Politerapica: La salute per i Cadetti dell’Accademia GdF<br> è un valore.

La salute per i Cadetti dell’Accademia GdF
è un valore.

La salute per i Cadetti dell’Accademia GdF
è un valore.
0 29 Novembre 2019

La salute per i Cadetti dell’Accademia della Guardia di Finanza di Bergamo è un valore. Lo è per loro e lo è per il Gen. B. Bonifacio Bertetti che la dirige, per il Col. Umberto Maria Palma che ne dirige i corsi e per il Cap. Med. Anna Lisa Di Giamberardino che ne è il Capo Ufficio Sanitario.

Sabato 23 Novembre scorso, alle ore 9,00, nell’Aula Magna della sede dell’Istituzione, a Bergamo, Politerapica ha tenuto la conferenza “Alimentazione e peso corporeo corretti. Una questione funzionale”. Un’iniziativa preparata insieme, dalla nostra struttura e dai loro Ufficiali, e che ha visto il diretto coinvolgimento di tre nostri medici specialisti:

  • Pietro Agostini, Fisiatra
  • Gabriele Alari, Angiologo
  • Maria Britta, Endocrinologa

L’obiettivo era chiaro: partendo dall’apparato locomotore – ossa, articolazioni e muscoli – e dal suo funzionamento, raccontare le ragioni del giusto peso corporeo e quindi della corretta alimentazione, anche per prevenire i disturbi cardiovascolari, una delle principali patologie del nostro tempo, nella nostra società.

Abbiamo sforato!

Già: non è stato possibile rispettare i tempi. La data della conferenza era stata appositamente scelta per permettere che vi partecipassero anche i Cadetti del 4° e 5° corso che hanno sede a Roma e che in quei giorni si sarebbero trovati a Bergamo. Avevamo quindi di fronte gli Allievi di tutti i cinque corsi, gli Ufficiali e qualcuno del personale permanente: diverse centinai di persone. La nostra paura era quella di annoiarli. La risposta è stata quella di un’attenta partecipazione. E non sono mancate domande e commenti. Appunto: abbiamo sforato.

Ha aperto i lavori il Gen. B. Bertetti. Ne ha poi spiegato il senso da un punto di vista medico il Cap. Med. Di Giamberardino. Poi, sono partite le tre relazioni.

Pietro Agostini che ha portato la platea a comprendere logicamente perché il sovrappeso sia un problema per l’apparato muscolo-scheletrico ma anche perché lo sia pure il sottopeso. Gabriele Alari che – con l’ironia e l’arguzia che gli sono proprie, miste alla sua straordinaria preparazione scientifica e al suo modo di coinvolgere l’assemblea nella partecipazione interattiva – ha prospettato in modo chiaro quali sono le conseguenze di una scorretta alimentazione per vene e arterie, cuore e cervello, dopo avere accompagnato gli astanti in un viaggio nel loro funzionamento. Infine, Maria Britta ha ripreso le redini del discorso e portato tutti a capire cosa siano gli alimenti, a cosa servano, dove si trovino e quanto occorrano. Quanto appunto. Le quantità necessarie di ognuno e come devono essere distribuite nella giornata.

Due ore intense e leggere allo stesso tempo. Concetti importanti espressi in modo semplice e legato tra loro. Di fronte: centinaia di occhi che seguivano con attenzione, mormorii di commento, applausi improvvisi e anche risate generali durante gli interventi, a sottolinare quanto venissero colti i messaggi e quanto venisse approvata la modalità anche un po’ auto-irronica di chi li trasmetteva. I Cadetti erano lì con i loro Ufficiali. Non si sono sentiti intimiditi. Hanno partecipato attivamente.

Poi… le domande e la discussione. Le precisazioni del Cap. Med. Di Giamberardino, gli interventi del Gen. B. Bertetti, le risposte dei nostri specialisti. Un bel lavoro! Il nostro e il loro. Insieme.

