fbpx

Categoria: Articoli sulla salute

19 Giugno 2021
Mappatura dei nei nella prevenzione del melanoma

Il nostro Dott. Salvatore Noto interviene sulla mappatura dei nei nella prevenzione del Melanoma. Lo fa con un articolo intervista sull’ultimo numero di Bergamo Salute. Il Dott. Noto è specialista in Dermatologia ed ha maturato una notevole esperienza sull’argomento. Noi di Politerapica lo sappiamo bene. Lui, infatti, ha introdotto la mappatura dei nei nella nostra struttura, quando ha cominciato a collaborare con noi, ormai diversi anni fa, nell’ambito del progetto Medicina Vicina.

Qui si può scaricare l’articolo in formato .pdf: Bergamo Salute – MaggioGiugno 2021 – Dott. Noto su mappatura nei

Il Melanoma

Il Melanoma è un tumore sul quale Politerapica lavora con molta attenzione. Da quasi un anno abbiamo avviato l’Ambulatorio Oncologia Dermatologica – Melanoma. Ne fanno parte diversi professionisti che lavorano in modo multidisciplinare intorno al paziente. Lavoriamo per favorire la diagnosi precoce e la prevenzione di questa brutta patologia. Il Melanoma infatti è probabilmlente il tumore della pelle più pericoloso e insidioso anche se non è il puiù frequente.

Lo spiega bene il Dott. Noto che osserva come “il melanoma è un tumore che può essere molto aggressivo e poco curabile se diagnosticato tardivamente”. Aggiunge però che può avere una “buona prognosi se scoperto sul nascere”. Dobbiamo tenere presente che questo cancro “riguarda essenzialmente la popolazione adulta sopra i 18-20 anni”. Spesso però può insorgerein età adulta come conseguenza di eventi accaduti nell’infanzia.

Per questo, in Politerapica non ci limitiamo alla presa in carico del paziente, alla diagnosi precoce e al follow-up. Pensiamo infatti che per fare prevenzione si debba conoscere. Mettiamo, così, molto impegno anche ad attività di informazione e sensibilizzazione. Lo facciamo col patrocinio di LILT Bergamo Onlus, Insieme con il Sole Dentro, ATS Bergamo, Comune di Seriate e Ambito Territoriale di Seriate.

La mappatura dei nei nella prevenzione del melanoma

“La mappatura dei nei è un esame indolore e non invasivo, utile per la diagnosi precoce del melanoma”. Riportiamo le parole del Dott. Noto. Si tratta di un esame importante per la popolazione a rischio. Dobbiamo però avere chiaro che diventa poco utile come esame generale. “Per questo, aggiunge il nostro specialista, non si effettua come screening di massa al pari della mammografia o del Pap test”.

Alla mappatura dei nei per la prevenzione del melanoma dovrebbero accedere persone che hanno fattori di rischio. Questi dovrebbero essere valutati dal Medico di Medicina Generale che decide se suggerire l’esame. Quando pèarliamo di fattori di rischio ci rifeririamo a diverse condizioni. Nell’articolo, il Dott. Noto ne fa un elenco dettagliato.

La mappatura è un esame che deve essere eseguito in modo accurato. Lo descrive il nostro specialista. “Il dermatologo ispeziona tutta la pelle del paziente e scatta con una telecamera particolare una prima serie di immagini digitali macroscopiche (fino a circa 20 foto). Poi individua i nei sospetti e procede a scattare delle immagini dermatoscopiche, capaci di mostrare strutture altrimenti non apprezzabili. Le fotografie vengono archiviate su un computer attraverso un programma che permette di mappare le immagini dermatoscopiche correlandole alla loro posizione nel primo set di immagini.”

Nei e Melanoma

I nei sono alterazioni benigne della pelle. Ci sono state epoche in cui addirittura ce li si faceva finti. Dicevano che attirassero i baci. A volte però possono evolvere in una forma maligna, il Melanoma appunto. Non sono l’unica causa o modalità di formazione di questo tumore. E’ utile però tenerli d’occhio. Quando? Come?

A questo importante aspetto dell’argomento la rivista dedica un box. Al suo interno, il Dott. Noto fornisce i suggerimenti necessari.

 

Chiudiamo questo articolo non nascondendo un pizzico di orgoglio. Lavorare con un professionista della levatura del Dott. Salvatore Noto non è cosa da poco. Lo diciamo noi ma lo dicono soprattutto i nostri pazienti. Soddisfatti loro. Orgogliosi noi.

 

 

 

 

16 Giugno 2021
Sergio Clarizia spiega l

Dott. Sergio Clarizia spiega in modo chiaro cosa sia l’acetone nei bambini. Nell’ultimo numero di Bergamo Salute, Elena Buonanno intervista il nostro Pediatra su questo argomento. Il Dott. Clarizia chiarisce già nelle prime righe che “si tratta di una condizione passeggera”. E aggiunge che è “quasi sempre responsabile di un disturbo lieve che si risolve rapidamente, senza procurare particolari fastidi al piccolo”.

Vai all’articolo: Bergamo Salute – MaggioGiugno 2021 – Dott. Clarizia su Acetone

L’acetone

Sergio Clarizia ha una lunghissima attività professionale alle spalle. Si rimane colpiti dalla lettura del suo curriculum. Ha maturato esperienze e acquisito competenze di notevole livello sia in ambito nazionale che internazionale. Non ha certo difficoltà a riferire un discorso che probabilmente ha sentito migliaia di volte. “Dottore, il bambino sta male, dice di avere mal di testa, è stanco, sono due giorni che non mangia nulla, vomita qualsiasi cosa metta in bocca e poi ha un alito terribile: sa di frutta troppo matura”.

Dice che “capita spesso che un genitore porti dal pediatra il bambino riferendo questi sintomi”. Sono sintomi allarmanti solo all’apparenza. Aggiunge infatti che , all’apparenza allarmanti. Aggiunge infatti che “nella maggior parte dei casi si rivelano non particolarmente preoccupanti e legati a chetosi, meglio nota con il nome di acetone”.

