fbpx

Categoria: Ambulatorio Oncologia Dermatologica – Melanoma

25 Novembre 2021
Abbiamo partecipato al congresso nazionale Melanoma

Abbiamo partecipato al Congresso Nazionale sul Melanoma organizzato da IMI – Intergruppo Melanoma Italiano. Quella di quest’anno era la 27° edizione dell’unico evento nazionale che si occupa di questa patologia e che si è tenuta a Torino dal 6 all’8 Novembre scorso.

Abbiamo partecipato presentando i dati dell’Ambulatorio Oncologia Dermatologica – Melanoma, con la guida del Dott. Andrea Lisa, sempre attivo e pieno di energie. Abbiamo proposto un nostro abstract che è stato selezionato per la presentazione come Poster al congresso. Un risultato prestigioso visto che figuriamo tra Enti Ospedalieri e Enti Universitari a carattere nazionale.

Tutti i professionisti dell’ambulatorio hanno collaborato alla stesura del documento. Non poteva essere che così. Il lavoro infatti riferisce dei dati tratti dall’esperienza clinica realizzata da Giugno 2019 a Giugno 2021 in Politerapica, un centro che fa attività di territorio di primo livello con il patrocinio di due associazioni di volontariato in oncologia.

Abbiamo partecipato al congresso nazionale Melanoma insieme

Abbiamo partecipato al congresso nazionale Melanoma lavorando insieme, scrivevamo. Lo abbiamo fatto nello stesso modo col quale gestiamo le attività dell’Ambulatorio Oncologia Dermatologica. Ognuno ha apportato il proprio contributo per realizzare un lavoro multidisciplinare.

Abbiamo già detto di Andrea Lisa, Chirurgo. Con lui, Giambattista Manna, Dermatologo, Salvatore Noto, Dermatologo, Silvia Cavedon, Infermiera e Valeria Perego, Psicologa e Psicoterapeuta. Non meno importanti i contributi di Lucia De Ponti, Presidente LILT Bergamo Onlus e di Marina Rota, Presidente di Insieme con il Sole dentro.

Siamo partiti dalla descrizione del contesto

Abbiamo iniziato con una premessa fondata sulla descrizione del contesto.

“Negli ultimi vent’anni si è osservato un significativo aumento di tumori della pelle. Un tale incremento epidemiologico richiede una pronta risposta sul territorio che riduca l’impatto sugli ospedali attualmente oberati di risorse atte a fronteggiare l’epidemia di COVID. La risposta sul territorio deve però mantenere i canoni di scientificità e metodologia di approccio proprie delle sedi centrali al fine di fornire al paziente le più moderne linee guida e approcci.

Con questo obiettivo abbiamo organizzato presso l’ambulatorio Polispecialistico Politerapica Medicina Vicina a Seriate un ambulatorio dedicato al trattamento delle patologie cutanee oncologiche. L’ambulatorio è sostenuto dalla sezione LILT di Bergamo e dall’associazione Insieme con il Sole dentro. E’ composto da specialisti ospedalieri e professionisti sanitari: dermatologo, chirurgo plastico, anatomopatologo, infermiere specializzato e psico-oncologo”.

Risultati

I risultati emersi si basano su dati significativi.

“Durante il nostro periodo di studio abbiamo eseguito 303 visite specialistiche di dermatologia e 74 asportazioni di lesioni cutanee. 8 di queste hanno necessitato di ricostruzione mediante lembi locali. Una, non inclusa nel computo, è stata trasferita ad un centro di secondo livello per complessità”.

“Analizzando gli esiti istologici nella popolazione, campione abbiamo osservato una maggioranza di patologia benigna. 38 casi sono risultati cheratiti seborroiche, emangiomi e fibromi. 15 casi sono risultati nevi benigni. 14 casi però si sono rivelati carcinomi basocellulari. 5 esami sono risultati carcinomi squamocellulari, di cui 1 sottoposto a radicalizzazione. Infine, 2 casi erano melanomi, sottoposti ad allargamento”.

“La distribuzione per età vede una maggioranza di pazienti tra i 40 e 60 anni (35%), seguiti da pazienti nella fascia inferiore ai 40 anni (25%), prevalentemente affetti da patologia benigna. Seguono poi i pazienti nella fascia 60-70 anni (18%) e infine i pazienti di età maggiore”.

“La distribuzione per sede conferma la prevalenza per le aree esposte alla luce (49% sul totale delle asportazioni). Da qui deriva la necessità che un chirurgo plastico faccia parte del team multidisciplinare per minimizzare l’impatto dell’asportazione ed eventualmente eseguire ricostruzione locale”.

Conclusioni

Le conclusioni confermano le nostre intuizioni.

“La nostra esperienza conferma l’utilità dell’istituzione di un team multidisciplinare che affronti sul territorio una patologia così frequente e potenzialmente dannosa come i tumori cutanei melanocitari e non melanocitari. Nella nostra esperienza la collaborazione con associazioni sul territorio ci consente di promuovere attività di sensibilizzazione della popolazione. Nel prossimo futuro estenderemo i servizi del nostro centro offrendo la possibilità di eseguire il follow-up presso la struttura in modo da seguire il paziente dalla diagnosi, al trattamento e al successivo controllo post-operatorio”.

Abbiamo partecipato al congresso nazionale Melanoma con un lavoro in lingua inglese

Naturalmente, considerato il contesto scientifico nazionale, il lavoro è stato prodotto in inglese.

Abbiamo partecipato al congresso nazionale Melanoma e non è finita qui

E’ stata per noi una grande soddisfazione. Non lo nascondiamo.

“Come il melanoma negli anni ha dimostrato di agire da vero e proprio “apripista” in molti aspetti relativi all’inquadramento e gestione di una patologia oncologica, l’IMI, che in maniera realmente multidisciplinare segue tale malattia, continua a percorrere la strada volta a fornire uno strumento di aggiornamento ed avanzamento scientificamente valido ed interattivo”. Questa l’introduzione al congresso sul sito di IMI.

Un’esperienza di grande rilevanza cui abbiamo avuto il privilegio di partecipare insieme ad Enti Ospedalieri ed Enti Universitari di carattere nazionale.

Non ci fermeremo però qui. L’Assemblea dei soci di IMI ha recentemente accettato la domanda di ammissione del nostro Dott. Andrea Lisa. Con lui proseguiremo la nostra collaborazione con Intergruppo Melanoma Italiano. La società scientifica dedicata al Melanoma è stata fondata nel 1998 e conta oggi oltre 400 soci. Questi sono prevalentemente, ma non esclusivamente, specialisti in dermatologia e poi in chirurgia, oncologia, anatomia patologica, genetica, medicina nucleare, radiodiagnostica e radioterapia nonché biologi e tecnici sanitari di laboratorio biomedico che si occupano di melanoma e tumori cutanei non-melanoma.

