fbpx

Tag: Bambino

22 Settembre 2022
La Dott.ssa Roncalli sulla salute perinatale

La Dott.ssa Marta Roncalli, Psicologa in Politerapica, è intervenuta sul tema della salute perinatale a Bergamo TV. Parliamo di un argomento di rara delicatezza e di pari importanza. Il periodo perinatale, infatti, rappresenta una fase essenziale per la vita del bambino e dei genitori. E pure della famiglia allargata, quella che comprende gli eventuali fratellini e sorelline, i nonni e le persone care intorno alla nuova vita.

Ci riferiamo al periodo che va da prima del concepimento al terzo anno di vita. Il progetto, l’attesa, l’accoglienza e l’accudimento. La convivenza con una nuova condizione. In queste fasi tutto può fare la differenza. Qui si struttura il bambino che è il futuro adulto.

Di tutto questo ha parlato in modo leggero ma preciso, chiaro e sereno, la Dott.ssa Roncalli, ospite della trasmissione Fattore Bergamo. La Salute di Bergamo TV. Con il conduttore, Alberto Ceresoli, la nostra Psicologa ha raccontato bene e in modo semplice qualcosa che potrebbe essere, invece, assai complesso. E ha fornito anche indicazioni concrete su come affrontare questo periodo e sulla disponibilità di trutture sul territorio chiamate a sostenerlo. Tredici minuti che volano via in un attimo.

Qui il video completo:

La Dott.ssa Roncalli sulla salute perinatale

L’ha raccontata bene la salute perinatale, la Dott.ssa Marta Roncalli. E il Direttore de l’Eco di Bergamo, Alberto Ceresoli, che, come dicevamo, conduceva la trasmissione, pareva quasi travolto dall’entusiasmo con cui la Dottoressa esponeva. Entusiasmo e simpatia messi a disposizione di un argomento difficile ma così, Marta Roncalli è riuscita a renderlo semplice e comprensibile a tutti.

Ha spiegato cosa si intenda per periodo perinatale e ha raccontato cosa succede in questa fase al bambino e ai genitori. E pure al resto della famiglia e ai loro cari. Compresi i nonni, ovvio!

E parlando del bambino ha spiegato quanto sia necessario riferirsi anche a quella parte di vita che trascorre in utero. La capacità del feto di percepire il mondo circostante e l’utilità per i futuri genitori di porsi in relazione con lui già in quella fase.

E poi…

E poi sarebbe troppo lungo raccontare. Pensiamo soprattutto che non saremmo capaci di farlo come lo ha saputo fare la Dott.ssa Roncalli. Non riusciremmo a farlo per quanto riguarda i contenuti e non riusciremmo certo per quanto riguarda la chiarezza e i modi. Rovineremmo il suo lavoro, insomma, e sarebbe un peccato visto che è stato proprio un bel lavoro.

Non resta che guardare il video!

 

 

27 Ottobre 2021
Corso di Primo Soccorso pediatrico

Parte il corso di Primo Soccorso pediatrico in Politerapica. Sono due incontri per imparare ad affrontare con serenità e lucidità gli eventuali guai del nostro piccolo. Il corso è diviso in una parte teorica e in esercitazioni pratiche.

Scarica il volantino del corso: Volantino corso primo soccorso – Autunno 2021

Corso di Primo Soccorso pediatrico

Il corso è rivolto a genitori, nonni, zii, baby sitter e a chiunque si curi di bambini. Frequentando il corso non diventeranno specialisti di medicina di urgenza. Porteranno a casa informazioni utili su come affrontare problemi e incidenti nella vita quotidiana. Compreso il caso di ingestione di un corpo estraneo. Tra i temi trattati, infatti, c’è anche quello delle manovre di disostruzione delle vie aeree.

Durante i due incontri, si porrà attenzione sulla prevenzione degli incidenti e sulle tecniche base di primo soccorso. Insieme a queste, come già detto, si affronterà il tema della disostruzione delle vie aeree e quello della rianimazione cardio polmonare. Anche con esercitazioni pratiche. Per queste verranno usati manichini certificati.

Il corso di primo soccorso pediatrico è tenuto dal Dott. Paolo De Lia, infermiere e istruttore BLSD insieme alla Dott.ssa Marta Ada Guerini, Ostetrica.