Siamo usciti con la piacevole sensazione di essere stati accolti con calore e con la percezione di un’Istituzione attenta e sensibile, seriamente focalizzata sulla sua missione ma aperta a dimensioni che vanno oltre di essa e capace di apprezzare il contributo ricevuto.

Soprattutto, siamo usciti con il piacere di avere sperimentato ancora auna volta la possibilità di realizzare con risultati efficaci quel modello di sinergia che contraddistingue Politerapica da sempre. Insieme si può fare di più e meglio.

La salute per i Cadetti dell’Accademia della Guardia di Finanza di Bergamo è un valore, dicevamo. Lo è per i loro Ufficiali e per i loro Comandanti, abbiamo ripetuto.

Già, perché noi siamo abituati a immaginare i Cadetti e il Corpo della Guardia di Finanza esclusivamente concentrati su questioni economico/fiscali, su attività di polizia tributaria, su faccende che hanno a che fare con il contesto militare, di pubblica sicurezza, magari di controllo delle frontiere. Attraverso i media, li vediamo a bordo di autopatttuglie, coinvolti con il pattugliamento costiero e con l’attività elicotteristica o all’initerno di uffici a fare analisi e valutazioni.

Tutto questo è sicuramente vero. Si tratta, in estrema sintesi, dei compiti istituzionali del Corpo e a questi vengono addestrati i Cadetti. Naturalmente anche a coordinarli e dirigerli, nelle varie modalità in cui vengono declinati. Noi mmaginiamo quindi gli allievi dell’Accademia continuamente – e intensamente – concentrati sullo studio di diritto, economia, materie tributarie, ordinamento dello Stato e sull’addestramento militare e ginnico/sportivo.  Hanno cinque anni di tempo per superare tutte le prove – piuttosto severe e impegnative – per diventare Ufficiali e ricoprire da subito incarichi delicati. Non hanno tempo da perdere, come si dice. Non loro né l’Istituzione che li prepara, l’Accademia appunto.

Ma esiste anche altro. La salute per esempio. Lo riconoscono i Cadetti e prima di tutto i comandanti dell’Accademia e dei corsi. La loro salute e quella degli uomini che saranno affidati al loro comando. Lo apprendiamo con piacere e ne siamo testimoni diretti.

Anche in questa sede vogliamo ringraziare il Gen. Bonifacio Bertetti e, con lui, il Col. Palma, il Magg. Antonio Vitiello – che ha contribuito alle fasi organizzative – e il Cap. Med. Di Giamberadino per la fiducia che ci è stata espressa e per il lavoro che abbiamo svolto insieme nel preparare e condurre la conferenza.

Per Politerapica, avere aprtecipato a questa attività è stato un privilegio.

 

Foto della conferenza

Il Gen. B. Bonifacio Bertetti apre i lavori

Il Gen. B. Bonifacio Bertetti apre i lavori

 

Alimentazione e peso corporeo corretti

Alimentazione e peso corporeo corretti

 

Il tavolo dei relatori

Il tavolo dei relatori

 

L'Aula Magna affollata

L’Aula Magna affollata

 

La Dott.ssa Britta, il Cap. Med. Di Giamberardino, Il Gen. B. Bonifacio Bertetti

La Dott.ssa Britta, il Cap. Med. Di Giamberardino, Il Gen. B. Bonifacio Bertetti

 

Un momento dei lavori

Un momento dei lavori

 

Interviene il Cap. Med. Anna Lisa Di Giamberardino

Interviene il Cap. Med. Anna Lisa Di Giamberardino

 

Dott. Pietro Agostini - Fisiatra e Direttore Sanitario in Politerapica

Dott. Pietro Agostini – Fisiatra e Direttore Sanitario in Politerapica

 

Dott.ssa Maria Britta - Endocrinologa in Politerapica

Dott.ssa Maria Britta – Endocrinologa in Politerapica

 

Dott. Gabriele Alari - Angiologo in Politerapica

Dott. Gabriele Alari – Angiologo in Politerapica