 

L’Ambulatorio Oncologia Dermatologica – Melanoma di Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93.
Per informazioni e appuntamenti, tel. 035.298468.

 

 

 

 

 

 

29 Ottobre 2021
Chirurgia plastica per il paziente oncologico

La chirurgia plastica è una grande opportunità di cura per il paziente oncologico. Lo chiamiamo paziente oncologico ma crediamo sia meglio dire la persona ammalata di cancro. In particolare, quel tipo di cancro che si combatte con la chirurgia. Quella chirurgia che lascia segni pesanti sul nostro corpo. Tracce visibili a tutti come le cicatrici per gli interventi contro le varie forme di cancro della pelle. Oppure tracce che feriscono l’intima essenza del proprio essere come quelle per gli interventi di mastectomia nella donna.

Il Dott. Andrea Lisa, specialista in chirurgia plastica e ricostruttiva, è stato ospite della trasmissione La Salute di Bergamo TV, in onda Giovedì 28.10.2021. Qui è intervenuto per parlare della chirurgia plastica in oncologia e della sua importanza per curare le persone malate di cancro.

 

La chirurgia plastica non è solo estetica

La chirugia plastica non si occupa solo dell’estetica in senso stretto. Siamo abituati a pensare che il chirurgo plastico metta a posto il naso, le palpebre o tolga le rughe. In realtà la chirurgia plastica e ricostruttiva è esplosa subito dopo la seconda guerra mondiale come tecnica per ridurre gli impatti estetici delle mutilazioni di guerra. Si trattava di aiutare a tornare a convivere col proprio corpo. Perché accettarsi è necessario per convivere con sé stessi. Non solo: aiuta a non avere paura del rapporto con gli altri.

Lo stesso vale per chi si ammala di tumore e deve affrontare operazioni che possono deturpare o demolire parti del corpo. Questo è il caso, per esempio, dei tumori della pelle o, più ancora del cancro al seno. In questo secondo caso, non è solo questione estetica. E’ anche il terribile impatto con la mutilazione di una parte del corpo che definisce la femminilità.

Chirurgia plastica per il paziente oncologico

La chirurgia plastica per il paziente oncologico aiuta a combattere la malattia. Diventa uno strumento che limita il continuo confronto visivo con essa. Quanto meno, lo limita nelle sue manifestazioni meno belle. E’ anche uno strumento per non avere paura di incontrare gli altri. Nella vita sociale e in quella affettiva. Nelle relazioni familiari oltre che in quelle pubbliche. Nella sfera sessuale, condizione fondamentale per l’equilibrio della persona.

Possiamo dire che la chirurgia plastica contribuisce a lottare contro la depressione e la paura di chi già deve affrontare una condizione difficle, quella del tumore.  Il cancro che deve essere curato o i segni della cura attraverso cui si è passati colpiscono la sfera psicologica della persona. Parliamo di quella dimensione che fa parte delle tre condizioni necessarie per definirsi in salute. Già perché, lo ricordiamo, salute non è solo l’assenza di malattia. Salute è la condizione di completo benessere fisico, psichico e sociale. E due di queste tre aree sono aiutate dalla chirurgia plastica e ricostruttiva in chi si ammala di certi tumori.

Il Dott. Lisa spiega molto bene

La trasmissione è condotta da Alberto Ceresoli, Direttore dell’Eco di Bergamo. Esperto di sanità e salute, Alberto Ceresoli sa quali sono le domande migliori e le pone nel modo più efficace. Chiede se sia sempre possibile ottenere risultati apprezzabili. Come è evoluta la chirurgia plastica nel tempo. Quale sia il valore sul piano psicologico per i pazienti. Quali siano le nuove frontiere su cui lavora la chirurgia plastica. Quanto conta l’età del paziente per la riuscita degli interventi.

Il Dott. Lisa non si tira indietro e risponde con precisione e chiarezza. L’età non può essere una controindicazione assoluta ad un intervento ricostruttivo, dice. Spiega che le nuove frontiere vanno nella direzione dell’oncologia rigenerativa. Usare, per intenderci, cellule del paziente per ricostruire zono di deformità o sindromi dolorose.

Spiega anche che in oncologia il ruolo del ricostruttore agisce in seconda istanza. Prima bisogna togliere il male. Poi ci si può occupare della reintegrazione dell’immagine. Il chirurgo plastico lavora in équipe con gli altri chirurghi e gli altri specialisti.

In realtà racconta molte altre cose e lo fa in modo dettagliato, preciso, quasi scolastico. Bisogna guardare il video per trovare tutto.

 

Il Dott. Andrea Lisa collabora con Politerapica come chirurgo plastico e ricostruttivo. Esegue visite specialistiche e interventi di piccola chirurgia ambulatoriale. Fa poi parte del nostro Ambulatorio Multidisciplinare Melanoma.

Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93. Per informazioni e appuntamenti, Tel. 035.298468

 

10 Agosto 2021
Andrea Lisa inizia la collaborazione con lo IEO

Il Dott. Andrea Lisa, specialista in Chirurgia Plastica e Ricostruttiva, inizia la sua collaborazione con lo IEO, il prestigioso Istituto Oncologico Europeo di Milano. Qui metterà a disposizione dei malati oncologici la sua esperienza professionale. Ha inizio così un capitolo nuovo nella sua già intensa vita professionale, nonostante la giovane età e noi di Politerapica lo raccontiamo con orgoglio.

Lo conosciamo infatti da anni. E’ uno dei nostri specialisti nell’ambito del progetto Medicina Vicina. Esegue visite specialistiche e prestazioni di piccola chirurgia ambulatoriale. Non solo quelle di chirurgia estetica. A lui affidiamo tutti i piccoli interventi nelle zone visibili del corpo, in particolare sul viso. E siccome lui è proprio un artista, tutti i pazienti sono contenti del suo lavoro. Noi infatti diciamo che i suoi sono ricami e non interventi.

E’ un professionista scrupoloso e molto preparato ed è anche una persona simpatica, calorosa ed accogliente. Tutti si trovano bene con lui, non solo i pazienti. Lui è anche sempre disponible e attento. Fa infatti parte dell’Ambulatorio Oncologia Dermatologica – Melanoma di Politerapica che ha contribuito a ideare e a far nascere.

Dott. Andrea Lisa – Specialista in Chirurgia Plastica e Ricostruttiva

Il Dott. Andrea Lisa si è laureato a pieni voti e con lode, in Medicina e Chirurgia, presso l’Università degli Studi di Milano. Qui ha poi conseguito la Specializzazione in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica.