Gravidanza e neonatalità in Politerapica

Una delle quattro aree di attività di Politerapica è quella rivolta al sostegno e alla cura, quando necessario, nel periodo della gravidanza e neonatalità. In questa area si concentrano iniziative che propongono modi sani e sereni di vivere questa fase. Tutte un po’ speciali, basate sulla visione che abbiamo noi della persona e della salute. Consideriamo la salute una condizinoe di benessere fisico, psichico e sociale. Riteniamo che la persona debba essere considerata nella sua pienezza di mente, corpo e relazioni. Soprattutto quelle affettive. Anche in gravidanza. Anche quando si è ancora piccoli.

In questo momento, si sta svolgendo il corso di accompagnamento alla nascita. Sono nove incontri, uno durante la gravidanza e uno dopo la nascita. E’ rivolto ad entrambi i genitori perché una nascita non è faccenda che riguardi uno solo. E’ tenuto da un’ostetrica e da una psicologa perché l’attesa, il parto e il ritorno a casa non sono solo questioni fisiche. Intorno e in mezzo a loro c’è tutta la dimensione affettiva.

Sta partendo anche il corso di massaggio infantile per genitori di bimbi da 0 a 12 mesi. Sono cinque incontri a frequenza settimanale che si tengono il sabato mattina per permettere ai due genitori di esserci. E’ tenuto da un insegnante certificata A.I.M.I.  Associzione Italiana Massaggio Infantile.

Per la salute della donna e del bambino insieme al papà

Lavoriamo con attenzione per la salute della donna e del bimbo, in Politerapica. Il bimbo quando è nato e quando è ancora in grembo. Sempre con il papà. Tra i nostri specialisti, ci sono il pediatra, la ginecologa e il chirurgo pediatrico. Con loro, la psicologa. E poi l’ostetrica. Lavorano insieme, intorno alla persona. La grande e la piccina.

Per il bimbo, abbiamo l’Ambulatorio multidisciplinare Chirurgia Pediatrica. Lavoriamo per le eventuali disfunzioni ma anche per l’incontinenza e l’enuresi pediatrica.

Per la mamma, prestiamo molta attenzione alla salute del suo pavimento pelvico, prima, durante e dopo la gravidanza. Lo facciamo con la ginecologa, gli urologi, il proctologo, la psicologa e l’ostetrica. Ancora insieme. Ancora intorno alla persona.

 

Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93.
Per informazioni e prenotazioni, tel. 035.298468

22 Ottobre 2021
Corso di massaggio infantile per genitori

Parte il primo corso di massaggio infantile per genitori, in Politerapica. Lo tiene la Dott.ssa Valeria Perego, Insegnante abilitata da A.I.M.I. – Associazione Italiana Massaggio Infantile.

Il massaggio del bambino non è una tecnica. E’ innanzitutto un modo di stare con il proprio bambino e di stare in relazione con lui. Un modo cercato attraverso il contatto che è una modalità relazionale per la quale i neonati sono predisposti.

Vai al documento con tutti i dettagli: Corso massaggio infantile – Politerapica – 18.10.2021
Vai alla locandina dell’iniziativa: Volantino massaggio infantile – Autunno 2021

Il massaggio del bambino

La pratica del massaggio al bambino è un’antica tradizione presente nella cultura di molti Paesi. Da qualche decennio si sta espandendo anche nel mondo occidentale. L’evidenza clinica e recenti ricerche hanno confermato il suo effetto positivo sullo sviluppo e sulla maturazione del bambino a diversi livelli. Si tratta di una pratica semplice che ogni genitore può apprendere facilmente. E’ flessibile e si può adattare alle esigenze del bambino, fin da piccolo e durante le diverse fasi della sua crescita.

Una pratica con molti benefici

Con il massaggio si può accompagnare, proteggere e stimolare la crescita e la salute del bambino. Il massaggio è un mezzo privilegiato per comunicare ed essere in contatto con lui. Per un genitore massaggiare il proprio bambino è un’occasione per stare insieme, conoscersi, scambiare affetto, avere cure, giocare, esprimere emozioni.

