fbpx

4 Novembre 2018

Politerapica – Terape della Salute compie 10 anni!
Sono pochi? Sono tanti? Veramente non lo sappiamo. Ci sentiamo solo un po’ confusi.

Sembra ieri, era il 2 Novembre 2008: Politerapica apriva la sua sede in Via Nazionale 93, a Seriate.

Una posizione particolare, nella più importante città della provincia di Bergamo, sulla strada verso Albano Sant’Alessandro. Intorno a noi molti Comuni di piccole, medie e grandi dimensioni. La possibilità di agire sul territorio e con il territorio, di non limitarci ad essere una struttura privata avulsa da quanto ci sta intorno ma di diventare in qualche modo protagonisti della promozione della salute tra le persone, insieme agli Enti, le Strutture e gli Operatori che già vi lavoravano.

Persone e territorio, da subito il riferimento di ogni nostra attività.

La persona al centro, cui dedicare il meglio delle nostre competenze e della nostra struttura, in un approccio multidisciplinare nel quale uno dei componenti sarebbe stata la persona stessa, protagonista della sua terapia, responsabile della sua sallute, insieme a noi, insieme al suo medico coinvolto nell’attività.

Il territorio su cui lavorare, aprendo le porte della nostra sede a chiunque avesse bisogno di usarla e, allo stesso tempo, uscendo dalle mura della nostra struttura per andare in mezzo alla gente, a parlare di salute, di prevenzione, di comportamenti sani. Si avvicina a 200 il numero di incontri pubblici, organizzati in questi anni, insieme ad Amministrazioni Comunali e altri Enti per raccontare la salute ai cittadini. Bergamo, Seriate, Cavernago, Calcinate, Gorle, Pedrengo, Albano S. Alessandro, Brusaporto. Siamo stati ovunque sia stato possibile esserci. Supera il 50 il numero di convegni multidisciplinari organizzati sul territorio, coinvolgendo anche specialisti di altre strutture, insieme a psicologi, sociologi, autorità sanitarie, per offrire una visione d’insieme del tema trattato a chi volesse ascoltarla. Numerosi anche gli eventi di screening aperti alla popolazione, molti gratuiti, altri a condizioni simboliche.

Tutto questo fondato sulle nostre attività

  • riabilitazione neuromotoria
  • riabilitazione pelvica
  • sostegno a gravidanza e neonatalità, pueperio e infanzia
  • ambulatorio multidisciplinare, dove specialisti di altissimo livello lavorano insieme, intorno al paziente e erogano prestazioni senza liste di attesa a condizioni accessibili

sulla nostra squadra

  • quasi trenta specialsiti per ventitre specialità
  • sei professionisti in ambito psicologico, psicoterapeutico e sessuologico
  • venti terapisti tra fisioterapisti, massoterapisti, ostetriche/i, infermiere, logopediste

e sulla nostra missione aziendale

  • portare sul territorio una medicina e prestazioni sanitarie di eccellenza
  • dove la persona sia considerata nella sua interezza
  • dove la Salute sia quella enunciata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità: stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia
  • dove l’accoglienza e il rispetto si fondessero al meglio con la serietà e la qualità

Sembra ieri, non ci siamo quasi accorti di quello che è successo e del tempo che scorreva.

Sono mille sensazioni che proviamo oggi di fronte al fatto che sono passati 10 anni (dieci anni!). Il pensiero và anche alle mille sensazioni di quel 2 Novembre 2008, dei mesi che avevano preceduto quella data e delle migliaia di giornate che da allora sono trascorse. Sensazioni che si mischiano ai ricordi di speranze, delusioni, entusiasmi e scoramenti, energie, stanchezza. I mille progetti, i mille errori, i molti volti che abbiamo incontrato. La terribile crisi nella quale ci siamo dibattutti e abbiamo visto dibattersi tante persone. Sicuramente troppe.

Alcuni tra i collaboratori presenti oggi in struttura erano qui già allora. Altri ci hanno lasciato. Con alcuni siamo rimasti in ottimi rapporti, legati da rispetto e dalla comunanza di visione. Altri li abbiamo persi. Lo scriviamo con tristezza.