E’ stato allievo di Marco Klinger. Questi è uno dei nomi più prestigiosi a livello internazionale nella Chirurgia Plastica e Ricostruttiva. Un clinico che ricopre il ruolo di Direttore di Cattedra Universitaria e quello di Direttore di Unità Operativa. Nel corso della sua formazione, Andrea Lisa ha anche trascorso periodi di studio e affiancamento presso diverse strutture straniere. E’ stato in Finlandia, Australia, Svezia e Gran Bretagna.

Durante il percorso formativo si è occupato anche di attività scientifica. Ha svolto molti lavori di ricerca pre-clinica e clinica nell’ambito della chirurgia plastica ricostruttiva, estetica e rigenerativa. E’ anche autore di più di 30 pubblicazioni di rilievo internazionale.

Esperienza professionale

Nel corso della sua attività professionale, il Dott. Lisa ha maturato una significativa esperienza. Si è occupato a fondo di ricostruzione mammaria. In particolare, mediante l’impiego di espansori o protesi a seguito di chirurgia oncologica. Sono tecniche che ha praticato anche nella gigantomastia mammaria, nel trattamento di malformazione mammaria e del seno tuberoso. Si è occupato anche di patologia cutanea oncologica. In particolare del trattamento chirurgico del melanoma, del carcinoma spinocellulare e del carcinoma basocellulare.

Il suo impegno nella patologia cutanea benigna non è stato da meno. Allo stesso modo si è occupato del trattamento di esiti dell’obesità, del tissuto cicatriziale e di esiti da ustione. Infine, ha curato con attenzione anche la chirurgia estetica.

In pochi anni, il nostro specialista si è fatto apprezzare da colleghi e pazienti. A lui riconoscono il grande impegno e un’abilità non comune.

Andrea Lisa inizia la collaborazione con lo IEO

Ora il Dott. Lisa inizia una nuova avventura. A breve, farà parte della Divisione di Chirurgia Riscostruttiva dello IEO, diretta dal Dott. Mario Rietjens, anche lui clinico di fama internazionale. L’Istituto Europeo di Oncologia considera la salute della persona nel senso più ampio. Non si prende cura solo di quella fisica ma anche di quella psicologica e relazionale. In questa visione, la Chirurgia Ricostruttiva è importante. Aiuta a ritrovare la capacità di convivere col proprio corpo anche dopo un intervento difficile.

La scelta di effettuare l’intervento di chirurgia plastica gioca un ruolo molto importante nel miglioramento della qualità della vita dei pazienti affetti da tumore, si legge infatti nel sito della Divisione.

Gli specialisti della Divisione collaborano strettamente con i colleghi della Divisione di Oncologia Medica e dell’Unità di Psiconcologia. Con loro prendono in carico il paziente. Scelgono insieme a lui la strategia terapeutica migliore. Qui l’approccio è multidisciplinare.

Andrea Lisa inizia la collaborazione con lo IEO e Politerapica è orgogliosa

Tutta Politerapica si stringe intorno al Dott. Andrea Lisa e si congratula con lui per l’importante traguardo che sta raggiungendo. I nostri specialisti e i nostri terapisti che da tempo collaborano con lui sanno quanto preziosa sia la sua professionalità. I nostri collaboratori amministrativi e di segreteria sanno quanto sia contagiosa la sua allegria e calda la sua simpatia.

Siamo orgogliosi per lui e un po’ anche per noi.

Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93.
Per informazioni e appuntamenti, tel. 035.298468.

19 Giugno 2021
Mappatura dei nei nella prevenzione del melanoma

Il nostro Dott. Salvatore Noto interviene sulla mappatura dei nei nella prevenzione del Melanoma. Lo fa con un articolo intervista sull’ultimo numero di Bergamo Salute. Il Dott. Noto è specialista in Dermatologia ed ha maturato una notevole esperienza sull’argomento. Noi di Politerapica lo sappiamo bene. Lui, infatti, ha introdotto la mappatura dei nei nella nostra struttura, quando ha cominciato a collaborare con noi, ormai diversi anni fa, nell’ambito del progetto Medicina Vicina.

Qui si può scaricare l’articolo in formato .pdf: Bergamo Salute – MaggioGiugno 2021 – Dott. Noto su mappatura nei

Il Melanoma

Il Melanoma è un tumore sul quale Politerapica lavora con molta attenzione. Da quasi un anno abbiamo avviato l’Ambulatorio Oncologia Dermatologica – Melanoma. Ne fanno parte diversi professionisti che lavorano in modo multidisciplinare intorno al paziente. Lavoriamo per favorire la diagnosi precoce e la prevenzione di questa brutta patologia. Il Melanoma infatti è probabilmlente il tumore della pelle più pericoloso e insidioso anche se non è il puiù frequente.

Lo spiega bene il Dott. Noto che osserva come “il melanoma è un tumore che può essere molto aggressivo e poco curabile se diagnosticato tardivamente”. Aggiunge però che può avere una “buona prognosi se scoperto sul nascere”. Dobbiamo tenere presente che questo cancro “riguarda essenzialmente la popolazione adulta sopra i 18-20 anni”. Spesso però può insorgerein età adulta come conseguenza di eventi accaduti nell’infanzia.

Per questo, in Politerapica non ci limitiamo alla presa in carico del paziente, alla diagnosi precoce e al follow-up. Pensiamo infatti che per fare prevenzione si debba conoscere. Mettiamo, così, molto impegno anche ad attività di informazione e sensibilizzazione. Lo facciamo col patrocinio di LILT Bergamo Onlus, Insieme con il Sole Dentro, ATS Bergamo, Comune di Seriate e Ambito Territoriale di Seriate.

La mappatura dei nei nella prevenzione del melanoma

“La mappatura dei nei è un esame indolore e non invasivo, utile per la diagnosi precoce del melanoma”. Riportiamo le parole del Dott. Noto. Si tratta di un esame importante per la popolazione a rischio. Dobbiamo però avere chiaro che diventa poco utile come esame generale. “Per questo, aggiunge il nostro specialista, non si effettua come screening di massa al pari della mammografia o del Pap test”.

Alla mappatura dei nei per la prevenzione del melanoma dovrebbero accedere persone che hanno fattori di rischio. Questi dovrebbero essere valutati dal Medico di Medicina Generale che decide se suggerire l’esame. Quando pèarliamo di fattori di rischio ci rifeririamo a diverse condizioni. Nell’articolo, il Dott. Noto ne fa un elenco dettagliato.