“Per i bambini piccoli, essere portati, cullati, accarezzati, essere tenuti, massaggiati, sono tutti nutrimenti indispensabili, come le vitamine, i sali minerali e le proteine, se non di più. Se viene privato di tutto questo e dell’odore, del calore e della voce della madre che conosce bene, il bambino, anche se gonfio di latte, si lascerà morire di fame”. F. Leboyer

Corso di massaggio infantile per genitori

Il massaggio infantile è un’esperienza di contatto profondo tra genitori e bambino che favorisce il rilassamento di entrambi. Questo è dimostrato anche da recenti studi. Hanno rilevato come i livelli di cortisolo (ACTH), ormone prodotto in presenza di stress, si riducano attraverso il contatto. Il massaggio favorisce anche la produzione di ossitocina e prolattina che sono essenziali per la sopravvivenza del cucciolo e per rinforzare l’attitudine del prendersi cura nell’adulto. Infine, è un’esperienza che favorisce il legame di attaccamento e rafforza la relazione genitore-bambino.

Stanno bene bambini e genitori

Gli effetti di benessere che il massaggio produce nel bambino sono diversi. Stimola, fortifica e regolarizza i sistemi circolatorio, respiratorio, muscolare, immunitario e gastro-intestinale. Lo aiuta a scaricare e dare sollievo alle tensioni provocate da situazioni nuove, stress o piccoli malesseri. Può prevenire e dare sollievo al disagio provocato dalle coliche gassose. Può rivelarsi un buon sostegno nei disturbi del ritmo sonno-veglia. Favorisce la conoscenza delle varie parti del corpo sostenendo lo sviluppo dell’immagine di sé. Insegna a rispondere alle situazioni di stress con il rilassamento.

Oltre ai benefici per i bambini, il massaggio si rivela una grande opportunità per i genitori. Da questa esperienza infatti possono imparare molto. Possono imparare ad ascoltare il proprio bambino attraverso il contatto. Comprendere cosa piace e non piace al proprio bambino. Capire come assecondarne i ritmi di distacco e di rinnovato contatto e come rispettarlo nella sua corporeità, imparando che “nonostante sia il proprio bambino, è anche e soprattutto, altro da sé”.

Possono imparare ad osservare i cambiamenti che caratterizzano la crescita del proprio figlio e a sostenerlo nelle fasi di crisi che anticipano gli stacchi evolutivi. Comprendere alcuni messaggi, non sempre chiari, che arrivano dai bambini. Conoscere meglio il proprio bambino, osservando i suoi ritmi, i suoi bisogni, le sue competenze. Capire come sostenere, riequilibrare, approfondire la relazione genitori-figli.

Farlo in coppia è meglio

Abbiamo detto che il massaggio non è una tecnica ma un modo di stare in relazione. Per questo essere massaggiati da mamma o papà per un bambino non è la stessa cosa. Partecipare ad un corso di massaggio insieme può essere una bella esperienza da condividere in famiglia. Non solo: regala al bambino la possibilità di essere massaggiato da entrambi i genitori, sperimentando modi diversi di essere massaggiato anche per intensità e tocco.

Corso di massaggio infantile per genitori in Politerapica

Il corso di massaggio infantile in Politerapica è dunque rivolto ai due genitori di bambini da 0 a 12 mesi. E’ strutturato in cinque incontri a frequenza settimanale. Si tengono il Sabato mattina, dalle 10,00 alle 11,30 presso la sede di Politerapica, a Seriate, in Via Nazionale 93. Ogni incontro dura un’ora e mezza.

In ciascun incontro l’insegnante A.I.M.I. propone la sequenza di massaggio di una parte del corpo. In ogni incontro quindi si apprende una parte nuova e verrà rivista la sequenza appresa fino a quel momento. Negli incontri è previsto anche un momento teorico e di scambio tra genitori e tra insegnante e genitori.

Naturalmente, gli incontri si tengono nel rispetto della normativa sulle misure contro il Covid.

 

Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93.
Per informaioni e prenotazioni: tel. 035.298468

16 Giugno 2021
Sergio Clarizia spiega l

Dott. Sergio Clarizia spiega in modo chiaro cosa sia l’acetone nei bambini. Nell’ultimo numero di Bergamo Salute, Elena Buonanno intervista il nostro Pediatra su questo argomento. Il Dott. Clarizia chiarisce già nelle prime righe che “si tratta di una condizione passeggera”. E aggiunge che è “quasi sempre responsabile di un disturbo lieve che si risolve rapidamente, senza procurare particolari fastidi al piccolo”.