Moltissime le persone che in questi anni si sono rivolte a noi. Uomini e donne di ogni età. Bambini. Tanti non li vediamo più e ne siamo contenti. Tanti li vediamo ancora perché tornano coon altri problemi. Ci spaice per loro ma siamo confortati dall’apprezzamento che anche così continuano a dimostrarci.

Sembra ieri. Rimaniamo convinti che Politerapica sia un progetto speciale e che continuerà ad esserlo.

Un grazie a tutti coloro che ci sono stati.

 

11 Ottobre 2018

Vi presento il Sig. Parkinson. Non sempre e solo tremore, l’iniziativa organizzata da Politerapica con quattro Comuni e due Ambiti Territoriali e inserita nel progetto Invecchiando s’impara (a vivere), continua il suo percorso.

Ieri era la volta di Brusaporto, Comune col quale Politerapica organizza ormai da quattro anni due cicli all’anno di incontri pubblici sulla Salute – uno primaverile e uno autunnale – con la straordinaria collaborazione e disponibilità dell’Assessore alle Politiche Sociali, Renza Fumer.

Come spesso accade a Brusaporto, la partecipazione dei cittadini è stata molto alta: 46 le persone tra il pubblico! E, come sempre, tutte molto attente e partecipi.

Squisita “padrona di casa” l’Ass. Fumer. Brava la Dott.ssa Cristina Rizzetti.

Sabato, dalle 14,30, su prenotazione, gli incontri individuali di valutazione neurologia. Poi, si prosegue con Telgate e Castelli Calepio. 

28 Settembre 2018

Erano in tanti. Molti di Seriate, naturalmente. Diversi anche di altri Comuni: Bergamo, Cavernago… Un incontro serrato, intenso, pieno. Non saprei esattamente quale aggettivo usare. I presenti partecipavano attivamente, attenti, concentrati.

Straordinaria l’ennesima dimostrazione di sinergia tra Comune di Seriate e Politerapica. Una modalità di collaborazione rodata in nove anni di iniziative, condotte con la convinzione che, insieme e nel rispetto delle reciproche prerogative, si possa lavorare bene per i cittadini e per il territorio.

Ottima, come sempre, l’esposizione della Dott.ssa Cristina Rizzetti. Chiara e appassionata. Umana e professionale. Chi la ascolta capisce che sa di cosa parla.

Anche le foto parlano e qui ne pubblichiamo qualcuna:

28 Settembre 2018

Che la Malattia di Parkinson fosse un tema importante e attuale, noi lo sapevamo. Tanto è vero che da mesi ci stiamo impegnando per raccontarla e per sensibilizzare i cittadini alla sua conoscenza e, dove possibile, alla sua diagnosi precoce.

Accogliamo quindi con grande soddisfazione l’attenzione che i media hanno dedicato a “Vi presento il Sig. Parkinson. Non sempre e solo tremore”, l’iniziativa organizzata dal Comune di Seriate – Assessorato alle Politiche Sociali insieme a Politerapica – Terapie della Salute e inserita nel progetto “Invecchiando s’impara (a vivere)” e con la collaborazione della Dott.ssa Maria Cristina Rizzetti – Neurologo Parkinsonologo:

  • 8 incontri pubblici
    • 4 di informazione
    • 4 di incontri di valutazione neurologica individuale
  • 4 Comuni coinvolti
  • 2 Ambiti Territoriali coinvolti

In particolare, L’Eco di Bergamo, il più importante organo di informazione della provincia, ha pubblicato due ampi articoli nel giro di tre giorni, per illustrare l’attività e i suoi obiettivi e per parlare del Parkinson e delle sue implicazioni. Articoli che si aggiungono all’ospitata di Bergamo TV nella popolare trasmissione radio-televisiva del mattino “Colazione con Radio Alta”.

Notevole attenzione, dunque, per una malattia che merita di essere conosciuta perché possa essere meglio gestita e si possa, così, sostenere un’adeguata qualità della vita di chi ne soffre e di chi la condivide con loro.