La mappatura è un esame che deve essere eseguito in modo accurato. Lo descrive il nostro specialista. “Il dermatologo ispeziona tutta la pelle del paziente e scatta con una telecamera particolare una prima serie di immagini digitali macroscopiche (fino a circa 20 foto). Poi individua i nei sospetti e procede a scattare delle immagini dermatoscopiche, capaci di mostrare strutture altrimenti non apprezzabili. Le fotografie vengono archiviate su un computer attraverso un programma che permette di mappare le immagini dermatoscopiche correlandole alla loro posizione nel primo set di immagini.”

Nei e Melanoma

I nei sono alterazioni benigne della pelle. Ci sono state epoche in cui addirittura ce li si faceva finti. Dicevano che attirassero i baci. A volte però possono evolvere in una forma maligna, il Melanoma appunto. Non sono l’unica causa o modalità di formazione di questo tumore. E’ utile però tenerli d’occhio. Quando? Come?

A questo importante aspetto dell’argomento la rivista dedica un box. Al suo interno, il Dott. Noto fornisce i suggerimenti necessari.

 

Chiudiamo questo articolo non nascondendo un pizzico di orgoglio. Lavorare con un professionista della levatura del Dott. Salvatore Noto non è cosa da poco. Lo diciamo noi ma lo dicono soprattutto i nostri pazienti. Soddisfatti loro. Orgogliosi noi.

 

 

 

 

23 Maggio 2021
La pelle è una protezione da proteggere

La pelle è una protezione da proteggere. Crediamo di saperlo. Lo sentiamo dire in continuazione alla televisione. Lo ripete la pubblicità di questa o di quella crema, di questo o di quel sapone. Il punto è sapere se lo sapiamo davvero. Intendiamo dire: lo sappiamo in modo corretto? Ci è davvero chiara questa nozione?

Sulla pelle, le sue funzioni e le sue possibili malattie l’Eco di Bergamo ha pubblicato oggi, Domenica 23 Maggio, un articolo sulla sua Pagina della Salute: L’Eco di Bergamo – 23.5.2021 – Pelle e Melanoma, Salvatore Noto – Def.

E’ un articolo chiaro già nel titolo: “Delicata e complessa. La pelle va ben protetta”. Si legge poi nel sottotitolo: “Svolge una serie di funzioni vitali e proprio per questo non va trascurata o maltrattata”. Lo ha redatto con la collaborazione del Dott. Salvatore Noto, specialista in Dermatologia e in Igiene e Medicina preventiva. Da diversi anni, il Dott. Noto collabora con Politerapica, nell’ambito del progetto Medicina Vicina.

La pelle

“La pelle è l’organo più esteso del corpo umano”, comincia l’articolo. “In un uomo adulto la superficie della pelle è di circa 2 metri quadrati”.  E più avanti si legge che il suo spessore “varia a seconda del sesso, dell’età anagrafica e delle diverse zone del corpo. La pelle è formata da tre strati: epidermide, derma e ipoderma. Ognuno di questi tre strati, a sua volta, è suddiviso in ulteriori strati. E’ un organo molto complesso che svolge funzioni vitali per l’organismo”. La funzione principale è quella di protezione delle parti interne del corpo dagli agenti esterni. C’è poi quella della sensibilità attraverso le moltissimi terminazioni nervose che trasmettono continuamente messaggi al sistema nervoso centrale. La pelle ha anche la funzione di controllare l’evaporazione e la regolazione termicaFunge anche da riserva per diverse sostanze ed è capace di sintetizzare la vitamina D3.

Insomma, la pelle è una protezione da proteggere perché altrimenti non può proteggere più!

Parliamo quindi di un organo complesso e vitale. Purtroppo, però, può ammalarsi e sono addirittura 2.000 le malattie che possono colpirla. Tra le categorie più comuni di disordini cutanei – spèiega ancora il Dott. Noto – ci sono tumori benigni e lesioni vascolari, tumori maligni, acne, dermatiti e eczemi, psoriasi, verruche e altre condizioni infettive, ulcere delle gambe.

Il Melanoma

Salvatore Noto è anche diplomato in Dermatological Sciences presso l’Università del Galles, Regno Unito.I suoi titoli per altro non si fermano qui. Ha conseguito il Master of Science in Clinical Tropical Medicine – presso l’Università di Londra e il Diploma in Medicina Tropicale e Igiene – presso il Royal College of Physician di Londra. Quando parliamo di lui, dobbiamo poi considerare la sua pluriennale esperienza professionale. Insomma, abbiamo di fronte un professionista e uno scienziato che quando parla di temi legati alla sua specializzazione sa quello che dice.

Prosegue l’articolo spiegando che “tra i tumori maligni della pelle, il melanoma non è il più frequente ma è il più pericoloso. È un tumore che deriva dalla trasformazione maligna dei melanociti. Questi sono le cellule della pelle che producono la melanina, cioè la pigmentazione chedà il colore e protegge dalle radiazioni ultraviolette. Anche i nei derivano dai melanociti e sono benigni”. Il melanoma, però, nasce dai nei solo nel 30% dei casi, a differenza di quello che si crede.

La pelle è una protezione da proteggere: prevenzione e diagnosi precoce

Le possibilità di cura e guarigione dal Melanoma dipendono dal rischio di formazione di metastasi. La formazione di metastasi peraltro “dipende da diversi fattori – si legge più avanti – tra cui il più importante è il suo spessore cioè, quanto in profondità le cellule tumorali hanno invaso. Lesioni molto superficiali e iniziali hanno un tasso di cura molto alto. Lesioni avanzate e «spesse» hanno un tasso di mortalità elevato”.

“Cosi la cura – prosegue lo specialista – dipende dalla diagnosi precoce e dal trattamento precoce. La terapia è primariamente l’escissione chirurgica. Nella malattia avanzata l’oncologo in collaborazione con altri specialisti valuta trattamenti quali Chemioterapia, Immunoterapia, Terapia a bersaglio molecolare e Radioterapia”.

La pelle è una protezione da proteggere: il sole

Il rapporto tra il sole la salute, i tumori della pelle ed in particolare alcuni tipi di Melanomi è complesso. Giocano insieme o separatamente diversi fattori tra i quali l’eccesso di radiazioni ultraviolette subìto in età giovanile e la quantità cumulativa di radiazioni cui ci esponiamo nell’arco della vita.

Si possono adottare alcune regole pratiche per prevenire un eccesso di radiazioni ultraviolette, tenendo conto di quattro fattori:

  • Fototipo
  • Ore della giornata
  • Età
  • Abbigliamento

Conclude in modo chiarissimo il Dott. Salvatore Noto. “Un po’ di sole fa bene, troppo no. Ma come sapere quando è troppo? Se ci si scotta, la quantità di radiazioni è stata sicuramente troppa per quel tipo di pelle!”

Più chiaro di così!

