fbpx

Tag: Covid

3 Aprile 2021
Gli auguri nella seconda Pasqua nel Covid

Gli auguri nella seconda Pasqua nel Covid possono sembrare strani. Possono sembrare stonati a chi li riceve e a chi li fa.

E un anno fa

Eravamo nel pieno della pandemia, tutto taceva, un silenzio irreale circondava le vite di tutti noi. Per chi abita nei paesi, l’unico suono era quello degli uccelli. Non si sentiva neppure più l’abbaiare dei cani: non c’era nessuno in giro contro cui lanciare i latrati di guardia. Nelle città, a rompere il silenzio c’erano anche le sirene delle ambulanze. Tante. Un suono, un ritornello ripetuto quasi in continuazione nelle vite di chi abitava nei pressi degli ospedali con pronto soccorso. Nelle case l’angoscia per quei cari portati via dagli uomini e dalle donne del soccorso e che non si sapeva se sarebbe stato più possibile vedere.

L’incertezza e la solitudine

In molti casi, una partenza verso il buio della morte, il vuoto del ricordo di un volto che, forse, si sarebbe potuto solo immaginare nella bara che sarebbe transitata sotto casa, in quelle rare circostanze in cui le condizioni lo avrebbero permesso, nell’ultimo tragitto verso il crematorio.

Vivevamo in una condizione ovattata, immersi nell’incertezza di ciò che sarebbe potuto essere. Appesi al destino. Saremmo riusciti a contenere il virus? Avremmo trovato il modo di difenderci? Si iniziava a parlare di vaccino ma chissà quando sarebbe stato disponibile. Intanto ognuno restava chiuso nella propria abitazione. Nei casi più fortunati, con la compagnia dei propri familiari. In molti altri, nella solitudine di un’età in cui tutti gli altri sono già andati.

Ci dicevamo che non avremmo mollato, che ce l’avremmo fatta e che ne saremmo usciti migliori.

Siamo alla seconda Pasqua

Sono cambiate molte cose e non ne sono cambiate molte altre, in questo anno. Sembra che ce la faremo ma probabilmente non siamo diventati migliori. Abbiamo avuto bisogno di cercare dei colpevoli che spiegassero la sofferenza e giustificassero il non rispetto delle regole. E’ lo sport dell’uomo: cercare un responsabile su cui proiettare le nostre paure e le ragioni delle nostre fusghe. In molti si sono scoperti esperti virologi ed economisti. E’ lo sport nazionale: scoprirsi esperti di calcio, di terremoti, di virologia e di tutte quelle cose che, di volta in volta, occupano l’attenzione dell’opinione pubblica.

La capacità di ascoltare con umiltà e senso della collettività, quella spesso non ce l’abbiamo, non è ancora diventata uno sport cui dedicarsi con la stessa passione di quelli che pratichiamo in modo assai poco probabile.

E’ arrivato il vaccino. La pandemia non è ancora finita. Abbiamo preteso che dopo il miracolòo della scoperta dei vaccini in così poco tempo, assolutamenete inimmaginabile un anno fa, fossero in sol colpo disponibile, nello stessso momento, migliardi di dosi. E che nello stesso momento fossero inoculate a tutti. Salvo, contemporaneamente, scoprirci immunologi er avere la pretesa di spiegare che questo prodotto va bene mentre quell’altro va male. L’orgia delle parole a vuoto, dei negazionisti e dei pretesi esperti, dei complottisti e di coloro che lamentano questa o quella ingiustizia, è esplosa, incontenibile, spesso alimentate in modo irresponsabile da questo o quell’esponente politico.

La pandemia non è ancora finita

Prima era silenzio, ora chiasso. Il chiasso ancora più intenso di quello gioioso che riescono a realizzare gli uccellini, nelle albe di Primavera. Ognuno detentore di una verità da affermare, dichiarare, far rimbalzare. Ognuno alla ricerca del riconoscimento, in fondo. Spettacolo triste dagli effetti pericolosi cui hanno partecipato in tanti. Troppi. Dalla gente comune, agli esponenti politici, ai giornalisti, addirittura a membri del mondo scientifico. La rincorsa alla notizia, allo scoop, all’attenzione mediatica.