L’Eco di Bergamo – 20.9.2018 – Conoscere il Parkinson

L Eco di Bergamo – 22.9.2018 – Vi presento il Sig. Parkinson

La Dott.ssa Maria Cristina Rizzetti è Responsabile U.F.A. Riabilitazione Parkinson, Ospedale S. Isidoro – FERB Onlus e Responsabile Ambulatorio Multidisciplinare Parkinson – Presa in carico e riabilitazione di Politerapica.

Per informazioni e appuntamenti relativi all’Ambulatorio Multidisciplinare Parkinson – Presa in carico e riabilitazione di Politerapica o a visite neurologiche parkinsonologhe, si può telefonare al n. 035.298468, dal Lunedì al venerdì, dalle 9,00 alle 20,00.

 

18 Settembre 2018

18.9.2018 – Bergamo TV ospita Politerapica con l’Assessorato alle Politiche Sociali di Seriate.
Vi presento il Sig. Parkinson – V
ideo

In studio:

  • Cristina Rizzetti
    Neurologo Parkinsonologo
    Responsabile U.F.A. Riabilitazione Parkinson, Ospedale S. Isidoro – FERB Onlus di Trescore Balneario  Responsabile Ambulatorio Multidisciplinare Parkinson – Presa in Carico e Riabilitazione di Politerapica
  • Gabriele Cortesi
    Vice Sindaco e Assessore alle Politiche Sociali di Seriate
    Presidente Ambito Territoriale di Seriate
  • Pasquale Intini
    Direttore di Politerapica

 

4 Settembre 2018

Organizzato dal Comune di Seriate – Assessorato alle Politiche Sociali insieme a Politerapica – Terapie della Salute, nell’ambito del progetto “Invecchiando s’impara (a vivere)”, è al via “Vi presento Mr. Parkinson. Non sempre e solo tremore – Autunno 2018”!

L’iniziativa ha lo scopo di contribuire alla corretta informazione sulla Malattia di Parkinson (cos’è, perché viene, come si riconosce, quali sono i disturbi, come si curano e come si gestisce la malattia) e di favorirne la diagnosi precoce. 

Quattro i Comuni coinvolti: Seriate, Brusaporto, Castelli Calepio e Telgate. negli ambiti territoriali di Seriate e Grumello del Monte. In ognuno due appuntamenti: uno di informazione pubblica e uno di valutazione individuale con la Dott.ssa Maria Cristina Rizzetti, Neurologa Parkinsonologa.

I primi due incontri a Seriate.

Seguiranno gli appuntamenti di:

  • Brusaporto
    Me 10.10, ore 16,00 – Incontro
    Sa 13.10, ore 14,30 – Appuntamenti di valutazione
  • Telgate
    Ve 9.11, ore 16,00 – Incontro
    Sa 10.11, ore 09,00 – Appuntamenti di valutazione
  • Castelli Calepio
    Me 21.11, ore 16,00 – Incontro
    Gi 22.11, ore 14,30 – Appuntamenti di valutazione

 

Per informazioni:
Segreteria di Politerapica, tel. 035.298468, e-mail info@politerapica.it

 

19 Agosto 2018

“Avere coraggio – scrive Harper Lee – significa sapere di essere sconfitti prima ancora di cominciare, partire ugualmente e arrivare fino in fondo, qualsiasi cosa succeda”.

Inizia così l’articolo de l’Eco di Bergamo del 19.8.2018, a firma Sabrina Penteriani, che racconta l’esperienza di vita di Stefano Ghidotti, 56 anni di età, che nel 2017 ha saputo di avere la malattia di Parkinson.

E ancora: “Quando Stefano ha incominciato a informarsi sulla malattia di Parkinson, si è reso conto che fra le raccomandazioni degli specialisti ricorreva spesso la necessità di mantenere un corretto stile di vita e di svolgere attività fisica: Tra i sintomi principali della malattia – afferma – ci sono, infatti, l’irrigidimento delle articolazioni e le difficoltà motorie. Il modo più efficace per rispondere era quindi continuare la mia attività sportiva, intensificandola e rendendola più regolare e controllata…”

Controllata, però e infatti Stefano si è affidato a specialisti e professionisti che lo hanno assistito nel modo corretto e oggi, a pieno titolo, può dichiararsi entusiasta per i fantastici risultati raggiunti e per i programmi cui sta lavorando per l’immediato futuro.