 

 

23 Maggio 2021
Prevenzione e diagnosi precoce contro il Melanoma

La prevenzione e la diagnosi precoce sono le armi più efficiaci contro il melanoma. Lo abbiamo raccontato durante il Webinar Melanoma, conoscerlo per prevenirlo e agire in fretta, che abbiamo tenuto il 12 Maggio. E’ stato un incontro pubblico a distanza con i cittadini. Abbiamo parlato con loro di un tema serio in modo sereno. Eravamo in diretta sui canali YouTube e Facebook di Politerapica. Con noi c’erano le associazioni LILT Bergamo Onlus e Insieme con il Sole dentro. Molti spettatori hanno partecipato attivamente con domande, commenti e il racocnto di loro esperienze di vita.

Qui la videoregistrazione integrale dell’incontro:

L’evento è disponibile anche sui canali YouTube e Social di LILT Onlus Bergamo e di Insieme con il Sole dentro.

Un evento corale

Abbiamo affrontato questo delicato argomento da diversi punti di vista. Lo abbiamo raccontato dal punto di vista medico, ovviamente, ma anche da quello di chi lo ha vissuto sulla sua carne, il paziente. Abbiamo affrontato l’aspetto psicologico e relazionale di chi ha un cancro e delle persone che vivono intorno a lui. Abbiamo parlato di numeri e delle attività svolte dalle associazioni di pazineti sul territorio.

Intorno al tavolo c’erano

  • Lucia De Ponti, Presidente LILT Bergamo Onlus
  • Milena Pasinetti, Insieme con il Sole dentro
  • Giambattista Manna, Dermatologo in Politerapica
  • Valeria Perego, Psicologa e Psicoterapeuta in Politerapica
  • Pasquale Intini, Direttore di Politerapica

Il Melanoma

La pelle è un organo essenziale per la vita. Le sue funzioni infatti sono vitali. Tra queste vi sono quelle di protezione, traspirazione, regolazione termica e riserva di importanti sostanze. Un organo vitale che può ammalarsi. Tra le sue possibili malattie ci sono diversi tumori. Il Melanoma non è il più frequente ma probabilmente è il più insidioso e pericoloso. Attenzione, dobbiamo fare chiarezza: il Melanoma non è una patologia che si manifesta sempre come evoluzione di nei che si ammalano. Anzi, solo nel 30% dei casi, il Melanoma nasce da un neo che degenera.

Oggi la scienza medica ha a disposizione diverse opzioni di cura. La soluzione non è più solo chirurgica, chemioterapica e radioterapica ma comprende anche Immunoterapia e Terapia a bersaglio molecolare.  Abbiamo quindi diverse armi a nostra disposizione. La prevenzione e la diagnosi precoce contro il Melanoma rimangono comunque le più efficaci.

Prevenzione e diagnosi precoce contro il Melanoma

E’ necessario prendersi cura della pelle sin dai primi anni di vita. Trattarla correttamente e proteggerla è il modo migliore per prevenire i suoi tumori, compreso il Melanoma. Uno degli agenti che la può colpire maggiormente è il sole. Il sole fa bene alla salute dell’uomo ma è necessario prenderlo in modo corretto. Bisogna evitare le ore più calde. Docce e lampade solari sono da evitare. E’ necessario che la pelle sia coperta con abiti adeguati. E’ ancora più necessario proteggerla con creme. Questo bisogna farlo sin da piccoli perché alcune patologie tumorali possono manifestarsi in età adulta su una pelle indebolita o danneggiata nell’infanzia. La cura della pelle, ovviamente, comprende anche una corretta idratazione e un’alimentazione bilanciata.

Prendersi cura della pelle è il modo migliore per prevenire i suoi tumori, compreso il Melanoma. L’altro strumento di cui disponiamo è la diagnosi precoce. Riconoscere un Melanoma nei primi stadi permette di intervenire in modo meno invasivo e più efficace. Possiamo dire che aumenta notevolmente le possibilità di sopravvivenza.

Guardarsi e farsi guardare

Non deve diventare un’ossessione ma osservarsi e farsi osservare è il modo migliore per accorgersi che qualcosa non va. Non è un caso che, spesso, sono i partner o le mamme a cogliere i primi segnali. A quel punto, bisogna subito ricorrere al medico. In ogni caso, un controllo specialistico periodico è un modo corretto per prendersi cura di sé anche per quanto riguarda la pelle.

Per osservare i nei e controllarne l’evoluzione, può essere utile applicare la regola dell’ABCDE. Asimmetria: un neo non è più uguale nelle sue due metà ma una è più grande e l’altra più piccola. Bordi: non sono regolari ma frastagliati. Colore: non uniforme ma con sfumature diverse. Dimensione: meno valida che in passato, questa caratteristica considera la grandezza del neo, superiore di 6 mm. Evoluzione: il neo si modifica nell’arco di un tempo relativamente breve. Di fronte ad uno o più di questi segnali, bisogna ricorrere subito al medico.

Melanoma: sofferenza non solo fisica

Un cancro mette seriamente in pericolo la vita e produce grande sofferenza fisica. Produce però anche grande sofferenza emotiva. Chi ne è affetto si trova all’improvviso a dovere prendere atto della finitudine della vita. Questo può produrre angoscia, può portare a depressione. La sofferenza è comunque intensa. Lo è per il fatto stesso che le sfere di mente e corpo – ormai lo sappiamo – formano una dimensione unica e inscindibile. Una dimensione condizionata nel suo insieme dalle condizioni delle sue componenti. Lo è anche perché, come dicevamo, il tumore ci porta a fare i conti con la morte, oltre che con la malattia. La fine della vita e la fine degli affetti. In un genitore, la fine del suo ruolo di protezione e cura verso i figli.

Una condizione pesante sul piano emotivo e relazionale. La malattia modifica il modo di porsi verso la vita, verso sé stessi e verso gli altri. Modifica anche il modo di porsi degli altri. Una situazione complessa, intrecciata, difficile. Uno stato che può influenzare l’approccio alla cura fino a minarne l’efficacia.

Non si cura una condizione patologica grave senza prendersi cura della condizione emotiva di chi ne soffre. Questo vale in particolare per i tumori e, ovviamente, per il Melanoma. Non si tratta solo di dare sostegno – peraltro necessario – ma anche di prendersi carico di una dimensione, quella psichica, che sta soffrendo al pari di quella fisica. In un dannosissimo circolo vizioso di reciproca influenza negativa.