Vai all’articolo: Bergamo Salute – MaggioGiugno 2021 – Dott. Clarizia su Acetone

L’acetone

Sergio Clarizia ha una lunghissima attività professionale alle spalle. Si rimane colpiti dalla lettura del suo curriculum. Ha maturato esperienze e acquisito competenze di notevole livello sia in ambito nazionale che internazionale. Non ha certo difficoltà a riferire un discorso che probabilmente ha sentito migliaia di volte. “Dottore, il bambino sta male, dice di avere mal di testa, è stanco, sono due giorni che non mangia nulla, vomita qualsiasi cosa metta in bocca e poi ha un alito terribile: sa di frutta troppo matura”.

Dice che “capita spesso che un genitore porti dal pediatra il bambino riferendo questi sintomi”. Sono sintomi allarmanti solo all’apparenza. Aggiunge infatti che , all’apparenza allarmanti. Aggiunge infatti che “nella maggior parte dei casi si rivelano non particolarmente preoccupanti e legati a chetosi, meglio nota con il nome di acetone”.

L’acetone è una risposta dell’organismo per far fronte alle proprie necessità energetiche. Quando ha già bruciato tutti gli zuccheri a disposizione, comincia a bruciare anche i grassi. Questo può capitare “durante un episodio febbrile, in un momento di particolare stress, o dopo un digiuno prolungato. Queste condizioni comportano un dispendio di energia e inducono l’organismo ad aumentare la richiesta di glucosio, fonte energetica di organi come cervello e cuore. Quando il metabolismo, per produrre energia, esaurisce le riserve fornite dagli zuccheri, intervengono i grassi. Durante questo processo si formano delle sostanze chiamate corpi chetonici”. I corpi chetonici emanano un “inconfondibile odore di acetone, simile a quello della frutta matura, nelle vie aeree e nelle urine”.

Sergio Clarizia spiega l’acetone nei bambini

Dopo avere spiegato cosa sia l’acetone, il Dott. Clarizia spiega in modo approfondito quali siano i suoi sintomi. Racconta della possibilità di febbre e di vomito. Prosegue dicendo che possono comparire anche “nausea, mal di pancia, pallore, sonnolenza, mal di testa, occhiaie e da una evidente “patinatura” che si forma sulla superficie della lingua, che appare asciutta e di colore bianco-giallastro”.

Si tratta di una condizione che non deve comunque allarmare. I rimedi sno semplici e alla portata di tutti. “In caso di neonati, bisogna offrire al bebè un biberon di acqua e zucchero per ripristinare le riserve dell’organismo. Questo rimedio serve anche a evitare episodi di vomito”. Possono andare bene anche “camomilla o tè deteinato zuccherati o dolcificati con il miele”. Se il bimbo “ha già iniziato lo svezzamento, è consigliabile dargli da mangiare della pastina o crema di riso o una patata schiacciata. Dopo l’anno di età si possono offrire al bambino anche i grissini all’acqua o i biscotti per l’infanzia. Sono poi da preferire alimenti come il pesce e le carni bianche”.

E il pediatra?

Spiega il Dott. Sergio Clarizia che l’acetone nei bambini non è una malattia. Di solito si risolve senza bisogno di medicine. La crisi di solito non dura più di 2-3 giorni. Una volta superata, il bambino può tornare all’alimentazione abituale.

E’ opportuno far visitare il bimbo dal pediatra se l’acetone persiste per più di 2-3 giorni. Il ricorso al dottore è utile in modo particolare se c’è anche vomito, mal di pancia o febbre. “Lo specialista può prescrivere un’analisi delle urine e del sangue per verificare l’eventuale presenza di corpi chetonici. Si tratta di semplici test eseguibili anche a casa. Basta immergere le apposite strisce reattive o gli stick (in vendita in farmacia) direttamente nell’urina: se cambiano colore, vuol dire che sono presenti i corpi chetonici. In questo caso il pediatra indicherà l’alimentazione da seguire”.