Intanto, dice “Sto prendendo contatto con alcuni ricercatori per capire se può servire per approfondire la correlazione tra malattia di Parkinson e sport, e verificare se l’attività fisica serve davvero a contrastare l’insorgenza  dei sintomi, magari confrontando i dati che raccolgo con quelli di altri pazienti con un profilo simile al mio. Incomincio ad averne un bel po’, li colleziono ogni giorno da gennaio a oggi e li registro tutti sul mio blog”.

L’indirizzo è https://parkinsontriathlon.blog.

Un articolo/intervista che si legge tutto d’un fiato. Ricco di contenuti e, soprattutto, di gioia di vivere e di voglia di non arrendersi.

Leggi l’articolo:
l’Eco di Bergamo -19.8.2018 – “Combatto il Parkinson con lo sport”

 

 

31 Luglio 2018

Seriate, Brusaporto, Castelli Calepio e Telgate. Con loro, l’Ambito Territoriale di Seriate e quello di Grumello del Monte, insieme al progetto “Invecchiando si Impara (a vivere)”.

Questi gli Enti che con Politerapica – Medicina Vicina e il suo “Ambulatorio Multidisciplinare Parkinson – Presa in carico e Riabilitazione”, diretto dalla Dott.ssa Maria Cristina Rizzetti, partecipano all’organizzazione e all’esecuzione di “Vi presento Mr. Parkinson. Non sempre e solo tremore – Autunno 2018” per portare sul territorio e in mezzo ai cittadini la conoscenza di cosa sia la Malattia di Parkinson per favorirne la corretta gestione e, dove possibile, la presa in carico precoce.

Un attività intensa e capillare che prevede due attività in ognuno dei quattro Comuni coinvolti:

  • un incontro pubblico
    ad accesso gratuito, per parlare alla gente di cosa sia davvero la malattia di Parkinson e di cosa implichi per chi ne è affetto e per chi sta con loro, di quali ne siano i sintomi, le cure e le modalità di convivenza, tenuto dalla Dott.ssa Rizzetti
  • un appuntamento
    con la possibilità, per chi lo desidera, di avere un colloquio privato di valutazione, su appuntamento e gratuito, con la Dott.ssa Rizzetti, in uno spazio temporale definito, in una sede messa a disposizione dal Comune stesso

Di seguito, il calendario:

  • Seriate
    Me 26.9, ore 16,00 – Incontro
    Sa 29.9, ore 09,00 – Appuntamenti di valutazione
  • Brusaporto
    Me 10.10, ore 16,00 – Incontro
    Sa 13.10, ore 14,30 – Appuntamenti di valutazione
  • Telgate
    Ve 9.11, ore 16,00 – Incontro
    Sa 10.11, ore 09,00 – Appuntamenti di valutazione
  • Castelli Calepio
    Me 21.11, ore 16,00 – Incontro
    Gi 22.11, ore 14,30 – Appuntamenti di valutazione

Quando parliamo di Malattia di Parkinson, parliamo di uno dei grossi drammi dei nostri tempi, misconosciuto o quasi ignorato da molti, pur essendo la malattia neurodegenerativa più diffusa dopo la Malattia di Alzheimer ma che, a differenza di quest’ultima, colpisce già in età relativamente giovanile: mediamente intorno ai 55 anni pur essendo più comune sopra i 60 anni, ma con casi diagnosticati intorno ai 40 anni o anche al di sotto,  secondo quanto riportato dal Dott. Alberto Zucchi della ATS di Bergamo.

Una malattia, quella di Parkinson, che sempre in provincia di Bergamo, ha registrato un aumento di casi dell’82,5% dal 2008 al 2016.

Conoscerla correttamente diventa quindi necessario prima ancora che importante.