L’acetone è una risposta dell’organismo per far fronte alle proprie necessità energetiche. Quando ha già bruciato tutti gli zuccheri a disposizione, comincia a bruciare anche i grassi. Questo può capitare “durante un episodio febbrile, in un momento di particolare stress, o dopo un digiuno prolungato. Queste condizioni comportano un dispendio di energia e inducono l’organismo ad aumentare la richiesta di glucosio, fonte energetica di organi come cervello e cuore. Quando il metabolismo, per produrre energia, esaurisce le riserve fornite dagli zuccheri, intervengono i grassi. Durante questo processo si formano delle sostanze chiamate corpi chetonici”. I corpi chetonici emanano un “inconfondibile odore di acetone, simile a quello della frutta matura, nelle vie aeree e nelle urine”.

Sergio Clarizia spiega l’acetone nei bambini

Dopo avere spiegato cosa sia l’acetone, il Dott. Clarizia spiega in modo approfondito quali siano i suoi sintomi. Racconta della possibilità di febbre e di vomito. Prosegue dicendo che possono comparire anche “nausea, mal di pancia, pallore, sonnolenza, mal di testa, occhiaie e da una evidente “patinatura” che si forma sulla superficie della lingua, che appare asciutta e di colore bianco-giallastro”.

Si tratta di una condizione che non deve comunque allarmare. I rimedi sno semplici e alla portata di tutti. “In caso di neonati, bisogna offrire al bebè un biberon di acqua e zucchero per ripristinare le riserve dell’organismo. Questo rimedio serve anche a evitare episodi di vomito”. Possono andare bene anche “camomilla o tè deteinato zuccherati o dolcificati con il miele”. Se il bimbo “ha già iniziato lo svezzamento, è consigliabile dargli da mangiare della pastina o crema di riso o una patata schiacciata. Dopo l’anno di età si possono offrire al bambino anche i grissini all’acqua o i biscotti per l’infanzia. Sono poi da preferire alimenti come il pesce e le carni bianche”.

E il pediatra?

Spiega il Dott. Sergio Clarizia che l’acetone nei bambini non è una malattia. Di solito si risolve senza bisogno di medicine. La crisi di solito non dura più di 2-3 giorni. Una volta superata, il bambino può tornare all’alimentazione abituale.

E’ opportuno far visitare il bimbo dal pediatra se l’acetone persiste per più di 2-3 giorni. Il ricorso al dottore è utile in modo particolare se c’è anche vomito, mal di pancia o febbre. “Lo specialista può prescrivere un’analisi delle urine e del sangue per verificare l’eventuale presenza di corpi chetonici. Si tratta di semplici test eseguibili anche a casa. Basta immergere le apposite strisce reattive o gli stick (in vendita in farmacia) direttamente nell’urina: se cambiano colore, vuol dire che sono presenti i corpi chetonici. In questo caso il pediatra indicherà l’alimentazione da seguire”.

Il Dott. Sergio Clarizia

Il Dott. Clarizia collabora con Politerapica da quando la struttura ha avviato le sue attività nel 2008. E’ stato per noi lo specialista di riferimento per la medicina pediatrica. Ha partecipato a molte iniziative di Politerapica per contribuire alla diffusione di una corretta educazione alla salute sul territorio. La sua presenza ad incontri pubblici, organizzati nel corso degli anni con diverse amministrazioni comunali, è stata preziosa. Il suo intervento in convegni pubblici organizzati da Politerapica ha portato ogni volta un contributo qualificante all’iniziativa. E’ sempre disponibile ad essere presente in radio, in televisione e sulla carta stampata.

La sua modalità narrativa è pacata e concreta. Sa di cosa parla. Si sente che lo ha imparato sul campo, giorno dopo giorno.

Dal 2014, ha aderito con entusiasmo al progetto Medicina Vicina, la nuova idea di salute di Politerapica. Professionisti di grande livello che visitano senza liste di attesa, a condizioni accessibili. Non solo: Medicina Vicina è anche lavoro di équipe. Gli specialisti lavorano insieme, intorno al paziente. Presso di noi, il Dott. Clarizia eroga prestazioni di Pediatria e di Allergologia.

 

Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93.
Per informazioni e appuntamenti, si può contattare la Segreteria di Politerapica, al numero 035.298468.

 

 

 

 

23 Maggio 2021
La pelle è una protezione da proteggere

La pelle è una protezione da proteggere. Crediamo di saperlo. Lo sentiamo dire in continuazione alla televisione. Lo ripete la pubblicità di questa o di quella crema, di questo o di quel sapone. Il punto è sapere se lo sapiamo davvero. Intendiamo dire: lo sappiamo in modo corretto? Ci è davvero chiara questa nozione?

Sulla pelle, le sue funzioni e le sue possibili malattie l’Eco di Bergamo ha pubblicato oggi, Domenica 23 Maggio, un articolo sulla sua Pagina della Salute: L’Eco di Bergamo – 23.5.2021 – Pelle e Melanoma, Salvatore Noto – Def.

E’ un articolo chiaro già nel titolo: “Delicata e complessa. La pelle va ben protetta”. Si legge poi nel sottotitolo: “Svolge una serie di funzioni vitali e proprio per questo non va trascurata o maltrattata”. Lo ha redatto con la collaborazione del Dott. Salvatore Noto, specialista in Dermatologia e in Igiene e Medicina preventiva. Da diversi anni, il Dott. Noto collabora con Politerapica, nell’ambito del progetto Medicina Vicina.

La pelle

“La pelle è l’organo più esteso del corpo umano”, comincia l’articolo. “In un uomo adulto la superficie della pelle è di circa 2 metri quadrati”.  E più avanti si legge che il suo spessore “varia a seconda del sesso, dell’età anagrafica e delle diverse zone del corpo. La pelle è formata da tre strati: epidermide, derma e ipoderma. Ognuno di questi tre strati, a sua volta, è suddiviso in ulteriori strati. E’ un organo molto complesso che svolge funzioni vitali per l’organismo”. La funzione principale è quella di protezione delle parti interne del corpo dagli agenti esterni. C’è poi quella della sensibilità attraverso le moltissimi terminazioni nervose che trasmettono continuamente messaggi al sistema nervoso centrale. La pelle ha anche la funzione di controllare l’evaporazione e la regolazione termicaFunge anche da riserva per diverse sostanze ed è capace di sintetizzare la vitamina D3.