Il Dott. Sergio Clarizia

Il Dott. Clarizia collabora con Politerapica da quando la struttura ha avviato le sue attività nel 2008. E’ stato per noi lo specialista di riferimento per la medicina pediatrica. Ha partecipato a molte iniziative di Politerapica per contribuire alla diffusione di una corretta educazione alla salute sul territorio. La sua presenza ad incontri pubblici, organizzati nel corso degli anni con diverse amministrazioni comunali, è stata preziosa. Il suo intervento in convegni pubblici organizzati da Politerapica ha portato ogni volta un contributo qualificante all’iniziativa. E’ sempre disponibile ad essere presente in radio, in televisione e sulla carta stampata.

La sua modalità narrativa è pacata e concreta. Sa di cosa parla. Si sente che lo ha imparato sul campo, giorno dopo giorno.

Dal 2014, ha aderito con entusiasmo al progetto Medicina Vicina, la nuova idea di salute di Politerapica. Professionisti di grande livello che visitano senza liste di attesa, a condizioni accessibili. Non solo: Medicina Vicina è anche lavoro di équipe. Gli specialisti lavorano insieme, intorno al paziente. Presso di noi, il Dott. Clarizia eroga prestazioni di Pediatria e di Allergologia.

 

Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93.
Per informazioni e appuntamenti, si può contattare la Segreteria di Politerapica, al numero 035.298468.

 

 

 

 

5 Maggio 2021
Partito il corso per le coppie in attesa

E’ partito il corso per le coppie in attesa in Politerapica. Un corso un po’ particolare:

  • in coppia
    perché una nascita non è solo “questione di donne”
  • in gruppo di coppie
    perché insieme ci si racconta, ci si confronta e si impara, si scopre che “non si è i soli”
  • con tre professioniste – due ostetriche e una psicologa perinatale, insegnante di massaggio infantile
    perché la nascita non è solo una questione pratica ma ha una grande importanza emotiva
  • otto incontri prima del parto
  • un incontro dopo la nascita
    per incontrarsi di nuovo, raccontrarsi e condividere il ritorno a casa

Gli incontri si tengono

  • una volta alla settimana
  • alle 18,30 del Mercoledì
  • due ore per ogni volta

L’obiettivo è quello di vivere serenamente insieme

  • Gravidanza, travaglio e parto
  • Allattamento
  • Puerperio
  • Cura del neonato
  • Vita di coppia

Questo è il nostro corso Accompagnamento di coppia alla nascita che è iiniziato il 21 Aprile scorso.

Grande entusiasmo dei partecipanti

E’ partito il corso per le coppie in attesa in Politerapica. Future mamme e futuri papà stanno partecipando con divertimento ed entusiasmo. Hanno scoperto un modo nuovo per prepararsi alla nascita e all’arrivo di un nuovo membro nella famiglia. Parlano, ascoltano. Fanno esercizi, si confrontano. Riescono a fare allegramente cose serie.

Hanno scoperto, per esempio, quanto il bambino ancora in utero – il feto – sappia già vedere e ascoltare. Sì, perchè il feto sa già riconoscere i genitori e si mette a modo suo in relazione con loro. L’esercizio per i papà, a quel punto, è stato quello di disegnare il bambino, così come lo immaginano, sulle pance delle mamme. Ne è venuta fuori una cosa divertentissima. Lo potete vedere anche voi dalle immagini qui sotto. Certo rimane la domanda: ma i papà che idee si fanno del loro bambino?

Gli incontri di accompagnamento alla nascita del nostro corso offrono l’opportunità di conoscere e incontrare altri futuri genitori che stanno attraversando la stessa esperienza e che stanno vivendo le stesse emozioni ma forse con gli stessi dubbi. Il confronto con gli altri aiuta a vivere più serenamente il particolare momento che ognuno sta vivendo.

Attenzione pure al dolore

E’ partito il corso per le coppie in attesa in Politerapica e sta procedendo proprio bene. Certo, i bambini sono sempre nati senza bisogno di corsi pre-parto. Da quando la specie umana è comparsa sul Pianeta Terra, si è riprodotta senza bisogno di leggere libri e di frequentare lezionio. E’ però ormai assodato che le donne che frequentano un corso di preparazione, vivono meglio e in modo più sano l’esperienza della nascita per sé e per il bambino. Pare, infatti, che siano a minor rischio di ricorrere a (o ripetere) un parto cesareo e che richiedano meno l’uso di analgesici.