 

Per informazioni:
Segreteria di Politerapica, tel. 035.298468, e-mail info@politerapica.it

 

14 Luglio 2018

E’ durata un’ora ed è stata una bella visita, quella dell’Assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, del Consigliere di Regione Lombardia, Paolo Franco e del Vice Sindaco di Seriate, Gabriele Cortesi.

Alla giornalista de l’Eco di Bergamo che aveva assistito all’incontro e che lo incalzava, chiedendogli se, a fronte delle problematiche emerse, lui si assumeva degli impegni, l’Ass. Gallera rispondeva in modo articolato, non mancando di sottolineare come la realtà che stava visitando, Politerapica, rappresentasse un modo brillante e qualificato – addirittura avanzato per certi temi – di fare sanità sul territorio e che questa realtà fosse un esempio di come si potesse realizzare quel modello di cura della salute, integrata e distribuita, cui l’Assessorato al Welfare di Regione Lombardia è impegnato a lavorare in questi cinque anni.

Una visita cordiale, vivace e ricca. Serena nei modi, intensa nei contenuti. Molta l’attenzione mostrata a Politerapica, all’Ambulatorio Multidisciplinare Parkinson, a Fincopp Lombardia Onlus – l’associazione no profit di pazienti che soffrono di incontinenza e disturbi del pavimento pelvico, ospitata da Politerapica –  e alla problematica dei disturbi pelvici. Soprattutto al nostro modello di attività sul territorio e al nostro approccio multidisciplinare.

Non sono mancati gli accenni agli altri progetti dedicati di Politerapica, tra cui l’Ambulatorio vaccinale, in funzione ormai da anni, e l’Ambulatorio ostetrico in fase di approntamento per il sostegno a gravidanza, neonatalità e neo genitorialità.

Era appena finito l’incontro e sia l’Ass. Gallera, sia il Consigliere Regionale Paolo Franco postavano foto e commenti lusinghieri sulle loro pagine Facebook.

Una visita che fa onore a Politerapica e a tutti i suoi collaboratori e che ci piace pensare premi il nostro modello di attività. Una Medicina sul territorio e Vicina al territorio che risponde ad esigenze concrete e che si caratterizza per il suo approccio multidisciplinare che vede davvero il paziente al centro dell’attenzione di tutta la struttura, considerato nella sua interezza fisica, psichica e sociale.

Chiara la sensazione di essere stati apprezzati e di esserci meritati la soddisfazione espressa dai nostri ospiti per quanto hanno potuto vedere e sentire. Un potente stimolo per proseguire in questa direzione.

 

Da sinistra a destra: Giulio Gallera, Paolo Franco, Gabriele Cortesi, Pasquale Intini, Cristina Rizzetti

Clima cordiale

L’arrivo e il benvenuto.

Notevole l’attenzione.

Visita alla struttura.

14 Luglio 2018

l’Eco di Bergamo dedica attenzione alla visita in Politerapica dell’Assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, insieme al Consigliere Regionale, Paolo Franco e al Vice Sindaco di Seriate, Gabriele Cortesi.

Il giornale pone enfasi sull’Ambulatorio Multidisciplinare Parkinson di Politerapica, diretto dalla Dott.ssa Rizzetti. Lo aveva fatto anche l’Ass. Gallera nel suo post su Facebook, al termine della visita. Ne siamo ovviamente soddisfatti.

Nel corso dell’incontro, abbiamo parlato a lungo anche di incontinenza e disturbi del pavimento pelvico. Pare sia confermata l’istituzione del tavolo di lavoro regionale su questo tema, cui noi parteciperemo come Fincopp Lombardia.

Un altro tema che abbiamo volutamente toccato e che ha incontrato l’attenzione dell’Assessore e del Consigliere Franco è stato quello dell’Ambulatorio Ostetrico, argomento di forte attualità, essendo legato alla gestione di gravidanza e parto in un territorio, il nostro, dove la chiusura del punto nascita di Piario è nell’occhio del ciclone.

L’Ass. Cortesi non ha avuto bisogno di esprimere alcuna considerazione. Ci conosce da tempo e la nostra ormai collaudata collaborazione ha favorito il crescere di reciproca stima e attenzione.