Vediamo la luce in fondo al tunnel ma non è ancora finita. Molti non ci credono o non ci vogliono credere. E’ così. Mai come in questi momenti sono necessari comportamenti responsabili e la corretta applicazione delle disposizioni che vengono date. Pericolosissimo per tutti, avanzare pretese corporative sulla precedenza nelle vaccinazioni. Ne va del successo del piano vaccinale e della salute dell’intera comunità. Pare così strano ma in molti non capiscono che da questa situazione si può uscire solo tutti insieme o non si esce. E per uscirne tutti insieme bisogna necessariamente seguire un percorso disegnato su ragioni scientifiche e logiche.

Pericolosissimo anche l’abbassare la guardia. Lo strepitare contro le norme di contenimento che ancora dobbiamo seguire. Nascondersi dietro la pretesa di sapere, ognuno, quale sia la verità e trovare alibi per non rispettare quanto è ancora necessario per non ammalarsi, per non morire, per rendere ancora più difficile e lontana la soluzione.

Si dice e si ripete che si è stanchi. Qualcuno risponde che il virus non tiene conto della stanchezza delle persone. Molti si ostinano a non volerlo capire.

Gli auguri nella seconda Pasqua nel Covid possono sembrare strani

Gli auguri nella seconda Pasqua nel Covid noi li vogliamo fare. Non li sentiamo strani né stonati.

Sono rivolti ai nostri pazienti che per noi sono persone da prendere in carico nella loro interezza. Persone e non malattia che noi accogliamo e mettiamo al centro della nostra attenzione.  Perché possano trovare una medicina di qualità vicina a loro, noi siamo Medicina Vicina: prestazioni medico-specialistiche e riabilitative senza liste di attesa, a costi contenuti e erogate da professionisti di alta qualità. Soprattutto, professionisti che lavorano insieme iintorno alla persona che non si sente “rimbalzata” da una parte all’altra ma accompagnata durante tutto il percorso di diagnosi e cura.

Facciamo gli auguri anche ai familiari delle persone che si rivolgono a noi, ai loro cari, a quelli più prossimi e a quelli più lontani. A coloro che condividono la sofferenza di chi sta poco bene e partecipano con lui alla vita di tutti i giorni e alla cura.

Mandiamo i nostri auguri ai molti amici che abbiamo intorno a noi. A quelli che ci sostengono con la loro stima e la loro simpatia. Tra questi, cui sono coloro che realizzano con noi progetti e attività per la promozione dell’educazione della salute tra i cittadini. Ci sono anche quelli che non ci fanno mancare la loro attenzione e qui non possiamo non nominare l’Eco di Bergamo, il più importante organo di informazione della provincia.

Gli auguri nella seconda Pasqua nel Covid anche ai nostri professionisti

In un momento in cui le persone faticano a rivolgersi agli ospedali per le prestazioni medico-specialistiche e riabilitative, Politerapica rappresenta un punto di riferimento per il territorio e i suoi cittadini. Siamo a pert e forniamo servizi di diagnosi e cura di primo livello di notevole qualità. Lo facciamo e lo possiamo fare perché i nostri profesisonisti sono straordinari. Lo sono ssul piano professionale ma soprattutto su quello umano.

A loro, ai nostri

  • medici specialisti
  • psicologi e psicologhe
  • terapisti e terapiste
  • colleghe amministrative

mandiamo gli auguri pieni di gratitudine. Lo facciamo con l’orgoglio di avere il privilegio di lavorare con loro, con ognuno di loro.

Gli auguri nella seconda Pasqua nel Covid sono particolari.

Auguri perché ognuno possa trascorrere qualche giorno di serenità nel modo che riterrà migliore. Perché possa in questi giorni trovare un po’ di pace e un po’ di silenzio non opprimente ma libero. Auguri per il tempo che verrà poi e perché possa questo portare un po’ di benessere. Nel corpo e nello spirito.

9 Febbraio 2021
Perdita di gusto e olfatto

Perdita di gusto e olfatto. Uno dei primi campanelli d’allarme nell’infezione da Covid 19. Questo il titolo di un articolo sull’ultimo numero di Bergamo Salute. Lo cura il Dott. Sergio Signorelli, specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva, in Medicina Interna e in Geriatria e Gerontologia.