Le associazioni sono in campo per la prevenzione e la diagnosi precoce contro il Melanoma

LILT Bergamo Onlus fa dell’informazione e della prevenzione il nucleo della sua attività. L’associazione quest’anno compie 90 anni. Un percorso caratterizzato da un intenso lavoro sul territorio, in mezzo alla gente. Lancia diverse iniziative nel corso dell’anno contro diverse patologie oncologiche. Tra queste, il cancro alla prostata, quello al seno, quello del colon retto. Contro il Melanoma ha avviato da tempo l’iniziativa Clicca il neo. Con lo smartphone possiamo fotografare il neo che ci preoccupa e inviare l’immagine ad un gruppo di dermatologi che nel giro di qualche giorno ci faranno avere la loro impressione. Un’attività che non sostituisce la visita ma che può servire a ollecitare il ricorso al medico.

Insieme con il Sole dentro è un’associazione di persone che hanno vissuto nella loro carne, sulla loro pelle – è il caso di dirlo – il Melanoma. Ci sono loro, ci sono loro vicini e loro amici. Sono impegnati a informare, sostenere e assistere chi soffre di questa malattia. Sono anche impegnate a favorire la ricera con attività volte a raccogliere fondi che poi mettono a disposizione di Istituti pubblici.

LILT Bergamo Onlus e Insieme ocn il Sole dentro insistono su un altro punto: l’importanza del rapporto medico/paziente e quella che il paziente sia correttamente informato. Perché nella lotta contro il Melanoma, il paziente è il protagonista.

8 Maggio 2021
Unite contro il Melanoma a Bergamo

Unite contro il Melanoma a Bergamo. Politerapica – Terapie della Salute, LILT Bergamo Onlus e Insieme con il Sole dentro agiscono insieme sul territorio nella Giornata contro il Melanoma 2021. Le tre strutture hanno messo in campo diverse iniziative per la prevenzione e la diagnosi precoce.

Lo racconta l’Eco di Bergamo in un articolo che si può scaricare qui: L’Eco di Bergamo – 8.5.2021 – Giornata contro il Melanoma

Gli strumenti più potenti contro il Melanoma

I tumori della pelle non sono una cosa bella. Tra questi, il Melanoma è il meno bello di tutti. Parliamo di un tumore insidioso e estremamente pericoloso. E’ meno comune rispetto agli altri carcinomi cutanei ma presenta rischi molto maggiori per la sopravvivenza. Spesso assomiglia ai comuni nei che tendono però ad aumentare velocemente di dimensioni con aspetti di irregolarità nella colorazione, nella forma e nei bordi.

Gli strumenti più potenti contro il Melanoma sono la prevenzione e la diagnosi precoce. Parliamo di due strumenti potenti e importanti. E’ necessario però che sappiamo che esistano e come funzionino, altrimenti non li possiamo usare. Possiamo fare prevenzione,  adottando comportamenti corretti. Dobbiamo però sapere quali. Possiamo favorire la diagnosi precoce, ponendo attenzione al nostro corpo e alla nostra salute. Dobbiamo però sapere come. Teniamo presente che la diagnosi precoce permette trattamenti meno invasivi e aumenta notevolmente le possibilità di guarigione, riducendo i tassi di mortalità.

Lo screening dermatologico eseguito con regolarità rappresenta, in ogni caso, uno strumento fondamentale per la cura di questa malattia per uomini e donne di ogni età.

Mercoledì 12 Maggio, ore 17,00  – Webinar a perto a tutti

Per raccontare in modo corretto cosa sia il Melanoma, abbiamo organizzato il Webinar Melanoma, conoscerlo per prevenirlo e agire in fretta. In tempi di Covid e misure di distanziamento, usiamo questo strumento per parlare con le persone. Lo teniamo Mercoledì 12 Maggio, alle ore 17,00. Tutti possono partecipare. Ognuno, da casa, potrà fare domande e chiedere chiarimenti.

Andiamo in onda, in diretta, sui canali YouTube di Politerapica e di LILT Bergamo Onlus. Saremo in onda anche sulla pagina Facebook di Politerapica.

Parteciperanno all’incontro

  • Lucia De Ponti
    Presidente di LILT Bergamo Onlus
  • Marina Rota
    Presidente di Insieme con il Sole dentro
  • Giambattista Manna
    Dermatologo in Politerapica
  • Valeria Perego
    Psicologa in Politerapica.
  • Pasquale Intini
    Direttore di Politerapica

Una chiacchierata con il pubblico

Faremo una chiacchierata con gli spettatori. Parleremo insieme a loro, con linguaggio semplice e chiaro anche se gli argomenti sono seri e complessi. Lo faremo con l’obiettivo di favorire una sana educazione alla salute sul Melanoma e di promuovere comportamenti volti alla prevenzione e alla diagnosi precoce.

Partiremo, condividendo col pubblico quali siano le dimensioni del Melanoma, con l’aiuto di Lucia De Ponti. Marina Rota racconterà la sua esperienza di paziente e descriverà il suo percorso di cura. Giambattista Manna spiegherà cosa sia il Melanoma, quali siano le sue cause e come si possa prevenire. Valeria Perego ci aprirà al vissuto del paziente e all’impatto della malattia sulle relazioni e sui rapporti familiari.

Sabato 15 Maggio – Visite e valutazioni di sostegno

Nella giornata di Sabato 15 Maggio 2021, apriamo le porte ai cittadini.

Mettiamo a loro disposizione 20 visite dermatologiche con il Dott. Giambattista Manna. Insieme a queste, offriamo la possibilità di 20 visite di chirurgia plastica con il Dott. Andrea Lisa. Infine, con la collaborazione della Dott.ssa Valeria Perego, mettiamo a disposizione 20 incontri di valutazione psicologica. La sede è quella di Politerapica, in Via Nazionale 93, a Seriate.

Proponiamo visite di chirurgia plastica perché siamo di fronte a un cancro che si cura anche con interventi chirurgici sulla pelle. Sentire cosa ne pensa quello specialista ha la sua importanza. Offriamo incontri di valutazione psicologica perché il Melanoma è un tumore. I tumori incidono pesantemente sulla salute emotiva e sulle relazioni personali. Valutare questa condizione e affrontarla è utile. Anzi, pè necessario.

Le prestazioni vengono erogate su appuntamento. Per iscriversi è necessario inviare una e-mail a legatumoribg@gmail.com, indicando nell’oggetto quale prestazione si richiede. Nella mail sarà necessario indicare nome e cognome e numero di telefono. Agli aderenti è richiesto un contributo di 30€ per prestazione.

Unite contro il Melanoma a Bergamo

Politerapica è una struttura sanitaria privata che da sempre svolge le sue attività con attenzione al territorio. LILT Bergamo Onlus è l’associazione per la lotta contro i tumori per definizione. Quest’anno festeggia i 90 anni di attività. Sempre in prima linea contro il cancro. Insieme con il Sole dentro è un’associazione fondata da una paziente affetta da Melanoma. Unisce pazienti e insieme a loro svolge attività a sostegno della lotta contro il Melaoma.

