fbpx

Tag: Neurologia

20 Aprile 2021
Ambulatorio Multidisciplinare Acufene

Ambulatorio Multidisciplinare Acufene – Presa in carico è il nome dell’ambulatorio che Politerapica avvia nella sua sede di Seriate – BG, in Via Nazionale 93. Lo scopo è quello di rappresentare un punto di riferimento sul territorio per i pazienti che soffrono di questo terribile disturbo. Il paziente è al centro delle attenzioni del team che comprende diverse professioni sanitarie

  • Otorinolaringoiatria
  • Angiologia – Medicina vascolare
  • Neurologia
  • Fisiatria
  • Psicologia
  • Fisioterapia

Nell’Ambulatorio il paziente è preso in carico come persona, nella sua interezza, dal punto di vista medico e psicologico. L’otorinolaringoiatra svolge il ruolo di coordinatore del team. All’interno della struttura, si eseguono anche esami strumentali come eco-colordoppler e laringo-faringoscopia.

L’iniziativa nasce dallo stimolo e col sostegno morale di pazienti affetti da questa patologia. L’obiettivo non è quello di proporre soluzioni miracolose che non esistono ma è quello di fornire una valutazione completa e multidisciplinare del disturbo e della sua eventuale cura, attraverso la presa in carico globale della persona.

Acufene

L’Acufene è un disturbo che distrugge l’esistenza di chi ne soffre. Si tratta di un suono continuo, anche di alto volume, che non cessa mai di penetrare nell’orecchio e nel cervello. Penetra nel sonno, lo impedisce, ne abbassa la qualità. Penetra nella giornata, interferisce con ogni relazione, ogni attività, ogni lavoro, ogni pensiero, fino a debilitare, esasperare, sfinire, in alcuni casi fino a condurre a condizioni di squilibrio psico-fisico con conseguenze estreme. L’acufene produce notevoli costi economici e sociali sui singoli, le famiglie e la comunità: riduzione della capacità lavorativa, assenteismo motivato, continuo ricorso al SSN sono alcune delle sue conseguenze.

Un fenomeno numeroso

2.000.000 sono le persone che soffrirebbero di acufene in Italia. Di queste, 50.000 in provincia di Bergamo. Queste sono le stime che erano emerse nel corso del convegno che nel 2015 si era tenuto a Bergamo, presso la sede della ATS. Un numero notevole di individui che faticano a trovare una soluzione. Di acufene non si muore e forse anche per questo, fino ad oggi, non si sono trovate le ragioni della loro origine e, tantomeno, le possibilità di cura. La ricerca scientifica è molto costosa e, in un mondo di risorse limitate, queste probabilmente vengono dedicate a problemi con un impatto più direttamente correlato con la sopravvivenza fisica.

Non sono però solo i pazienti ad essere coinvolti nel peso della gestione di questo continuo rumore nell’orecchio. Con loro ci sono i familiari, gli amici, i colleghi, tutti gli attori del mondo delle relazioni che orbita intorno ad ogni individuo costretto a conviverci.

Ambulatorio Multidisciplinare Acufene – Presa in carico

Al suo accesso in Ambulatorio, la prima prestazione fornita al paziente è quella dell’Otorinolaringoiatra che coordina tutto il percorso diagnostico e terapeutico successivo. Lo specialista, quando necessario, coinvolge gli altri colleghi, richiedendo loro visite e pareri che possono essere integrati con esami strumentali. L’Otorino e gli altri specialisti, in ogni fase del loro lavoro, si avvalgono della collaborazione della Psicologa. Come per la parte diagnostica, anche quella terapeutica – quando applicabile – può prevedere l’intervento delle diverse specialità medico-chirurgiche, quello psicologico e quello riabilitativo.

L’intervento psicologico può avvenire in diversi ambiti

  • applicazione della tecnica E.M.D.R. a scopo terapeutico o di contenimento del disturbo dell’acufene
  • sostegno psicologico al paziente nella gestione della sua patologia e del percorso terapeutico
  • sostegno alla famiglia

Ambulatorio multidisciplinare acufene – Presa in carico – 13.4.2021
Politerapica – Volantino Acufene 4.2021

Obiettivi importanti

L’iniziativa nasce con obiettivi importanti

  • Diagnosi multidisciplinare
  • Terapia multidisciplinare, dove possibile
  • Presa in carico
  • Presenza di un ambulatorio integrato di riferimento per i pazienti e per il territorio