Insomma, la pelle è una protezione da proteggere perché altrimenti non può proteggere più!

Parliamo quindi di un organo complesso e vitale. Purtroppo, però, può ammalarsi e sono addirittura 2.000 le malattie che possono colpirla. Tra le categorie più comuni di disordini cutanei – spèiega ancora il Dott. Noto – ci sono tumori benigni e lesioni vascolari, tumori maligni, acne, dermatiti e eczemi, psoriasi, verruche e altre condizioni infettive, ulcere delle gambe.

Il Melanoma

Salvatore Noto è anche diplomato in Dermatological Sciences presso l’Università del Galles, Regno Unito.I suoi titoli per altro non si fermano qui. Ha conseguito il Master of Science in Clinical Tropical Medicine – presso l’Università di Londra e il Diploma in Medicina Tropicale e Igiene – presso il Royal College of Physician di Londra. Quando parliamo di lui, dobbiamo poi considerare la sua pluriennale esperienza professionale. Insomma, abbiamo di fronte un professionista e uno scienziato che quando parla di temi legati alla sua specializzazione sa quello che dice.

Prosegue l’articolo spiegando che “tra i tumori maligni della pelle, il melanoma non è il più frequente ma è il più pericoloso. È un tumore che deriva dalla trasformazione maligna dei melanociti. Questi sono le cellule della pelle che producono la melanina, cioè la pigmentazione chedà il colore e protegge dalle radiazioni ultraviolette. Anche i nei derivano dai melanociti e sono benigni”. Il melanoma, però, nasce dai nei solo nel 30% dei casi, a differenza di quello che si crede.

La pelle è una protezione da proteggere: prevenzione e diagnosi precoce

Le possibilità di cura e guarigione dal Melanoma dipendono dal rischio di formazione di metastasi. La formazione di metastasi peraltro “dipende da diversi fattori – si legge più avanti – tra cui il più importante è il suo spessore cioè, quanto in profondità le cellule tumorali hanno invaso. Lesioni molto superficiali e iniziali hanno un tasso di cura molto alto. Lesioni avanzate e «spesse» hanno un tasso di mortalità elevato”.

“Cosi la cura – prosegue lo specialista – dipende dalla diagnosi precoce e dal trattamento precoce. La terapia è primariamente l’escissione chirurgica. Nella malattia avanzata l’oncologo in collaborazione con altri specialisti valuta trattamenti quali Chemioterapia, Immunoterapia, Terapia a bersaglio molecolare e Radioterapia”.

La pelle è una protezione da proteggere: il sole

Il rapporto tra il sole la salute, i tumori della pelle ed in particolare alcuni tipi di Melanomi è complesso. Giocano insieme o separatamente diversi fattori tra i quali l’eccesso di radiazioni ultraviolette subìto in età giovanile e la quantità cumulativa di radiazioni cui ci esponiamo nell’arco della vita.

Si possono adottare alcune regole pratiche per prevenire un eccesso di radiazioni ultraviolette, tenendo conto di quattro fattori:

  • Fototipo
  • Ore della giornata
  • Età
  • Abbigliamento

Conclude in modo chiarissimo il Dott. Salvatore Noto. “Un po’ di sole fa bene, troppo no. Ma come sapere quando è troppo? Se ci si scotta, la quantità di radiazioni è stata sicuramente troppa per quel tipo di pelle!”

Più chiaro di così!

 

 

23 Maggio 2021
Prevenzione e diagnosi precoce contro il Melanoma

La prevenzione e la diagnosi precoce sono le armi più efficiaci contro il melanoma. Lo abbiamo raccontato durante il Webinar Melanoma, conoscerlo per prevenirlo e agire in fretta, che abbiamo tenuto il 12 Maggio. E’ stato un incontro pubblico a distanza con i cittadini. Abbiamo parlato con loro di un tema serio in modo sereno. Eravamo in diretta sui canali YouTube e Facebook di Politerapica. Con noi c’erano le associazioni LILT Bergamo Onlus e Insieme con il Sole dentro. Molti spettatori hanno partecipato attivamente con domande, commenti e il racocnto di loro esperienze di vita.

Qui la videoregistrazione integrale dell’incontro:

L’evento è disponibile anche sui canali YouTube e Social di LILT Onlus Bergamo e di Insieme con il Sole dentro.

Un evento corale

Abbiamo affrontato questo delicato argomento da diversi punti di vista. Lo abbiamo raccontato dal punto di vista medico, ovviamente, ma anche da quello di chi lo ha vissuto sulla sua carne, il paziente. Abbiamo affrontato l’aspetto psicologico e relazionale di chi ha un cancro e delle persone che vivono intorno a lui. Abbiamo parlato di numeri e delle attività svolte dalle associazioni di pazineti sul territorio.

Intorno al tavolo c’erano

  • Lucia De Ponti, Presidente LILT Bergamo Onlus
  • Milena Pasinetti, Insieme con il Sole dentro
  • Giambattista Manna, Dermatologo in Politerapica
  • Valeria Perego, Psicologa e Psicoterapeuta in Politerapica
  • Pasquale Intini, Direttore di Politerapica

Il Melanoma

La pelle è un organo essenziale per la vita. Le sue funzioni infatti sono vitali. Tra queste vi sono quelle di protezione, traspirazione, regolazione termica e riserva di importanti sostanze. Un organo vitale che può ammalarsi. Tra le sue possibili malattie ci sono diversi tumori. Il Melanoma non è il più frequente ma probabilmente è il più insidioso e pericoloso. Attenzione, dobbiamo fare chiarezza: il Melanoma non è una patologia che si manifesta sempre come evoluzione di nei che si ammalano. Anzi, solo nel 30% dei casi, il Melanoma nasce da un neo che degenera.

Oggi la scienza medica ha a disposizione diverse opzioni di cura. La soluzione non è più solo chirurgica, chemioterapica e radioterapica ma comprende anche Immunoterapia e Terapia a bersaglio molecolare.  Abbiamo quindi diverse armi a nostra disposizione. La prevenzione e la diagnosi precoce contro il Melanoma rimangono comunque le più efficaci.