Il Dott. Signorelli è uno degli specialisti di Politerapica, dove visita come Gastroenterologo e Internista nell’ambito del progetto Medicina Vicina. Il progetto prevede

  • prestazioni specialistiche senza liste di attesa
  • erogate da professionisti di alto livello
  • a costi particolarmente accessibili

L’Ospedale degli Alpini

Lo avevamo raccontatao lo scorso 27 Aprile, in piena prima ondata Covid. Uno specialista di Politerapica all’ospedale degli Alpini, quello costruito a tempo di record presso la Fiera di Bergamo per accogliere i malati di Coronavirus. Era appunto il Dott. Signorelli.

“Un uomo e un professionista straordinario”, scrivevamo.  E spiegavamo: “Giunto alla pensione dopo una vita professionale molto intensa, non ha voluto fermarsi e ha voluto continuare a mettere a disposizione della comunità le sue competenze. Con generosità, ha cominciato subito a collaborare con Politerapica”.

Per poi aggiungere: “Subito, e con la stessa generosità, ha risposto alla richiesta di collaborare con l’Ospedale che è stato realizzato presso la Fiera di Bergamo per curare i pazienti affetti da Covid-19. Turni impegnativi di otto ore al giorno, in prima linea contro il virus. Immerso nel virus con la determinazione di non lasciarlo vincere”.

Qui ha aggiunto un’esperienza notevole a quella non meno importante che aveva maturato nei decenni di professione all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Perdita di gusto e olfatto

Quello del Dott. Signorelli, all’Ospedale della Fiera, è stato un contatto ravvicinato con il virus e con i pazienti. E lo racconta bene nell’articolo di Bergamo Salute.

“Non sento né gusto né odori” – comincia così il pezzo – “era l’esclamazione riferita da molti pazienti bergamaschi colpiti dal nuovo Coronavirus (SARS-CoV-2) mentre operavo durante la prima ondata pandemica nell’ospedale da campo alla fiera di Bergamo”.

E prosegue: “Questo fenomeno secondo diversi studi potrebbe rappresentare un segnale precoce della malattia”. Anche perché è stato “osservato anche nella seconda ondata e in persone che sono risultate positive al tampone senza avere manifestato altri sintomi tipici dell’infezione da Covid 19 (raffreddore, mal di gola, tosse secca, febbre, difficoltà respiratorie etc.)”.

Un articolo da leggere

Un articolo da leggere per intero. Propone risposte alle molte domande intorno a questi “strani” sintomi in un virus che si è dimostrato così micidiale. Alla luce delle conoscenze di cui si dispone oggi, ne ipotizza le cause e suggerisce di osservarli come un segnale di allarme. Uno strumento in più, insomma, per una diagnosi precoce che permette di affrontare prima la malattia e, soprattutto, di ridurre i contagi.

Potete scaricare l’articolo qui, in formato .pdf:
Bergamo Salute – Febbraio 2021 – Sergio Signorelli – Perdita di olfatto e gusto

Mentre qui potete trovarlo nel sito di Bergamo Salute:
https://www.bgsalute.it/58-2021/3491-perdita-di-gusto-e-olfatto-uno-dei-primi-campanelli-d-allarme-nell-infezione-da-covid-19?fbclid=IwAR1moUy2eCD6YgHObQI8Lzig4KIx60I_QOeV4NFD8uMd9NHDGxbda8Q3Qzc

 

Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93
Per informazioni e prenotazioni: Tel. 035.298468

 

 

31 Gennaio 2021
Sui Tamponi Covid-19 interviene l

Sui Tamponi Covid-19 interviene l’Eco di Bergamo con un approfondito e articolato pezzo di mezza pagina sui nuovi tamponi molecolari di Synlab e sullo studio che conferma la scarsa attendibilità di quelli rapidi. Lo firma Luca Bonzanni, un giornalista che vediamo da tempo impegnato su temi delicati quando non spinosi.

Qui si può scaricare l’articolo integrale in formato .pdf: L’Eco di Bergamo – 31.1.2021 – Tamponi Synlab e antigenici

Il tampone molecolare veloce

Entra subito nel merito, l’articolo, che apre sull’annuncio del nuovo tampone di Synlab:
Più veloce e più efficace. È il nuovo tampone molecolare «veloce» messo a punto da Synlab, tra le principali realtà europee della diagnostica – anche per quanto riguarda la ricerca del Sars-CoV-2 – e che nella Bergamasca fornisce il proprio servizio a diversi laboratori e ambulatori privati”.

