infermiere

Con chi c’era già e con chi è arrivato nel corso dell’anno, abbiamo fatto tantissime cose:

sul territorio

  • 6 incontri pubblici
    7 screening
    1 convegno pubblico
    con il Comune di Seriate, col quale abbiamo di fatto avviato una collaborazione stretta e reciprocamente partecipata che verrà probabilmente estesa all’Ambito Territoriale
  • 9 incontri pubblici
    con il Comune di Bergamo – Assessorato alla Coesione Sociale, col quale collaboriamo (unica struttura!) ormai da sei anni e che ci ha chiesto di continuare a lavorare insieme anche nel 2018
  • 7 incontri pubblici
    con il Comune di Cavernago, per il terzo anno consecutivo e col quale abbiamo già definito il piano che ci vede coinvolti anche nel primo semestre del 2018
  • 5 incontri pubblici
    con il Comune di Brusaporto, per il quarto anno consecutivo e col quale stiamo definendo il piano per il primo semestre del 2018
  • 3 incontri pubblici
    con Terra d’Europa onlus di Pedrengo

nella nostra sede

  • incontri dedicati a gravidanza e neonatalità
  • percorso Gravidanzando
  • percorso Danza in fasce
  • percorso “Essere genitori oggi”
  • screening della colonna
  • screening del pavimento pelvico
  • partecipazione alle attività della Settimana Mondiale della Tiroide 2017  con visite e screening gratuiti
  • partecipazione alle attività della XII Giornata Nazionale dell’Incontinenza con visite e screening gratuiti
  • incontro/convegno sulle vaccinazioni con la partecipazione della dirigenza della ATS di Bergamo, di Sergio Clarizia, Alberto Canciani e Paola Barzanò e con la presenza delle Forze dell’Ordine per garantire la sicurezza
  • istituzione del Baby Pit Stop riconosciuto da Unicef
  • organizzazione della Festa dei Nonni e dei Nipoti con Unicef

in altri termini

  • 30 incontri pubblici con Amministrazioni Comunali e Onlus
  • 12 eventi di screening e prevenzione
  • 2 convegni pubblici

E poi…

  • Politerapica è stata premiata per la quarta volta come struttura che pratica la Responsabilità Sociale di Impresa da Regione Lombardia e Unioncamere Lombardia
  • il Comune di Bergamo ci ha dato atto – con una cortese lettera dell’Ass. Maria Carolina Marchesi – di essere stato inserito nella Rete Città Sane anche grazie all’attività di incontri sul territorio che organizza con Politerapica
  • abbiamo collaborato attivamente con la direzione della ATS di Bergamo nella preparazione del convegno sugli adolescenti che è stato tenuto presso la loro sede in Ottobre
  • partecipiamo al progetto Alternanza Scuola/Lavoro del Liceo Scientifico Mascheroni di Bergamo e dell’Istituto Lorenzo Lotto di Trescore ospitando loro studenti
  • Rachele Bianchi, la nostra ostetrica che si occupa di riabilitazione pelvica e che si è formata presso di noi per questa speciale attività, è stata tra i relatori del prestigioso Corso/Convegno annuale di Treviglio “Il team interdisciplinare del pavimento pelvico”
  • la stampa e i media ci hanno continuato a dedicare attenzione

 

La cosa forse più importante: sono sempre di più le persone che si rivolgono alla nostra struttura sia per le sue attività medico-specialistiche, sia per le sue attività riabilitative e di sostegno.

Per tutto questo, sentiamo il dovere di ringraziare tutto il team di Politerapica per il contributo di ognuno. A volte, è costato sacrificio, fatica. Sempre, ha richiesto impegno. Un grosso grazie, sì.

Si è chiuso il 2017. Si è aperto il 2018.
Inizia il decimo anno di Politerapica, il quarto di Medicina Vicina.

A tutti i nostri pazienti, amici, conoscenti, simpatizzanti, insomma a tutti coloro che fanno parte del mondo di Politerapica – Medicina Vicina, desideriamo augurare che, pur in mezzo alle tribolazioni che non potranno mancare ma anche – ne siamo certi – con i momenti di gioia che ci saranno, ognuno possa vivere il 2018 in un clima di serenità.