Prevenzione e diagnosi precoce contro il Melanoma

E’ necessario prendersi cura della pelle sin dai primi anni di vita. Trattarla correttamente e proteggerla è il modo migliore per prevenire i suoi tumori, compreso il Melanoma. Uno degli agenti che la può colpire maggiormente è il sole. Il sole fa bene alla salute dell’uomo ma è necessario prenderlo in modo corretto. Bisogna evitare le ore più calde. Docce e lampade solari sono da evitare. E’ necessario che la pelle sia coperta con abiti adeguati. E’ ancora più necessario proteggerla con creme. Questo bisogna farlo sin da piccoli perché alcune patologie tumorali possono manifestarsi in età adulta su una pelle indebolita o danneggiata nell’infanzia. La cura della pelle, ovviamente, comprende anche una corretta idratazione e un’alimentazione bilanciata.

Prendersi cura della pelle è il modo migliore per prevenire i suoi tumori, compreso il Melanoma. L’altro strumento di cui disponiamo è la diagnosi precoce. Riconoscere un Melanoma nei primi stadi permette di intervenire in modo meno invasivo e più efficace. Possiamo dire che aumenta notevolmente le possibilità di sopravvivenza.

Guardarsi e farsi guardare

Non deve diventare un’ossessione ma osservarsi e farsi osservare è il modo migliore per accorgersi che qualcosa non va. Non è un caso che, spesso, sono i partner o le mamme a cogliere i primi segnali. A quel punto, bisogna subito ricorrere al medico. In ogni caso, un controllo specialistico periodico è un modo corretto per prendersi cura di sé anche per quanto riguarda la pelle.

Per osservare i nei e controllarne l’evoluzione, può essere utile applicare la regola dell’ABCDE. Asimmetria: un neo non è più uguale nelle sue due metà ma una è più grande e l’altra più piccola. Bordi: non sono regolari ma frastagliati. Colore: non uniforme ma con sfumature diverse. Dimensione: meno valida che in passato, questa caratteristica considera la grandezza del neo, superiore di 6 mm. Evoluzione: il neo si modifica nell’arco di un tempo relativamente breve. Di fronte ad uno o più di questi segnali, bisogna ricorrere subito al medico.

Melanoma: sofferenza non solo fisica

Un cancro mette seriamente in pericolo la vita e produce grande sofferenza fisica. Produce però anche grande sofferenza emotiva. Chi ne è affetto si trova all’improvviso a dovere prendere atto della finitudine della vita. Questo può produrre angoscia, può portare a depressione. La sofferenza è comunque intensa. Lo è per il fatto stesso che le sfere di mente e corpo – ormai lo sappiamo – formano una dimensione unica e inscindibile. Una dimensione condizionata nel suo insieme dalle condizioni delle sue componenti. Lo è anche perché, come dicevamo, il tumore ci porta a fare i conti con la morte, oltre che con la malattia. La fine della vita e la fine degli affetti. In un genitore, la fine del suo ruolo di protezione e cura verso i figli.

Una condizione pesante sul piano emotivo e relazionale. La malattia modifica il modo di porsi verso la vita, verso sé stessi e verso gli altri. Modifica anche il modo di porsi degli altri. Una situazione complessa, intrecciata, difficile. Uno stato che può influenzare l’approccio alla cura fino a minarne l’efficacia.

Non si cura una condizione patologica grave senza prendersi cura della condizione emotiva di chi ne soffre. Questo vale in particolare per i tumori e, ovviamente, per il Melanoma. Non si tratta solo di dare sostegno – peraltro necessario – ma anche di prendersi carico di una dimensione, quella psichica, che sta soffrendo al pari di quella fisica. In un dannosissimo circolo vizioso di reciproca influenza negativa.

Le associazioni sono in campo per la prevenzione e la diagnosi precoce contro il Melanoma

LILT Bergamo Onlus fa dell’informazione e della prevenzione il nucleo della sua attività. L’associazione quest’anno compie 90 anni. Un percorso caratterizzato da un intenso lavoro sul territorio, in mezzo alla gente. Lancia diverse iniziative nel corso dell’anno contro diverse patologie oncologiche. Tra queste, il cancro alla prostata, quello al seno, quello del colon retto. Contro il Melanoma ha avviato da tempo l’iniziativa Clicca il neo. Con lo smartphone possiamo fotografare il neo che ci preoccupa e inviare l’immagine ad un gruppo di dermatologi che nel giro di qualche giorno ci faranno avere la loro impressione. Un’attività che non sostituisce la visita ma che può servire a ollecitare il ricorso al medico.

Insieme con il Sole dentro è un’associazione di persone che hanno vissuto nella loro carne, sulla loro pelle – è il caso di dirlo – il Melanoma. Ci sono loro, ci sono loro vicini e loro amici. Sono impegnati a informare, sostenere e assistere chi soffre di questa malattia. Sono anche impegnate a favorire la ricera con attività volte a raccogliere fondi che poi mettono a disposizione di Istituti pubblici.

LILT Bergamo Onlus e Insieme ocn il Sole dentro insistono su un altro punto: l’importanza del rapporto medico/paziente e quella che il paziente sia correttamente informato. Perché nella lotta contro il Melanoma, il paziente è il protagonista.

25 Aprile 2021
Il Dott. Perrucchini racconta le vene varicose

Il Dott. Giovanni Perrucchini racconta cosa siano le vene varicose sulla pagina della Salute dell’Eco di Bergamo del 25.4.2021. Qui si può scaricare l’articolo integrale, in formato .pdf: L’Eco di Bergamo – 25.4.2021 – Vene varicose – Dott. Perrucchini

Giovanni Perrucchini è un professionista di notevole esperienza, specialista in chirurgia generale che da tempo collabora con Politerapica. Qui svolge attività medico-specialistica di chirurgia vascolare e esegue visite, eco-colordoppler arteriosi e venosi e interventi di piccola chirurgia ambulatoriale. Svolge inoltre attività chirurgica presso la Casa di Cura Palazzolo di Bergamo.