Una struttura privata e due associazioni che sono unite contro il Melanoma a Bergamo. Uniscono risorse ed energie perché sono convinte che così sinao più forti e più efficaci.

Insieme si può. Insieme funziona.

15 Febbraio 2021
La risposta di Politerapica al Melanoma

La risposta di Politerapica al Melanoma è l’Ambulatorio Oncologia Dermatologica – Melanoma, annunciato diversi mesi fa.

La scienza fa importanti passi in avanti. Lo racconta l’articolo della Pagina della Salute de l’Eco di Bergamo del 24 Gennaio scorso( lo potete scaricare qui, in formato .pdf: L’Eco di Bergamo – 24.01.2021 – Melanoma – Completo). La sanità è fortemente impegnata. Il Melanoma e le patologie oncologiche della pelle rimangono però un problema grave, in continua crescita numerica.

Era il 15 Settembre 2020

Ci avevamo lavorato per mesi. Avevamo cercato di preparare tutto nel migliore dei modi. La pandemia ci aveva reso le cose un po’ complicate. Alla fine, il 15 Settembre 2020, siamo partiti. Abbiamo aperto l’Ambutario Oncologia Dermatologica – Melanoma, in Politerapica.

Approccio multidisciplinare per prendere in carico la persona nella sua interezza:

  • dermatologia
  • piccola chirurgia ambulatoriale
  • analisi di laboratorio
  • valutazioni ecografiche
  • sostegno psicologico

Lavoriamo insieme, intorno e a servizio del paziente con problemi alla pelle, anche di quelli gravi. Quelli con i quali non si può scherzare: quando si parla di Melanoma non si può sbagliare.

Obiettivi ambiziosi

L’Ambulatorio nasceva per rispondere ad un’esigenza del territorio. Mettevamo così a disposizione dei cittadini un punto di riferimento per le patologie oncologiche della pelle che – come scrivevamo sopra – stanno crescendo in modo preoccupante. Cura e molto di più:

  • Diagnosi precoce
  • Prevenzione
  • Informazione
  • Sensibilizzazione
  • Punto di riferimento per il territorio intorno a queste patologie

Ambulatorio efficace

La risposta di Politerapica al Melanoma è rapida e senza liste di attesa. Anche in questo momento in cui le strutture sanitarie fanno ancora fatica a dare appuntamenti in tempi rapidi.

La prima visita dermatologica può essere fissata molto velocemente. Se poi necessario, con la stessa velocità, si può accedere al servizio di piccola chirurgia ambulatoriale.  Qui può essere asportata la parte. Quindi, si procede con l’invio dei tessuti al laboratorio di analisi per gli eventuali esami sitologici. Per questi, Politerapica si avvale della collaborazione di Synlab Italia e dell’Unità Operativa di Anatomia Patologica dell’ASST Bergamo Est.

La persona è così presa in carico e seguita passo, passo, anche quando risultasse necessario l’intervento ospedaliero che, in provincia di Bergamo, avviene al Papa Giovanni XXIII, centro di eccellenza.

Una collaborazione che va oltre

Farsi carico di un compito così importante risulta possibile solo se con un approccio completo. L’Ambutario Oncologia Dermatologica – Melanoma di Politerapica nasce anche come centro di informazione e divulgazione sul territorio. Per questo all’iniziativa hanno dato il loro patrocinio:

Politerapica è Medicina Vicina

Siamo vicini

  • ai nostri pazienti, al territorio e ai cittadini
  • nei modi in cui accogliamo chi si rivolge a noi e lo prendiamo in carico
  • nella nostra disponibilità veloce e attenta
  • nei nostri costi contenuti

 

Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale, 93.
Per informazioni e appuntamenti: Tel. 035.298468

 

25 Ottobre 2020
Politerapica per il Melanoma col Dott. Lisa

Politerapica per il Melanoma ha recentemente avviato l’Ambulatorio Oncologia Dermatologica – Melanoma  e, con esso, una serie di attività di informazione, prevenzione e diagnosi precoce sul territorio, tra i cittadini, insieme a diverse Amministrazioni Pubbliche. Un progetto importante, che si realizza col patrocinio di istituzioni e associazioni di pazienti.

Melanoma: tema importante, tema vitale.

Sulla Pagina della Salute de l’Eco di Bergamo di oggi, il Dott. Andrea Lisa, medico specialista in Chirurgia Plastica e Riscostruttiva che collabora con Politerapica e che fa parte del team dell’Ambulatorio Oncologia Dermatologica – Melanoma, dice

“I tumori cutanei maligni non melanotocitari sono in assoluto quelli più frequenti negli uomini e quelli al secondo posto nelle donne, dopo il tumore alla mammella. Il Melanoma è una patologia meno comune rispetto agli altri carcinomi cutanei ma presenta rischi molto maggiori per la sopravvivenza”

Non possono essere sottovalutati: ne va della vita di chi ne è colpito. Parliamo di malattie che stanno crescendo in modo preoccupante per diversi fattori, aggiunge il Dott. Lisa: il progressivo aumento della vita media e le mutate abitudini della popolazione (in particolare l’esposizione ai raggi ultravioletti naturali o artificiali). Aumentano i casi ma aumenta in modo altrettanto significativo il successo delle cure. Il segreto è uno solo: la prevenzione e la diagnosi precoce, insieme ai progressi della medicina.

Informazione e educazione alla salute: indispensabili

E’ evidente l’importanza di un’intensa e continuata attività di informazione per i cittadini, svolta, come dicevamo, con incontri pubblici e con interventi sulla stampa, soprattutto la più qualificata, come la Pagina della Salute de l’Eco di Bergamo.

La salute è un diritto, continuiamo a dire con convinzione, ma qualcuno aggiunse che però la prevenzione è uun obbligo. Prevenire serve per evitare di ammalarsi e per evitare le conseguenze della malattia su sé stessi, sui propri cari, sulla cerchia di persone affettivamente legate e, in modo più ampio sulla comunità e sulla società. Anche dal punto di vista economico.

Non si può però prevenire senza conoscere e l’impegno di Politerapica e del suo Ambulatorio Oncologia Dermatologica – Melanoma è quello di contribuire a favorire comportamenti consapevoli, sani e orientati al benessere attraverso l’educazione e la responsabilizzazione dei cittadini alla salute. Lo facciamo in tutte le forme che si sono possibili: incontri pubblici, convegni, disponibilità all’ascolto, newsletter, sito, social e, appunto, la stampa più qualificata, avvalendoci della disponibilità dei nostri specialisti. Questa volta, con il Dott. Andrea Lisa, appunto.