E aggiunge:
“Perché se nuove varianti si affacciano all’orizzonte, per esempio, è necessaria la certezza che non sfuggano al test. Il nuovo test di Synlab, sviluppato secondo i più aggiornati protocolli dell’Oms e «monitorato» anche da controlli esterni tra cui quelli dell’Istituto Superiore di Sanità, è in grado di rilevare appunto tutte le mutazioni del virus di cui ogni giorno si parla“.

Non è il “bastoncino” usato per il test a cambiare:
“«L’innovazione è legata ai reagenti e ai macchinari utilizzati per la processazione – spiega Andrea Fabbri, Chief Commercial Officer di Synlab -, che aggiorniamo costantemente per accorciare i tempi del responso, ora in 24 ore (mediamente con altre tecnologie se ne impiegano 48, ndr), e per far sì che non sfuggano le varianti»”. 

Limitata affidabilità dei tamponi rapidi

C’è poi l’altro tema sul tavolo. Lo studio eseguito da Synlab su 20.000 persone sui test antigenici (test rapidi). Il risultato è la conferma che su soggetti asintomatici, questi test possono produrre il 40% di risultati falsi negativi.

Ancora, l’articolo va diritto al nocciolo:
“Sullo sfondo, c’è anche un’altra questione. E cioè i margini di rischio che si stanno osservando nei test antigenici rapidi: secondo uno studio condotto da Synlab su 20 mila soggetti asintomatici, quasi il 40% dei positivi non viene rilevato attraverso quest’altra tecnologia, che sì può dare un esito in quindici minuti circa, ma appunto è soggetto a margini di (in)certezza piuttosto labili. Con tutto ciò che ne consegue”.

E prosegue:
“«In particolare l’errore degli antigenici si rileva più frequentemente sugli asintomatici, con un elevato numero di falsi negativi, mentre funziona benissimo sulla popolazione sintomatica – spiega Fabbri -. Se una persona invece non ha sintomi ed è nella fase iniziale di incubazione, il rischio di falso negativo si alza: e le conseguenze possono essere molto pericolose. Per questo la nostra posizione è quella di eseguire solo tamponi molecolari, il Golden Standard dell’Oms. E per questo abbiamo ulteriormente approfondito la nostra tecnologia»”.

Per aggiungere cheIl tampone molecolare, tra l’altro, è l’unico test riconosciuto per effettuare viaggi internazionali“.

In provincia di Bergamo

Scrive Luca Bonzanni che dai giorni scorsi è arrivata anche nella bergamasca la nuova tecnologia di Synlab per l’esecuzione di tamponi molecolari veloci.

E aggiunge:
“Tra i centri che si affidano a Synlab per la processazione dei test e che dunque propongono questo tampone  molecolare più efficace e veloce nei tempi di risposta, c’è Politerapica, centro medico con sede a Seriate”.

Il giornalista riporta poi alcuni commenti del direttore di Politerapica:
“«Si tratta di un’innovazione tecnologica di altissimo livello. I falsi negativi in cui si incorre tramite gli antigenici rapidi possono essere un pericolo per la salute pubblica: se una persona con l’infezione risulta invece un falso negativo ed entra per esempio in azienda, la catena del contagio può ampliarsi in maniera significativa. Con il test molecolare “classico”, invece, i responsi sono certi. E ora la velocità nell’ottenere l’esito è sensibilmente cresciuta, con l’esito in 24 ore, così come si ha la certezza di intercettare le nuove varianti del virus che si stanno affacciando con sempre più frequenza»”.

Sui Tamponi Covid-19 interviene l’Eco di Bergamo

Ancora un intervento attento e approfondito, quello del quotidiano della provincia di Bergamo. Lo conosciamo per la sua capacità di essere sempre presente nella realtà del territorio. Lo è stato e lo è, con ancora maggiore impegno e senza interruzioni, anche nella drammatica pandemia che ha colpito in modo particolare le nostre zone.

Un’attività condotta con passione e rigore professionale che ha fatto meritare al giornale prestigiosi riconoscimenti nazionali e internazionali.

Orgogliosi e rassicurati dalla presenza di questa testata, qui, in mezzo a noi.

30 Gennaio 2021
Tamponi rapidi poco affidabili per il Covid

I tamponi rapidi sono poco affidabili per il Covid nei pazienti asintomatici. Ora lo conferma anche Synlab in un documento basato su uno studio condotto su 20.000 soggetti.