Le vene varicose

L’articolo inizia in modo un po’ provocatorio: “Tutti sanno (o credono di sapere, che è ben diverso!) cosa siano le varici degli arti inferiori, ma è sempre utile fare chiarezza. Bisogna innanzi tutto dire cos’è la patologia varicosa: una dilatazione delle vene superficiali delle gambe e delle cosce”.

E’ una patologia molto frequente nell’età adulta e arriva addirittura a colpire il 70% delle persone che hanno più di 60 anni. Interessa uomini e donne anche se si manifesta in modo maggiore nel sesso femminile. Ci sono alcuni fattori che predispongono alla malattia: fattori genetici, ambientali e lavorativi. Se per i primi le possibilità di intervento sono pressoché nulle, si può agire in modo significativo sugli altri due per prevenire l’insorgere di un disturbo che può portare problemi seri.

Peggiora in modo progressivo

Spiega il Dott. Perrucchini: “La malattia si manifesta inizialmente con una minima dilatazione superficiale cutanea, i cosiddetti «capillari». Progredendo, giunge a dilatazioni maggiori del tronco venoso, le vere e proprie varici. Si passa quindi da strie verdi-bluastre sottocutanee che crescono fino a vere e proprie estroflessioni della cute palpabili direttamente”.

“I sintomi della patologia varicosa” – prosegue lo specialista – “iniziano con pesantezza agli arti inferiori, comparsa di teleangectasie (ancora, i «capillari »), dolori durante la stazione eretta, crampi notturni, fino ad arrivare al gonfiore delle caviglie, che possono poi degenerare in flebite, trombosi e ulcere, creando problemi ancora più seri”.

E ancora: “Come sempre, è fondamentale intervenire in fase precoce. Arrivare tardi, infatti, significa spesso dover correre ai ripari su situazioni complesse che si sarebbero potute evitare”.

Diagnosi e cura

Bisogna innanzi tutto dire che per valutare correttamente un quadro di varici è necessario esaminare bene il sistema venoso profondo. Attraverso questo sistema avviene il trasporto maggiore di sangue dalla periferia al cuore. Lo si studia in modo approfondito con l’eco-color-doppler. Questa è una tecnica che “utilizza solo ultrasuoni e serve a verificare sia la normalità del circolo venoso profondo (e quindi l’assenza di trombosi e/o flebiti, che controindicano eventuali trattamenti), sia la presenza di varici e incontinenza del circolo venoso superficiale”.

“Alla diagnosi” – spiega ancora il dottor Giovanni Perucchini – “si arriva con una visita specialistica e l’ecocolordoppler. Da qui si definisce il  piano dei trattamenti che possono essere preventivi, para-estetici e terapeutici”.

“Gli interventi preventivi e para-estetici includono trattamenti con laser transdermico e iniezioni sclerosanti. Con questi si porta notevole beneficio alle gambe con ottimi risultati anche estetici, senza la necessità di procedure più pesanti e maggiormente aggressive. Quando le vene varicose hanno invece raggiunto dimensioni ragguardevoli si deve ricorrere a trattamenti terapeutici che si dividono in chirurgici tradizionali e mini invasivi endovasali con laser. L’intervento chirurgico tradizionale viene praticato solo in casi estremi. Prevede un’anestesia di solito spinale e lo «stripping» o rimozione della grande safena stessa. Sono però necessarie incisioni cutanee maggiori ed un decorso post-operatorio un po’ più pesante”.

Bisogna prevenire!

“La prevenzione” – conclude il dott. Giovanni Perrucchini – “rimane un’arma potentissima per una patologia così diffusa che spesso deve essere curata in modo chirurgico. Stili di vita corretti, alimentazione sana e giusto movimento sono la ricetta ideale, insieme a controlli periodici”.

 

Il Dott. Giovanni Perrucchini visita in Politerapica.
Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93.
Per informazioni e puuntamenti: tel. 035.298468.

 

 

20 Aprile 2021
Acufene e cause angiologiche, scrive Gabriele Alari

Acufene e cause angiologiche. Ne scrive il Dott. Gabriele Alari, uno straordinario medico con una profonda esperienza nella diagnosi e cura della malattie vascolari, quelle che riguardano vene, arterie e vasi linfatici. Il Dott. Alari collabora da tempo con Politerapica nell’ambito del progetto Medicina Vicina.

Il convegno del 2015

In veste di medico vascolare esperto, di fama nazionale e internazionale, Gabriele Alari aveva moderato un convegno organizzato da Politerapica sull’Acufene, nel 2015. Un evento che ebbe notevole risonanza, tenuto presso la sede di ATS Bergamo e organizzato anche con associazioni di pazienti. Parte dal ricordo di quell’esperienza il contributo che ci fornisce. Ci introduce poi agli aspetti venosi e arteriosi di un disturbo terribile eppure tanto sottovalutato.

Ringraziandolo per il lavoro di allora e per quello di oggi, riportiamo qui di seguito il suo intervento.


L’Acufene. Il rumore nel silenzio

Già anni fa Politerapica si era occupata di questo “disturbo“, apparentemente trascurato dai più, in particolare dagli addetti ai lavori. Un disturbo in realtà di grande importanza per coloro che ne sono affetti, l’Acufene. Su input dell’Associazione pazienti Acufenici, aveva organizzato un Convegno di risonanza nazionale, tenutosi nella Sala Lombardia della ATS di Bergamo, patrocinatrice dell’evento.

Ricordo che la sala, assai capiente, era strapiena di gente estremamente interessata, tra cui erano assai pochi gli addetti ai lavori, moltissimi i pazienti. E ricordo anche il vero e proprio “grido di dolore” di questi pazienti. Soffrivano per un disturbo, talora davvero continuo, ossessivo, pregiudicante la loro qualità di vita, in taluni casi addirittura invalidante.

“Il rumore nel silenzio” era il titolo prescelto per il Convegno. Vi parteciparono alcuni dei maggiori esperti nazionali che si occupavano, secondo la loro diversa disciplina, del problema. Mai titolo fu più appropriato ad indicare che quel rumore spesso non otteneva alcuna risposta.