Prevenzione e diagnosi precoce

Il Melanoma, racconta lo specialista

“è insidioso già per il fatto che ha diverse modalità di presentazione e comprende forme pigmentate e non, piane e nodulari. In ogni caso, questo va sottolineato e ricordato, spesso assomiglia ai comuni nei, con  tendenza al veloce aumento delle dimensioni e con aspetti di irregolarità nella colorazione, nella forma e i bordi”.

E aggiunge:

“La diagnosi precoce permette l’utilizzo di modalità di trattamento meno invasive e aumenta notevolmente le  possibilità di guarigione, riducendo i tassi di mortalità. Lo screening dermatologico eseguito con regolarità rappresenta quindi uno strumento fondamentale per la cura di queste malattie per chiunque.
Le modalità di cura dipendono dal tipo di tumore e dalle sue caratteristiche specifiche, come evolutività e sede,  età e condizioni cliniche del paziente”.

Per curarlo serve un’équipe

Spiega il Dott. Lisa

“Il lavoro di squadra tra dermatologo, chirurgo plastico e radiologo è il più efficace per  ottenere diagnosi, trattamento e monitoraggio nel tempo dei pazienti colpiti da queste patologie. Un trattamento moderno dei tumori cutanei, infatti, richiede l’organizzazione di centri specializzati, le cosiddette skin cancer unit, che prevedono il coinvolgimento di diverse figure professionali.

L’ambulatorio multidisciplinare per diagnosi e trattamenti rapidi e efficaci deve avere una presenza territoriale, essere di rapido accesso e composto, come si diceva, da professionisti di varie specialità che svolgono attività coordinate tra loro. Si tratta di un ambulatorio di 1° livello, capace di prendere in carico il paziente e di fornire prestazioni che non necessitano di ospedalizzazione o di cure più complesse. La struttura deve collaborare in modo sinergico con centri di livello superiore cui fare riferimento per i casi che lo necessitino”.

E conclude

“Un ambulatorio territoriale per l’oncologia dermatologica e il melanoma compie correttamente il suo compito quando diventa un punto di riferimento per i cittadini e si impegna a favorire la corretta educazione alla salute con attività di informazione e sensibilizzazione per la popolazione“.

 

Qui è possibile scaricare l’articolo integrale in formato .pdf:
Eco di Bergamo – 25.10.2020 – Politerapica per il Melanoma col Dott. Lisa

 

Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93.
Pper informazioni e appuntamenti: tel. 035.298468

3 Ottobre 2020
Pazienti e Istituzioni con Politerapica

Associazioni di pazienti e Istituzioni con Politerapica a sostegno dell’Ambulatorio Oncologia Dermatologica – Melanoma, che abbiamo recentemente avviato.

Patrocini di Associazioni di pazienti

Il patrocinio rappresenta una forma simbolica di adesione e una manifestazione di apprezzamento a iniziative ritenute meritevoli. Nel concedere il suo patrocinio, un’Istituzione o un Ente riconosce il valore dell’attività a cui lo rilascia.

Assume quindi un’importanza notevole il patrocinio rilasciato all’Ambulatorio Oncologia Dermatologica – Melanoma da associazioni che combattono ogni giorno contro il cancro:

Patrocini di Istituzioni amministrative e socio-sanitarie

Per gli stessi motivi, hanno particolare valore i patrocini rilasciati da

Ambulatorio Oncologia Dermatologica – Melanoma

Se la diagnosi precoce è lo strumento più efficace per combattere tutti i tumori, lo diventa in modo particolare contro il Melanoma, probabilmente il tumore più insidioso e pericoloso tra quelli della pelle.

Per contribuire alla lotta contro il Melanoma e gli altri tumori della pelle, Politerapica ha avviato un ambulatorio territoriale senza liste di attesa, con professionisti di alto livello, a condizioni accessibili.

Un ambulatorio di 1° livello che favorisca attività di diagnosi precoce e di prevenzione con la capacità di fornire prestazioni di qualità e di collaborare con le strutture già presenti sul territorio che dispongono di competenze professionali e mezzi logistici e strumentali per seguire nel modo più corretto i pazienti che necessitano di cure di livello superiore. Parliamo della struttura sanitaria che eccelle in questa materia, in provincia di Bergamo, l’ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo a ma anche l’ASST Bergamo Est.

Un ambulatorio articolato intorno al paziente

L’Ambulatorio Oncologia Dermatologica – Melanoma si compone di diversi professionisti che lavorano insieme e diverse attività coordinate tra loro.

  • Dermatologia
    Punto basilare dell’attività.
    Si occupa di diagnosi precoce e follow-up periodico
    In Politerapica sono disponibili 3 medici specialisti in Dermatologia
  • Piccola Chirurgia Ambulatoriale/Chirurgia plastica
    Asportazione delle lesioni cutanee che hanno un dubbio di malignità a livello di sedi nobili o del corpo
    In Politerapica sono disponibili

    • 1 medico specialista in Chirurgia plastica che pratica Piccola Chirurgia Ambulatoriale
    • 3 medici specialisti in Chirurgia che praticano Piccola Chirurgia Ambulatoriale
  • Laboratorio di analisi
    Per l’esecuzione di esami istologici
    Specializzato nella diagnosi delle patologie cutanee
    Politerapica si avvale della collaborazione di Synlab Italia e dell’Unità Operativa di Anatomia Patologica dell’ASST Bergamo Est
  • Ecografia
    Per valutazione di stadiazione e follow-up nelle condizioni necessarie e possibili
    In Politerapica è previsto il prossimo inserimento di un nuovo specialista

Un ambulatorio con obiettivi ambiziosi

L’Ambulatorio Oncologia Dermatologica – Melanoma opera prendendo in carico il paziente e accompagnandolo in tutte la fasi della diagnosi e della cura ambulatoriale. Nel caso di melanoma franco o carcinoma in sospetto stadio avanzato, il paziente viene inviato a percorso ospedaliero.

Gli obiettivi dell’attività sono diversi e non si limitano alla cura ma spaziano anche sull’informazione e la sensibilizzazione dei cittadini:

  • Diagnosi precoce
  • Prevenzione
  • Informazione
  • Sensibilizzazione
  • Punto di riferimento per il territorio intorno a queste patologie

E’ iniziato un lavoro importante

Associazioni di pazienti e Istituzioni con Politerapica per cooperare intorno ad un progetto importante che vogliamo gestire con il nostro entusiasmo e la nostra determinazione insieme a chiunque voglia parteciparvi. Siamo infatti convinti che di fronte a certe patologie l’unione faccia davvero la forza e che si debba avere il coraggio di mettere le risorse a fattor comune.

 

Ambulatorio Oncologia Dermatologica – Melanoma è in Politerapica, a Seriate, in Via Nazionale 93.
Per informazioni e prenotazioni: tel. 035.298468.