20 Dicembre 2017

ANTARES Care è un intervento di educazione e promozione della salute durante l’adolescenza attraverso azioni comuni e condivise con la realizzazione di interventi di qualità e visite specialistiche, riservato ai giovani di età compresa tra i 14 – 24 anni presso strutture medico sanitarie convenzionate.

Citiamo dalla home page del sito di Antares http://antares-onlus.it/:


“Le disuguaglianze sociali ed economiche influiscono fortemente sulla salute dei minori. La salute deve essere vista come una risorsa di vita quotidiana, da qui gli stili di vita determinano lo stato di salute e il benessere degli adolescenti, influenzando anche la loro salute futura di persone adulte. Per questo l’associazione vuole intervenire in modo efficace promuovendo l’educazione della salute.

Grazie al centro medico Politerapica, questo natale, fino al 31/03/2018 chiunque farà una donazione minima di 3 € potrà richiedere il buono di ANTARES Care. Che consente di usufruire di una visita medica specialistica al costo totale di 40 €, riservata ai giovani di età compresa tra i 14 e 24 anni.

Il buono è valido per 1 visita specialistica presso:alt="Politerapica ANTARES"
Via Nazionale 93 – Seriate”


Insomma, un progetto concreto di attenzione alla salute dei giovani che attraversano quella delicatissima età della vita che è l’adolescenza. E Politerapica è stata ben lieta di partecipare, fornendo il contributo della sua struttura e degli straordinari specialisti di Medicina Vicina:

  • Agopuntura
  • Allergologia
  • Allergologia Pediatrica
  • Andrologia
  • Angiologia
  • Cardiologia
  • Chirurgia ambulatoriale (piccola)
  • Chirurgia generale
  • Chirurgia proctologica
  • Chirurgia vascolare
  • Dermatologia
  • Diabetologia
  • Dietologia
  • Endocrinologia
  • Fisiatria, Medicina fisica e riabilitazione
  • Gastroenterologia
  • Geriatria e Gerontologia
  • Ginecologia e Ostetricia
  • Medicina dello sport
  • Medicina estetica
  • Medicina internistica
  • Medicina omeopatica
  • Neuropsichiatria infantile
  • Ortopedia
  • Neurochirurgia
  • Pediatria e Neonatologia
  • Pneumologia
  • Psicologia e Psicoterapia adulti e famiglie
  • Psicologia e Psicoterapia età evolutiva
  • Urologia

Per informazioni e per fissare appuntamenti: Segreteria Politerapica, tel. 035.298468

Ma chi è ANTARES e quali sono le sue attività? Impossibile raccontare in poche righe missione, approccio e strategia di questa straordinaria Onlus, dedicata gli adolescenti, che opera a Bergamo da diversi anni e che da qualche tempo si è trasferita in Via Giacomo Quarenghi, 23. Ancora più difficile elencare e illustrare le sue molte attività e iniziative.

Suggeriamo di consultare il sito dell’Associazione http://antares-onlus.it/ o di contattare i loro operatori, sempre disponibili al Tel. 035 244347 o all’indirizzo e-mail info@antares-onlus.it.

 

20 Dicembre 2017

Lo chiameremo Samuele. Un nome di fantasia, Lo sapete: la riservatezza. E poi, lui ha solo 11 anni. La mamma l’ha portato in Politerapica perché da sempre soffre di Enuresi, il nome che i dottori danno alla “pipì a letto”.

Intendiamoci, fare la pipì a letto, da bambini, è normale. Fino ad una certa età, non si acquisisce la capacità di controllo totale degli sfinteri né dei meccanismi della minzione. Di notte, poi, quando lo stato cosciente si abbassa, diventa ancora più difficile. Nulla di grave.