Il contributo del medico vascolare è necessario

Ora Politerapica ritorna sull’argomento creando un gruppo di lavoro dedicato e coinvolgendomi come angiologo, medico vascolare. Pur non essendo entusiasta della cosa (è sempre frustrante per il paziente ma anche per il medico affrontare una casistica di difficile e non immediata risoluzione), non ho potuto rifiutare di dare il mio apporto. Una distinzione di caratteristica dell’acufene è che esso sia soggettivo od obiettivo, pulsante o non pulsante. Soprattutto l’acufene pulsante può avere una genesi vascolare.

Approfondimenti necessari

Ed è qui che deve subentrare l’angiologo per dirimere, con una valutazione angiologica medica complessiva del paziente ed un esame strumentale ultrasonografico di I livello (Eco-color-doppler dei vasi del collo),

  • l’eventuale esistenza di una patologia vascolare arteriosa (steno-ostruzioni, ectasie od aneurismi, tortuosità di decorso, ispessimenti o dissecazioni parietali) dei vasi che arrivano al cervello ed all’emicranio interessato dal processo (arterie carotidi, vertebrali, succlavie e loro diramazioni)
  • o di una patologia vascolare venosa (restringimenti , occlusioni, trombosi, ostacoli, malformazioni) dei vasi che tornano dal cervello e dall’emicranio interessato (giugulari interne ed esterne, vertebrali, succlavie).

Altre possibili cause vascolari

Possibile anche la genesi dell’acufene da malformazioni vascolari ed angiomatose, fistole artero-venose, aneurismi, trombosi arteriose e venose, a localizzazione intracranica che possono, su indicazione angiologica, comportare l’esecuzione di esami di secondo livello (Eco-color-doppler trans-cranico, Angio TC od Angio-RM, Angiografia cerebrale).

Fortunatamente, se cosi si può dire, l’eziopatogenesi vascolare dell’acufene è rara, intorno al 2%. Fortunatamente, ripeto, perché le patologie vascolari summenzionate sono certamente di una indiscutibile gravità, pertanto da non augurarsi. Ma nel sospetto di esse, risulta indispensabile una valutazione vascolare che, oltre che strumentale, ritengo debba essere completata con una visita angiologica accurata, per non dimenticare la multidistrettualità delle patologie vascolari e la prevenzione ed il trattamento dei fattori di rischio cardio-vascolare, a tutti noti, perché dobbiamo sempre tenere presente che il disturbo (in questo caso l’acufene ) deve essere considerato non a sé stante ed isolato ma inserito in un organismo che è un tutt’uno nella sua specificità.

Da qui l’importanza dell’approccio multidiciplinare.

 

Dott. Gabriele Alari
Segretario SIMV – Società Italiana di Medicina Vascolare

20 Aprile 2021
Acufene e Otorinolaringoiatria, scrive Alessandra Brevi

Acufene e Otorinolaringoiatria, scrive Alessandra Brevi medico-chirurgo, specialista in Otorinolaringoiatria, che collabora con Politerapica. Il suo contributo per comprendere questo terribile disturbo è fondamentale. L’otorinolaringoiatra è il team leader nella gestione dell’acufene. La prima visita specialistica è eseguita da questo specialista quando è presente questo disturbo.

Ringraziandola, riportiamo qui di seguito il suo intervento che ci ha messo cortesemente a disposizione.


L’Acufene

L’Acufene (dal greco akouein, udire e phanein, apparire) viene descritto dal paziente come un rumore del mare, un fischio acuto, un sibilo, o come una molteplicità di suoni. Si tratta quindi di percezioni sonore in assenza di stimolazioni fisiologiche dei recettori dell’orecchio interno.

Un acufene può essere avvertito in un orecchio o in testa quando è bilaterale. Può presentarsi isolatamente come unico sintomo. Può essere invece associato ad una riduzione della capacità uditiva (ipoacusia). E’ possibile che si presenti anche insieme ad altri disturbi riferibili all’orecchio (senso di orecchio chiuso o ovattato, pressione auricolare, vertigini, disturbi dell’equilibrio).

Spesso pazienti con acufeni riferiscono anche iperacusia. Questa è una marcata intolleranza nei confronti dei rumori esterni, che può giungere alla fonofobia, vera e propria (paura nei confronti del rumore).

Malattia o sintomo

Gli acufeni quindi non sono definibili come una specifica malattia. Possono infatti costituire un sintomo di malattie, non necessariamente a carico dell’orecchio o delle vie acustiche. Tradizionalmente gli acufeni sono divisi in acufeni “oggettivi” ed acufeni “soggettivi” a seconda che il rumore possa essere percepito dall’esaminatore o solo dal paziente.

Si sta parlando di un disturbo uditivo – quello degli acufeni – molto frequente, interessando circa il 7-10% della popolazione generale.

Tabella delle possibili cause dell’acufene

Soggettivo Oggettivo pulsante Oggettivo non pulsante
Cause otogene Malformazioni artero-venose Disfunzioni dell’articolazione temporo-mandibolare
Presbiacusia Anemia Clono dei muscoli endoauricolari e peritubarici
Trauma acustico Tireotossicosi Colpo di frusta
Ipoacusia improvvisa Persistenza dell’arteria stapediale
Otosclerosi Tumori glomici
Otiti medie o esterne Ipertensione endocranica benigna
Sleep apnea Stenosi dei vasi del collo
Autoimmunità Carotide e bulbo giugulare alti
Ototossicità
Cause infettive
Patologie psichiatriche
Disturbi neurologici
Neurinoma del nervo acustico
Trauma cranico
Conflitti neurovascolari
Ipertensione

L’Otorinolaringoiatra, il team leader

L’Otorinolaringoiatra può essere considerato il team leader nella gestione dell’acufene. Questa, infatti, è la prima vista specialistica che viene eseguita quando è presente il disturbo. La visita otorinolaringoiatrica permette di studiare l’acufene, di individuare le possibili cause ed eventualmente chiedere il consulto di altri colleghi specialisti.