La presa di posizione di Synlab

Il documento è del 28 gennaio 2021 ed è già chiaro dal titolo:
“Presa di posizione del Gruppo Synlab. Nei laboratori Synlab saranno effettuati negli asintomatici solo tamponi molecolari ini quanto i test rapidi sono ritenuti poco affidabili”.

La stessa chiarezza che si trova nelle prime righe del comunicato:
Synlab, gruppo leader in Europa nei servizi di diagnostica medica, conferma la sua posizione sui test rapidi, ritenuti non affidabili nè sicuri quanto i tamponi molecolari.

Pertanto, in tutti i centri e laboratori Synlab presenti sul territorio italiano, verranno proposti solo i tamponi molecolari. Solo questi, infatti, rappresentano il gold standard riconosciuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Qui è possibile scaricare il testo integrale del comunicato del Gruppo Synlab: COMUN SYNLAB GENNAIO (002) REV1 MFGS v2

I risultati dello studio

Si legge nel documento di Synlab:
“Il Gruppo ha recentemente condotto una ricerca a livello europeo che dimostra come fino al 40% dei casi risultati positivi al SARS-CoV-2 con metodica PCR potrebbero sfuggire alla diagnosi utilizzando i test antigenici rapidi.

Continua il testo:
“Un confronto diretto tra i test PCR e i test rapidi sull’antigene conferma la bassa sensibilità di questi ultimi, basandosi sui dati del programma SYNLAB safe-at-work testing. Questi studi rivelano che i test antigenici rapidi possono non risultare affidabili in diverse occasioni, come ad esempio viaggi aerei, controlli di frontiera, eventi sportivi”.

La conclusione è chiara:
Utilizzare un risultato negativo al test rapido sull’antigenemette a rischio le vite dei più vulnerabili”.
Synlab segue le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Sono indicazioni che proprio sconsigliano l’uso dei tamponi antigienici rapidi sulla popolazione asintomatica, a causa dell’alto numero di falsi negativi”.

Conclusioni chiare

Lo studio è stato condotto – come si diceva – su 20.000 persone (lavoratori in diverse aziende), che non presentavano sintomi.

Netta l’affermazione di Synlab:
I risultati di questi test confermano che quasi il 40% dei casi risultati positivi al SARS-CoV-2 con test PCR non sarebbero stati rilevati usando test rapidi sull’antigene.

Nel documento anche un intervento del Prof. Maurizio Ferrari, Chief Medical Officer di Synlab Italia:
“Questi dati, confermati anche in numerose pubblicazioni scientifiche, fanno emergere la nostra preoccupazione circa l’uso di test rapidi antigenici allo scopo di assicurare ambienti “sani” per le interazioni umane. I test antigenici potrebbero non rilevare almeno il 40% di portatori del virus, che invece sarebbero identificati con la metodica RT-PCR o con metodi molecolari equivalenti. Queste persone si troverebbero in uno stato di apparente sicurezza, con il rischio di diffondere il virus senza saperlo.

“Prova ne sia – prosegue Ferrari – che recentemente a Torino, all’’Ospedale Giovanni Bosco è scoppiato un importante focolaio di coronavirus in quanto è stato effettuato un test antigenico rapido, risultato negativo su un paziente che invece era positivo e ha contagiato altre 37 persone, tra infermieri, pazienti e operatori sanitari.”

Politerapica è sulla stessa posizione

Politerapica collabora da diversi anni con Synlab e ha imparato ad apprezzarne la professionalità e la competenza. Insieme, le due aziende hanno lavorato in modo sinergico anche nell’esecuzione di tamponi per la diagnosi di Covid-19.

A Maggio, nel pieno della prima ondata della pandemia da Coronavirus, Politerapica si è immediatamente attiviata per offrire la possibilità di eseguire in modo veloce e sicuro i test diagnostici per il virus. Lo ha fatto con Synlab e ha potuto subito offrire un servizio di eccellenza a persone, aziende, enti pubblici e privati.

Sui test rapidi, la posizione di Politerapica è al stessa di Synlab. Da qui la nostra decisione di non eseguire questi esami nella nostra struttura. Tanto più che oggi la “macchina organizzativa” impostata insieme per questa attività ci permette di

  • eseguire i prelievi per i tamponi Covid-19 entro le 24 ore dalla richiesta
  • ricevere il referto entro 24 ore dall’esecuzione

Spesso anche prima. Addirittura anche tutto in giornata, se c’è urgenza!