Medicina Vicina

Le attività dell’Ambulatorio Multidisciplinare Acufene – Presa in carico sono gestite secondo il modello di Medicina Vicina, la nuova idea di salute di Politerapica:

  • prestazioni medico specialistiche erogate da professionisti di alto livello
  • senza liste di attesa
  • a condizioni accessibili
  • al centro dell’attenzione del team multidisciplinare

 

Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93.
Per informazioni e appuntamenti: tel. 035.298468

28 Dicembre 2020
Si chiude il 2020

Si chiude il 2020. Noi di Politerapica lo abbiamo vissuto in una posizione un po’ particolare: quella delle strutture sanitarie di territorio nella bergamasca. Emergenza meningococco, emergenza coronavirus, aperture, chiusure, malattie e anche peggio, ad ondate successive.

Si chiude il 2020, un anno strano e durissimo che ha visto Politerapica e i suoi professionisti protagonisti – forse come mai – dell’attenzione alla Salute sul territorio. Da subito.

Si chiude il 2020 e ora vogliamo provare a raccontarlo così come lo abbiamo vissuto noi.

Gennaio, la meningite

Lo ricordate tutti Gennaio e l’emergenza da meningococco. C’era il panico tra la gente ma non era questo il problema. Il problema era che il meningococco c’era davvero. Lo avevamo qui, sotto casa nostra, in particolare nella zona nord-orientale della provincia, vicinissimo a noi e alla nostra sede.

Non ci siamo tirati indietro. Non ci abbiamo pensato tanto. Non abbiamo neppure fatto piani particolari. Ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo lavorato. Subito. Di corsa. A testa bassa. Centinaia di vaccini, concentrati in poche settimane, per persone che avevano un solo pensiero: fare in fretta. Adulti, bambini, intere famiglie. E qui dobbiamo menzionare Carla Volpi – segretaria, Silvia Cavedon – infermiera e Marta Guerini – ostetrica. Se abbiamo retto l’urto lo dobbiamo a loro.

Stavamo affrontando la crisi del meningococco mentre cercavamo di riordinare le fila delle nostre attività principali. Nel frattempo dovevamo svolgere un enorme lavoro che non si vedeva da fuori ma che toccava il cuore stesso di Politerapica: la riorganizzazione della gestione amministrativo/finanziaria dell’azienda. E qui dobbiamo menzionare Donatella Alessandra Bonacina – impiegata. Se quel lavoro è stato fatto in modo corretto, pure in quelle condizioni, lo dobbiamo a lei.

Febbraio, il coronavirus alle porte

Stava accadendo tutto questo e è piombata sul Mondo la pandemia da Coronavirus. Bergamo investita nel modo più violento. Le nostre zone, ancora una volta, in modo particolare. Questa volta il panico è stato più forte di qualsiasi altra cosa. Avevamo colleghi malati e colleghi spaventati. Soprattutto spaventati lo erano i pazienti.
Non uscivano più di casa. Avevano paura di venire a fare le terapie.

Per la prima volta in oltre 11 anni di vita, abbiamo chiuso. Nel silenzio di un pomeriggio di Marzo, abbiamo deciso di interrompere tutte le attività. Ma non abbiamo con questo smesso di agire.

Ancora Carla, Donatella, Marta e Silvia, lo staff pulsante della nostra struttura. Con loro e col Dott. Pietro Agostini – il nostro Direttore Sanitario – abbiamo continuato a ragionare, valutare, pianificare fin quando il 3 Maggio abbiamo riavviato le attività medico-specialistiche, applicando regole di sicurezza stringenti.

Sierologici e tamponi

Di nuovo ci siamo ritrovati immersi in un altro ciclone che ci avrebbe accompagnato per tutti i restanti mesi dell’anno e che proseguirà probabilmente ancora per alcuni mesi del 2021: quello dei test sierologici e dei tamponi per la diagnosi del Covid-19.

Il territorio ne aveva bisogno. Noi c’eravamo. Tra la gente, nelle sedi comunali e in Politerapica. Un lavoro la cui qualità ci è stata riconosciuta ed è stata apprezzata da tutti, oltre che cercata da molti.

E poi a Giugno abbiamo riavviato le attività riabilitative.  Ci siamo ritrovati a rimettere insieme i pezzi uno per volta. Uno specialista dopo l’altro, un terapista dopo l’altro. Anche senza specialisti che avevano preferito lasciarci perché da noi, nelle nostre zone, si prendeva il virus.

Un pezzo per volta.