Il problema nasce quando questo disturbo continua oltre una certa età. Potrebbe, infatti, non essere più una condizione del tutto fisiologica mentre, al contrario, potrebbe anche diventare motivo di mortificazione del bambino. E’ qui che ci si deve domandare se sia il caso di intervenire e come. Sapendo bene che, nella quasi totalità dei casi, si tratta di un disturbo che non nasconde nulla di patologico e che è risolvibile con una corretta azione al centro della quale, il bambino sia pienamente coinvolto e si senta protagonista di sé e del suo corpo.

Era il caso di Samuele. Diciamo “era” perché ora il caso non c’è più: Samuele non fa più la pipì a letto. Sono bastati tre incontri e un corretto lavoro, svolto insieme: lui, Rachele Bianchi che è la nostra ostetrica Uro-riabilitatrice e poi, sua mamma, suo fratellino e suo papà.

Ora è sereno, può andare in gita con i compagni senza pensieri e, soprattutto, può togliersi la paura di avere un problema. La mamma che aveva cominciato a preoccuparsi perché temeva – forse, notava – che il bambino si sentisse diverso rispetto ai compagni, ora è contenta. In casa va tutto bene. Un percorso naturale, normale, tranquillo. Due incontri in Politerapica, un po’ di lavoro a casa e un terzo incontro la “terapia”.

Samuele sta bene. Noi siamo felici per lui e – lasciatecelo dire – orgogliosi per noi.

In Politerapica ci occupiamo da sempre di trattamento dell’incontinenza urinaria maschile, femminile e pediatrica. Più in generale, seguiamo tutti problemi del pavimento pelvico, urologici, ginecologi e proctologici, di tutte le età. Lo facciamo in team multidisciplinare (urologo, ginecologo, proctologo, psicologo, fisiatra, ostetrica…),  seguendo le linee guida mondiali e tenendoci scrupolosamente aggiornati.

E Rachele Bianchi, quest’anno, ha anche partecipato in qualità di docente all’importantissimo Corso/Convegno “Il team interdisciplinare del pavimento pelvico”, appuntamento annuale imperdibile per specialisti e professionisti sanitari che in Italia si occupano di questo tema.

Sull’incontinenza e l’enuresi in età pediatrica, in allegato potete trovare un articolo del Dott. Mario De Gennaro, Direttore dell’UOC Urodinamica – Dip. Nefrologia e Urologia, Osp. Pediatrico Bambino Gesù, Roma: Incontinenza urinaria pediatrica – Dott. Mario De Gennaro

 

Per informazioni e prenotazioni:
Segreteria di Politerapica, tel. 035.298468

 

8 Dicembre 2017

Riceviamo con piacere gli auguri dell’Amministrazione di Cavernago e, con essi, i ringraziamenti per l’attività svolta insieme, per il terzo anno consecutivo, allo scopo di contribuire alla diffusione di una sana cultura della salute tra i cittadini del Comune. Sono stati diversi gli impegni che abbiamo sostenuto: incontri pubblici tenuti presso la vostra Sala Consiliare e Screening dedicati alla popolazione:

  • 18 Gennaio 2017
    Incontro pubblico sull’Omeopatia
  • 15 Febbraio 2017
    Incontro pubblico sulla Medicina estetica con il Dott. Luciano Ventriglia
  • 15 Marzo 2017
    Incontro pubblico sui Tumori dell’apparato genitale femminile con la Dott.ssa Silvia Nozza
  • 19 Aprile 2017
    Incontro pubblico sui Tumori dell’apparato genitale maschile con il Dott. Paolo Belvisi
  • 17 Maggio 2017
    Incontro pubblico sull’Adolescenza e sui giovani con la Dott.ssa Diana Prada
  • 10 Ottobre 2017
    Incontro pubblico sull’Ernia del disco con il Dott. Mario Fusco
  • 28 Ottobre 2017
    Screening della colonna con il Dott. Mario Fusco
  • 21 Novembre 2017
    Incontro pubblico sulle Vaccinazioni Con il Dott. Sergio Clarizia, il Dott. Alberto Canciani, la Dott.ssa Ost. Paola Barzanò

E’ ai professionisti che ho elencato sopra – e agli altri membri del Team Politerapica che hanno reso possibile questa attività – che rivolgiamo i vostri ringraziamenti, unendoli ai miei, testimone e, a volte, responsabile della fatica e dell’impegno di ognuno di loro, profusi sì con entusiasmo e convinzione ma anche con difficoltà.