Mediante un’accurata anamnesi si possono valutare

  • le caratteristiche dell’acufene
    tonalità e pattern, sincronia con il cuore, sede, durata, intensità, continuità, progressione
  • i sintomi d’accompagnamento
    ipoacusia, sintomi vestibolari, autofonia
  • la storia clinica del paziente
    età, professione, trauma acustico, trauma cranico, farmaci, malattie internistiche, patologie otorinolaringoiatriche, chirurgia otorinolaringoiatrica, familiarità, stato psicofisico, patologie rachide cervicale.

Valutazione e diagnosi otorinolaringoiatrica

La valutazione clinica comprende un’esame obiettivo specialistico:

  • Otoscopia\otovideoscopia che valuta
    • il condotto uditivo esterno
      per escludere la presenza di tappi di cerume o secrezioni patologiche come nel caso dell’otite esterna
    • la membrana timpanica
      per escludere la presenza di perforazioni o lesioni retrotimpaniche
  • Videofibrorinoscopia che valuta la pervietà delle fosse nasali e del rinofaringe, sedi di lesioni che possono ostruire lo sbocco nasale della tuba di Eustachio
  • Acumetria che valuta la percezione uditiva

La diagnostica otorinolaringoiatrica strumentale dell’acufene comprende:

  • esame audiometrico tonale e l’impedenzometria
    qualora si sospetti un calo dell’udito
  • acufenometria
    permette di caratterizzare della frequenza e dell’intensità dell’acufene
  • potenziali evocati uditivi
    permettono di studiare le vie uditive centrali

La diagnostica radiologica in caso di acufeni comprende la TAC e, o la RMN dell’orecchio. Si adottano nel sospetto di patologia infiammatoria maligna del condotto uditivo esterno, colesteatomi, traumi, otosclerosi, malformazioni, sospetta patologia neoplastica (neurinoma).

 

Dott.ssa Alessandra Brevi
Medico Chirurgo
Specialista in Otorinolaringoiatria

 

28 Marzo 2021
Cistifellea e laparoscopia spiegati dalla Dott.ssa Pina

Cistifellea e laparoscopia spiegati dalla Dott.ssa Pina sulla Pagina della Salute dell’Eco di Bergamo del 28.3.2021. E non solo questo. La Dott.ssa Maria Enrica Daniela Pina è un chirurgo di notevole esperienza. Opera presso l’UOC di Chirurgia Generale dell’Ospedale di Alzano Lombardo che fa parte dell’ASST Bergamo Est e visita in Politerapica per convenzione tra l’Azienda ospedaliera e la nostra struttura. Svolge attività professionale da oltre vent’anni, curando sempre il rapporto diretto con le persone che si rivolgono a lei. Grande competenza, dunque, la sua, e anche grande umanità. Sono questi gli ingredienti che le permettono di scrivere articoli su temi complessi della chirurgia con cognizione di causa, per le persone comuni.

Dott.ssa Maria Enrica PinaColecisti o cistifellea?

Colecisti e cistifellea sono sinomimi e indicano un organo dell’apparato digerente. Parte da qui la Dott.ssa Pina. La sua funzione – continua – è quella di “immagazzinare la bile prodotta dal fegato e di rilasciarla nel duodeno durante il processo della digestione”.

Fin qui tutto bene. Il fatto però è che, come tutte le altre parti del corpo umano, anche questa si può ammalare. “La calcolosi della colecisti è una malattia che colpisce quest’organo. E’ dovuta all’aumento della concentrazione di colesterolo nella bile con formazione di cristalli (microcalcoli). Questi successivamente aumentano di volume, da pochi millimetri fino a 4-5 cm”. Parliamo di una malattia che “colpisce maggiormente le donne, 4 volte di più rispetto ai maschi. Le gravidanze, l’obesità, le malattie infiammatorie dell’intestino e l’ereditarietà sono fattori che predispongono a questa patologia”.

135.000 nuovi casi all’anno

“Una malattia diffusa”, spiega la dott.ssa Maria Enrica Pina. “La malattia è presente in circa il 10-15% della popolazione adulta nei Paesi occidentali e ogni anno una parte di queste persone (tra l’1 e il 4%) diventa sintomatica. In Italia ci sono 135.000 nuovo casi all’anno per un totale stimato di 2,5 milioni di persone portatrici di calcolosi della colecisti”.

Finché rimane silente, la calcolosi della colecisti non dà problemi. Quando però cominciano a manifestarsi i sintomi, possiamo ben dire che sono dolori! “Può manifestarsi improvvisamente – scrive la Dottoressa – con colica biliare caratterizzata da dolore alla bocca dello stomaco e sotto l’arcata costale destra. A volte può manifestarsi direttamente con una malattia più complicata come la colecistite acuta, cioè l’infiammazione della colecisti. Oppure con l’ittero, dovuto alla migrazione dei calcoli dalla colecisti nella via biliare che si ostruisce; ciò provoca aumento di bile nel sangue (itterizia). O, ancora, con la pancreatite acuta, una grave infiammazione del pancreas, dovuta alla migrazione dei calcoli nella via pancreatica”.

A quel punto si opera

Quando ci sono i sintomi, si opera. L’intervento chirurgico consiste nell’”asportazione della colecisti e dei calcoli in essa contenuti. Si rimuove così l’organo malato evitando complicanze per la possibile migrazione dei calcoli”. La colecistectomia, come si dice in termini medici.

Questo è un intervento che viene eseguito da oltre un secolo. Può essere praticato “con tecnica tradizionale, attraverso un taglio sull’addome, o per via laparoscopica, detta tecnica mininvasiva. Fino agli anni 90 si adottava la sola tecnica tradizionale. Dal 1990 in poi si è iniziata a diffondere la tecnica laparoscopica che oggi rappresenta la metodica migliore e più adottata per l’intervento in elezione, cioè programmata”.

La laparoscopia una rivoluzione

Vent’anni di esperienza professionale presso l’UOC di Chirurgia Generale dell’Ospedale di Alzano Lombardo, diretta dal Dott. Pierpaolo Mariani. Circa 5.000 interventi eseguiti. Con questi numeri, la Dott.ssa Pina può descrivere in modo semplice e chiaro una procedura che ha rivoluzionato la chirurgia generale.