Vicino alla gente, vicino alle istituzioni, ritornando alla nostra missione aziendale mentre continuavamo a  sostenere l’impatto del Covid mentre affrontavamo e sostenevamo la seconda ondata. Abbiamo rappresentato – e continuinamo a farlo – un riferimento per i cittadini che trovano difficoltà ad accedere alle strutture pubbliche ancora sotto pressione.

Un pezzo per volta per metterne insieme molti:

Convenzioni e comunicazione

Politerapica è Medicina Vicina, vicina alle persone e al territorio. Non abbiamo smesso di esserlo quest’anno. Anzi, abbiamo lavorato per essere ancora più vicini e accessibili.

Abbiamo stipulato

  • 10 convenzioni – diverse su richiesta ricevuta da parte loro! – con gruppi assicurativi, aziende del territorio e associazioni sportive
  • 2 convenzioni con associazioni di pazienti
  • 1 convenzione con l’ASST Bergamo Est per le attività del loro ambulatorio di anatomia patologica

E poi, abbiamo…

A Gennaio
organizzato un ciclo di incontri con il Comune di Pedrengo per la popolazione sull’educazione alla salute.

A Febbraio
riavviato le attività di Logopedia con Federico Favini

A Marzo
potenziato il team di Fisioterapia con l’arrivo di Camilla Mazzoleni

A Maggio

A Giugno

Proseguendo…

A Luglio

  • ci siamo dotati di
    • nuovo ecografo in aggiunta a quello già in uso
    • defibrillatore
  • sistema di video-fibrolaringoscopia
    e abbiamo avviato questa attività in Politerapica con la Dott.ssa Brevi

Ad Agosto
è arrivata la Dott.ssa Clara Gargasole, Ginecologa (e subito si è formata la coda!)

A Settembre

A Ottobre
potenziato l’attività di Massoterapia con l’inserimento di Stefania Uberti

A Novembre

  • ulteriormente potenziato l’attività di Massoterapia con l’inserimento di Kevin Miraglia
  • gestito con LILT Bergamo Onlus la campagna Nastro Azzurro per la prevenzione del cancro della prostata: 167 adesioni!

A Dicembre
definita una convenzione con l’ASST Papa Giovanni XXIII per la collaborazione della

Si chiude il 2020

Un anno molto particolare. Un pezzo per volta lo abbiamo vissuto con i nostri pazienti, i nostri amici, i molti che con noi lavorano giorno dopo giorno in struttura e sul territorio.

Con loro crediamo di avere fatto un buon lavoro. Lo diciamo senza falsa modestia e, allo stesso tempo, senza particolari entusiasmi. Abbiamo fatto qualcosa di cui crediamo che possiamo essere soddisfatti.

A loro, ai nostri professionisti, ai nostri collaboratori va un pensiero di affetto e di gratitudine mentre ritorniamo sui dodici mesi trascorsi. A tutti voi vogliamo fare i più cari auguri perché possano avere la fortuna di vivere momenti di serenità nell’anno che sta per iniziare.

 

17 Dicembre 2020
Neurologa in Politerapica

Una nuova Neurologa in Politerapica. E’ la Dott.ssa Maria Grimoldi che inizierà la sua collaborazione con la nostra struttura il 1° Gennaio. Si tratta di un’attività regolata da una convenzione stipulata tra Politerapica e l’ASST Papa Giovanni XXIII. La Dott.ssa Grimoldi, infatti, collabora da tempo con la prestigiosa struttura sanitaria e ospedaliera bergamasca.

Ottima preparazione

La Dott.ssa Maria Grimoldi si è laureata in Medicina e Chirurgia nel 2012, presso l’Università Milano – Bicocca, col massimo dei voti e la lode. La tesi indicava già quale sarebbe stato il suo futuro professionale: “Valutazione degli effetti di GW3965 in un modello animale acuto di sclerosi multipla”.

Presso lo stesso ateneo, si è specializzata in Neurologia nel 2018, ancora col massimo dei voti e la lode. Anche in questa occasione, la tesi che ha preparato è stata particolarmente impegnativa: “Sindrome post-finasteride: uno studio clinico”.

Nelle due circostanze, ha lavorato con clinici di altissimo livello: Prof. G. Cavaletti, Prof. R. C. Malcangi, Dott.ssa R. Rigolo.

Dal 2012 al 2018 è stata impegnata in diversi studi clinici e ha partecipato a diversi congressi, riuscendo a trovare il tempo per contribuire a diverse pubblicazioni scientifiche.