Vogliamo però cogliere l’occasione per ringraziare noi, a nostra volta, lei e la vostra Amministrazione. Avere lavorato insieme e continuare a farlo ormai da anni è per noi importante. Ci permette di essere fedeli alla nostra missione aziendale, ispirata ai principi di responsabilità sociale di impresa e di portare un contributo concreto alla comunità, in termini di conoscenza finalizzata alla prevenzione. Ci permette di uscire dalla nostra sede e guardare in faccia il territorio e farci conoscere, per come siamo, dai suoi cittadini. Ci permette, infine, di realizzare quella sinergia che riteniamo indispensabile – in un epoca in cui le risorse sono sempre più limitate – tra strutture e entità diverse, pubbliche e private, nel rispetto delle reciproche attribuzioni e condizioni, per realizzare servizi di qualità per i cittadini.

Questo, naturalmente, a Cavernago è possibile grazie alla straordinaria sensibilità, attenzione e disponibilità dell’Amministrazione Comunale, alla sua apertura e al suo impegno.

Di questo vogliamo ringraziarvi e vogliamo esprimervi il nostro apprezzamento. Da anni, Politerapica svolge attività simili in altri territori e proprio l’esperienza che abbiamo maturato nel tempo ci permette di dire con convinzione quanto lavorare con voi sia un privilegio.

8 Dicembre 2017

Riceviamo i ringraziamenti dell’Assessore alla Coesione Sociale del Comune di Bergamo, Dott.ssa Maria Carolina Marchesi, riferiti al lavoro che svolgiamo insieme, sul territorio cittadino, ormai da sei anni. Incontri pubblici rivolti ai cittadini che teniamo insieme – Assessorato e Politerapica Medicina Vicina – per contribuire a diffondere la cultura della salute tra le persona. Questa è prevenzione.

In particolare, i ringraziamenti vanno a

– Danila Covelli
– Vincenzo Manganelli
– Sergio Clarizia
– Miriam Fumagalli
– Giambattista Manna
– Andrea Balducci
– Oreste Risi
– Silvia Nozza
– Domenico Gerbasi (membro “virtuale” della nostra famiglia)

che hanno sostenuto con bravura, disponibilità e anche allegria l’impegno di 9 (nove!) incontri, tenuti nel 2017, in giro sul territorio del Comune di Bergamo.

Un grosso lavoro, quello che stiamo facendo con l’Assessorato alla Coesione Sociale (che raggruppa ben 5 assessorati delle precedenti Amministrazione), la cui qualità e importanza raccoglie l’apprezzamento e suscita in noi un pizzico di orgoglio.

Qui la lettera dell’Assessore Maria Carolina Marchesi.
Comune di Bergamo – Politerapica ringraziamenti dicembre2017

 

8 Dicembre 2017

Il Comune di Brusaporto ringrazia Politerapica – Medicina Vicina e i suoi specialisti e, in particolare, i dottori:

– Danila Covelli, Endocrinologa
– Silvia Nozza, Ginecologa
– Miriam Fumagalli, Chirurgo vascolare
– Paolo Belvisi, Urologo
– Mario Fusco, Neurochirurgo
– Aurelio Comelli, Cardiologo

Sono cinque gli incontri pubblici che, quest’anno, sono stati organizzati a Brusaporto, dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con Politerapica. Cinque incontri per parlare di salute, ogni volta su un tema specifico, sempre in modo semplice e chiaro, col pieno coinvolgimento del pubblico.

Senza fretta, senza limiti di tempo. Una sorta di “tavola rotonda” allargata ai partecipanti che si sono sentiti pienamente coinvolti e non si sono fatti scrupolo di  domandare, sollevare dubbi, chiedere approfondimenti. In modo sereno. A volte, addirittura divertente.