Nel nostro corso parliamo di emozioni e parliamo di cose pratiche. La gestione della gravidanza e la preparazione al parto dal punto di vista fisico. La mamma e il bambino. Sicuramente anche il papà. Il parto è un momento straordinario. Una condizione eccezionale che porta una nuova vita all’interno del nucleo familiare. Certo, quando si parla di dolore del parto, il papà continua ad avere un ruolo importante ma è la mamma a diventare la protagonista principale. Con tutti e due, parliamo delle strategie per affrontarlo e per gestirlo. Oggi ce ne sono diverse e molto efficaci.

Poi… tutti gli altri temi, ovviamente. Gravidanza e attesa sono moltissime cose. Le guardiamo insieme e insieme impariamo a riconoscerle e poi a gestirle, a prendercene cura.

Il corso per le coppie in attesa è utile anche dopo il parto

Anche dopo il parto, i comportamenti delle mamme che si sono formate pare siano diversi: allattano al seno più precocemente e per più tempo, sono a minor rischio di vivere disagi emotivi nel dopo-parto e hanno maggiori informazioni sulla contraccezione.

Insomma, prepararsi alla nascita e prepararsi bene aiuta mamma, papà e bambino e pure fratellini, se ci sono. Farlo poi in allegria e condivisione, diventa ancora più efficace.

E’ partito il corso per le coppie in attesa in Politerapica

Il momento dell’attesa di un figlio non è un momento di grande cambiamento solo per la donna. E’ un momento di notevole importanza per la coppia. L’importanza dell’attesa durante la gravidanza, certo, ma anche quella del passaggio da coppia a genitori. Cambia la vita di ognuno e cambia la relazione. Di più: nascono delle relazioni nuove. Quelle di ognuno dei due verso il nuovo nato e quelle dei due, insieme, verso di lui.

Se questa è una condizione particolarmente delicata in occasione del primo figlio, non è meno ricca di novità ed incognite con i figli successivi. Relazioni che inevitabilmente non possono essere più le stesse, quelle con i figli precedenti, con in più la necessità di ricoprire un ruolo di mediazione nella relazione tra loro e il nuovo nato.

Ancora torniamo sul fatto che non siamo di fronte ad una questione che investe solo uno dei partner. Una nuova nascita investe l’insieme della relazione di coppia e familiare. Prepararsi in due, dunque, è il modo migliore per affrontare al meglio un passaggio dopo il quale nulla sarà più come prima. In meglio o in peggio, dipende in grossa parte dagli attori principali: i due partner, appunto.

 

Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93.
Per informazioni e iscrizioni, tel. 035.298468

28 Aprile 2021
Quattro patrocini per la chirurgia pediatrica

Quattro patrocini per la chirurgia pediatrica in Politerapica. Forse, lo abbiamo scritto in un modo non molto chiaro. Lo scriviamo meglio: quattro prestigiosi enti hanno concesso il patrocinio all’Ambulatorio Chirurgia Pediatrica – Presa in carico di Politerapica. Sono:

31 Gennaio 2021
Ambulatorio del bambino in Politerapica

Ambulatorio del bambino in Politerapica. Per essere più precisi: Ambulatorio Uro-Gastro-Intestinale del bambino. Naturalmente multidisciplinare perché in Politerapica si fa così, anche coi bambini. Ne fanno parte

26 Gennaio 2021
Valeria Perego Psicologa

La Dott.ssa Valeria Perego, Psicologa, inizia la sua collaborazione con Politerapica. Presso di noi, si occuperà in particolare di sostegno alla gravidanza, neogenitorialità e infanzia. Lavorerà anche con gli altri professionisti dell’area psicologica, in Politerapica, per sviluppare attività per questa fondamentale parte della salute umana.

3 Febbraio 2019

E’ di Sabato 26 Gennaio l’articolo dedicato all’Ambulatorio Multidisciplinare per le problematiche urogenitali e intestinali del Bambino – Presa in carico, cura e riabilitazione. Lunedì 28 già si susseguivano le telefonate ini Politerapica per fissare gli appuntamenti.

24 Gennaio 2019

Le problematiche funzionali e malformative, urogenitali e intestinali, in età pediatrica, di cui l’incontinenza fa parte, sono un problema serio che deve esseree trattato in modo serio.

In Politerapica nasce

Ambulatorio Multidisciplinare
per le problematiche urogenitali e intestinali del Bambino.
_______________________________________

Presa in carico, cura e riabilitazione.