Esperienza professionale e umana

La Dott.ssa Grimoldi lavora presso la U.O.C. di Neurologia dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII. Qui è impegnata in un reparto di eccellenza che, come si legge nel sito dell’ASST, si occupa della diagnosi e della cura di tutte le patologie del sistema nervoso centrale e periferico. L’Unità Operativa utilizza strumentazione avanzata in fase diagnostica e terapeutica.

In particolare, la Dottoressa si occupa di sclerosi multipla, ambito della Neurologia cui ha dedicato particolare attenzione durante il corso di studi e nella sua attività professionale.

Professionista con una grande preparazione e persona dalle spiccate capacità umane, si fa apprezzare dai pazienti per il modo in cui si occupa dei loro bisogni. Attenta, sensibile, disponibile, prende in carico la persona e non la malattia e la segue lungo il percorso di guarigione con grande delicatezza e cura.

La Dott.ssa Maria Grimoldi in Politerapica

In Politerapica, la Dott.ssa Grimoldi erogherà prestazioni specialistiche di Neurologia. Un’attività che prevede anche l’avvio di progetti specifici su cui stiamo già facendo delle valutazioni insieme.

 

Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93.
Per informazioni e prenotazioni: Tel. 035.298468

18 Settembre 2018

18.9.2018 – Bergamo TV ospita Politerapica con l’Assessorato alle Politiche Sociali di Seriate.
Vi presento il Sig. Parkinson – V
ideo

In studio:

  • Cristina Rizzetti
    Neurologo Parkinsonologo
    Responsabile U.F.A. Riabilitazione Parkinson, Ospedale S. Isidoro – FERB Onlus di Trescore Balneario  Responsabile Ambulatorio Multidisciplinare Parkinson – Presa in Carico e Riabilitazione di Politerapica
  • Gabriele Cortesi
    Vice Sindaco e Assessore alle Politiche Sociali di Seriate
    Presidente Ambito Territoriale di Seriate
  • Pasquale Intini
    Direttore di Politerapica

 

19 Marzo 2018

Ci sono novità che possono rappresentare una pietra miliare: inizia la collaborazione di Maria Cristina Rizzetti – Neurologa con Politerapica nell’ambito del progetto Medicina Vicina. Con l’arrivo di Cristina Rizzetti prenderà avvio, tra breve, l’Ambulatorio di Riabilitazione del Parkinson.

Laureata in Medicina e Chirurgia, nell’Ottobre 2001, presso l’Università di Brescia, la Dott.ssa Cristina Rizzetti ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Neuroscienze, nel Dicembre 2005, presso lo stesso Ateneo, dove si è poi specializzata in Neurologia, a pieni voti.

Medico entusiasta e profondamente convinta della sua scelta professionale, cui attribuisce un’importante valenza etica, la Dott.ssa Rizzetti ha maturato significative esperienze in ambito Neurologico, con particolare riferimento allo studio e alla cura del morbo di Parkinson, presso l’Università di Brescia, la Casa di Cura Quarenghi di San Pellegrino Terme – BG e presso la Fondazione Europea per la Ricerca Biomedica FERB Onlus – Ospedale S. Isidoro di Trescore Balneario – BG.

Attualmente, Cristina Rizzetti ricopre i ruoli di

  • Responsabile U.F.A. – Unità Funzionale Autonoma di Riabilitazione del Parkinson
  • Responsabile Ambulatorio Parkinson

presso la FERB Onlus – Ospedale S. Isidoro di Trescore Balneario.

Un bagaglio professionale di tutto rispetto che si unisce a caratteristiche umane non meno importanti: allegra, vivace, attenta ai suoi pazienti (che considera nella loro dimensione di persona e non in quella di malato) e ai componenti del mondo che li circonda (familiari, assistenti…), riesce a stabilire rapporti personali fondati sulla fiducia, l’empatia e il coinvolgimento, aumentando così notevolmente l’efficacia dei suoi interventi.

In Politerapica, nell’ambito del progetto Medicina Vicina, la Dott.ssa Rizzetti si focalizza sul Parkinson, eseguendo visite specialistiche di valutazione e impostazione dei piani riabilitativi e visite di controllo di controllo. Coordinerà anche la costituzione e gestione dell’Ambulatorio di Riabilitazione del Parkinson con la diretta collaborazione dei Fisioterapisti e con il coinvolgimento delle figure professionali che andranno a comporre la nostra équipe multidisciplinare.

Per informazioni e appuntamenti:
Segreteria Politerapica – Tel. 035.298468