L’impegno di Politerapica – Medicina Vicina per contribuire a diffondere la cultura della Salute tra i cittadini di Brusaporto, si somma alle analoghe iniziative che la nostra struttura sostiene, da diversi anni, a Bergamo, Seriate, Cavernago, Pedrengo e in molti altri Comuni, insieme ad Amministrazioni Pubbliche, Organizzazioni onlus, Enti pubblici e privati.

Ne siamo orgogliosi. Ringraziamo i nostri specialisti.

2 Dicembre 2017

Regolamento per il contrasto al fenomeno della Ludopatia derivante dalle forme di gioco lecito, così si chiama il documento approvato dall’Assemblea dei Sindaci dell’Ambito Territoriale di Seriate, il 27 Novembre scorso.

Tutti gli 11 Comuni uniti, indipendentemente dal colore di ogni Amministrazione, nel definire un piano concreto contro uno dei mali della nostra Società, che colpisce persone di ogni età e di ogni estrazione sociale e che così tanti disastri provoca nelle famiglie e nella comunità. Insieme alle Amministrazioni Comunali e alle Polizie Locali, collaborano la ATS di Bergamo, Associazioni di categoria (Ascom e Confesercenti) e la cooperativa Il Piccolo Principe.

Regole precise e condivise e pure innovative che verranno applicate in tutto il territorio dell’Ambito, con la stessa determinazione e la stessa volontà di affiancare questo intervento ai molti già in atto per sostenere i cittadini che attraversano la sofferenza della ludopatia e per aiutarli ad uscire da un tunnel buio e pericoloso.

L’Ambito di Seriate è il primo, in tutta la provincia di Bergamo, ad adottare un piano organico e integrato di azione contro il gioco di azzardo. L’auspicio è che venga seguito quanto prima dagli altri territori.

In allegato, il testo del Regolamento approvato:
Ambito Territoriale di Seriate – Regolamento per il contrasto alla ludopaita

 

Eco di Bergamo – 1.12.2017

 

4 Novembre 2017

Un Ricercatore, un Sociologo, un Consulente, uno Psicologo, un Geriatra, un Dirigente della Pubblica Amministrazione di Seriate per parlare con la gente e alla gente di quanto e come l’Anziano rappresenti una risorsa preziosa per la nostra comunità.

Con loro, ad introdurre i lavori, il Vice Sindaco di Seriate, il Direttore Generale della ATS, il Presidente dell’Ordine dei Medici di Bergamo, il Direttore Socio-Sanitario dell’ASST Bergamo Est.

Personalità qualificate, di notevole spessore, capaci di parlare con linguaggio chiaro e semplice con il pubblico presente in sala, per affrontare in modo completo un tema vitale per la società di oggi.

Tutto questo, al

Convegno pubblico

“L’Anziano. Protagonista della rete.”
Lunedì 27 Novembre – ore 18,00
Auditorium Biblioteca Gambirasio – Seriate, Via Italia 58

In un territorio dove il lavoro di costruzione delle reti è particolarmente vivace e dove l’età avanzata è presente in modo significativo, l’anziano riveste un duplice ruolo: fruitore di quei servizi che la rete può rendergli disponibili per assicurarne la salute per essere a sua volta protagonista della vita sociale e fornitore di servizi alla comunità.

Dunque, una risorsa importante prima che una persona che necessita di sostegno.

 

 

4 Ottobre 2017

Convegno pubblico

“L’Anziano. Protagonista della rete.”
Lunedì 27 Novembre – ore 18,00
Auditorium Biblioteca Gambirasio – Seriate, Via Italia 58

In un territorio dove il lavoro di costruzione delle reti è particolarmente vivace e dove l’età avanzata è presente in modo significativo, l’anziano riveste un duplice ruolo: fruitore di quei servizi che la rete può rendergli disponibili per assicurarne la salute per essere a sua volta protagonista della vita sociale e fornitore di servizi alla comunità.

Dunque, una risorsa importante prima che una persona che necessita di sostegno.