“Si esegue in anestesia generale. Si insuffla anidride carbonica nella cavità peritoneale in modo da poter ottenere uno spazio necessario ad operare dal suo interno. Sulla parete addominale si praticano quattro piccoli tagli: uno da 1 cm sovraombelicale e altri tre da 5 mm nella parte superiore dell’addome. Qui si inseriscono una particolare telecamera e gli strumenti necessari per procedere. Si isola quindi la colecisti, sezionando il dotto cistico e l’arteria cistica che la collegano al nostro corpo; successivamente la colecisti viene staccata dal fegato ed estratta, con tutti i suoi calcoli all’interno, attraverso il taglio sopra l’ombelico”.

Dura di meno e guarisce prima

La tecnica laparoscopica è più rapida di quella tradizionale e guarisce prima. “È poco invasiva” – racconta ancora la Dott.ssa Pina – “procura minore dolore, permette un decorso più rapido e una ripresa migliore. La rapidità del decorso ha raggiunto livelli notevoli. Nel reparto in cui opera, per esempio, da circa un anno, in casi selezionati, la dimissione può avvenire anche il pomeriggio successivo all’intervento. Di regola avviene comunque in seconda giornata post-operatoria”.

Cistifellea e laparoscopia spiegati dalla Dott.ssa Pina

Qui è possibile scaricare l’articolo integrale in fomrato .pdf: L’Eco di Bergamo – 28.3.2021 – Cistifellea, Marika Pina – Def

 

28 Febbraio 2021
Marco Bianchi racconta l

Marco Bianchi racconta l’ernia e come si cura sulle Pagine della Salute de l’Eco di Bergamo di Domenica 28 Febbraio 2021. In realtà, il Dott. Bianchi, chirurgo in Politerapica, racconta molto di più. Spiega cosa sia l’ernia inguinale, come e perché venga, come si curi. In particolare come si cura con la chirurgia laparoscopica e i vantaggi davvero notevoli di questa metodica per il paziente.

L’ernia inguinale

Entra subito in argomento il Dott. Bianchi e spiega che “l’ernia è la fuoriuscita di un viscere dalla cavità naturale che lo contiene”.  Prosegue dicendo che “l’ernia inguinale è la più comune delle ernie di parete”. Quindi spiega che “si verifica quando un tratto di initestino sporge attraverso un punto debole della parete addominale”.

Ci si può convivere fintanto che il rigonfiamento che produce si riduce sdraiandosi a pancia in su. “I disturbi più comuni – continua lo specialista di Politerapica – sono il senso di peso e di fastidio fino al dolore vero e proprio che può interferire nelle normali attività quotidiane (come stare in piedi o camminare). A volte procura anche difficoltà nella digestione.

Non è comunque una questione da sottovalutare. “Con il tempo – aggiunge il Dott. Marco Bianchiil rigonfiamento può ingrossarsi e negli uomini interessare anche la sacca che contiene i testicoli”. Possono esserci altre complicanze, pure gravi “se il suo contenuto non riesce più a rientrare nella cavità addominale (incarcerazione con occlusione intestinale) o se l’eventuale ansa intestinale si «strozza» al suo interno con danno che porta alla perforazione intestinale e conseguente peritonite”.

L’intervento chirurgico

“Un’ernia piccola è più facile da riparare di un’ernia grossa e presente da anni“. Per questo, l’intervento chirurgico è fortemente consigliato già dai momenti iniziali della patologia”. A parlare è sempre Marco Bianchi che spiega poi quali siano le tecniche chirurgiche che si utilizzano.

Quella tradizionale è stata messa a punto negli anni 80 e consiste nel prosizionamento di una rete di materiale biocompatibile che ripara il buco da cui esce l’ernia. Si tratta di una metodica che ha ridotto notevolmente i casi di recidiva rispetto a quelle usate precedentemente, portandoli al 2%.

Quella più innovativa, che ha portato i maggiori vantaggi, è stata la tecnica laparoscopica. La descrive il Dott. Annibale Casati, Direttore dell’équipe chirurgica della Casa di Cura Palazzolo di Bergamo, di cui fanno parte il Dott. Marco Bianchi e il Dott. Giovanni Perrucchini, anche lui specialista in Politerapica.

La laparoscopia per l’ernia

La laparoscopia “permette di sostituire il classico taglio all’inguine cono tre piccoli tagli: uno si i1 cm e 2 di 0,5 cm”. Attraverso questi minuscoli taglietti, si entra nell’addome e grazie ad una microtelecamera che permette una visione dall’interno, si può posizionare la rete per riparare l’ernia.

I vantaggi di questa tecnica sono diversi e spesso poco conosciuti:

  • minor dolore
  • risultato estetico migliore per assenza di cicatrici
  • ripresa più rapida dell’attività
  • non necessità di strumenti contenitivi dopo l’operazione
  • esecuzione in day surgery: il paziente entra in ospedale al mattino e esce alla sera
  • rischi di complicazioni molto bassi

Una tecnica sicura ed efficace, precisa il Dott. Bianchi che visita in Politerapica e opera in Palazzolo. Lo dimostrano “per esempio gli oltre 4.000 initerventi eseguiti negli ultimi 25 anni dall’équipe della clinica per il trattamento dell’ernia inguinale”.

Una metodica che si utilizza con successo anche per altri interventi: colecistectomia, appendicectomia fino a a quelli di chirurgia più complessa come le resezioni intestinali anche per patologie tumorali.

Marco Bianchi racconta l’ernia e come si cura

Un articolo da leggere per intero. Scritto in modo semplice e chiaro, l’articolo curato da Marco Bianchi introduce in modo lineare all’interno di una patologia molto diffusa e della più moderna metodica per curarla. Spiega e tranquillizza.

Lo fa con quel suo modo pacato e cortese di parlare ad ogni persona che gli è proprio. Un modo che ha probabilmente imparato a contatto con i contadini delle Ande peruviane presso i quali svolge frequentemente attività di missione medico-chirurgica con un’attenzione e una delicatezza umane uniche.

Lo trovate qui, in formato integrale:
L’Eco di Bergamo – 28.2.2021 – Marco Bianchi, ernia inguinale

 

Il Dott. Marco Bianchi visita in Politerapica, anche per le patologie proctologiche.
Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93.
Per informazioni e appuntamenti, tel. 035.298468.