 

Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale 93.
Per informazioni e appuntamenti, Tell. 035.298468.

27 Dicembre 2020
Gravidanza e Covid

Gravidanza e Covid è il tema dell’articolo curato dalla Dott.ssa Clara Gargasole, specialista di Ginecologia e Ostetricia in Politerapica, pubblicato l’ultima Domenica del 2020, da l’Eco di Bergamo.


Il titolo fa comprendere subito l’impostazione concreta che la Dott.ssa Gargasole ha dato al suo lavoro per renderlo immediatamente utilizzabile da neo-genitori e futuri genitori. Il sottotitolo porta, poi, nel pieno di uno degli aspetti più scottanti dell’argomento: quello della possibilità di trasmissione del virus da madre a feto.

Andiamo per gradi

Per la donna, la gravidanza è uno stato vulnerabile già in condizioni normali. Scrive la nostra Ginecologa che

infatti, in gravidanza la donna è più suscettibile alle infezioni respiratorie e a quadri di polmoniti virali che rappresentano la terza causa indiretta di morte nel periodo della gestazione. Questa maggiore predisposizione è legata ai cambiamenti funzionali che la gravidanza comporta, tra cui un incrementato consumo di ossigeno, l’elevazione del diaframma, l’edema della mucosa del tratto respiratorio che predispone a una maggiore intolleranza alla carenza di ossigeno

insieme ad altri fattori che proteggono il feto ma rendono più vulnerabili le madri alle infezioni come i virus. Da qui la ragione per cui

Il Covid-19 e il pericolo di esserne colpiti devono essere valutati con molta attenzione durante la gravidanza

Tanto più che

il meccanismo d’azione del Sars- CoV2 è mediato dal legame a un recettore (Ace2), presente a livello degli alveoli polmonari, lungo il tratto digerente e le alte vie aeree, che può evolvere in malattia a livello respiratorio e gastrointestinale,

scrive ancora Clara Gargasole che aggiunge:

ad oggi i sintomi del Covid-19 in gravidanza sembrerebbero essere molto simili a quelli degli altri pazienti: febbre (83%), tosse (57%), dispnea (27%) e diarrea (14%). 

Sintomi simili, dunque, e ugualmente gravi, quando si manifestano. E’ quindi necessario seguire questa fase della vita della donna con particolare attenzione.

Attenzione ai fattori di rischio

Si può ridurre il pericolo, riducendo i fattori di rischio

I fattori di rischio che sembrano associati a maggiore possibilità di ospedalizzazione per Covid-19 in gravidanza sono:

  • Sovrappeso o obesità
  • Malattie preesistenti come diabete e ipertensione
  • Età materna maggiore o uguale a 35 anni
  • Appartenenza a minoranze etniche, asiatiche o nere
  • Deficit di vitamina D

Inutile sottolineare quanto sia raccomandabile, poi, ridurre al minimo gli accessi ospedalieri delle pazienti gravide, preferendo la medicina di territorio.

Gravidanza e Covid. Bambino e Covid

L’articolo della Dott.ssa Gargasole segue quello dedicato al Covid e Bambini, curato un mese fa dal Dott. Sergio Clarizia, specialista in Pediatria e Neonatologia in Politerapica.

Continua l’impegno di Politerapica e dei suoi specialisti alla diffusione di una corretta cultura della Salute sul territorio, soprattutto ora, ai tempi del Covid-19.

Qui si può scaricare l’articolo della Dott.ssa Gargasole, in formato .pdf:
L’Eco di Bergamo – 27.12.2020 – Clara Gargasole. Il Covid in gravidanza – Completo

Qui si può scaricare l’articolo della Dott.ssa Gargasole, in formato .jpg:

Politerapica è a Seriate, in Via Nazionale, 93.
Per informazioni e appuntamenti: tel. 035.298468

 

 

22 Novembre 2020
Covid e bambini

Covid e bambini, un tema che merita di essere conosciuto in modo corretto. Anche con istruzioni pratiche per capire, prevenire, proteggere, senza allarmismi ma in modo efficace.

Ne parla il Dott. Sergio Clarizia – Specialista in Pediatria e Neonatologia che collabora da tempo con Politerapica – in un lungo articolo sulla Pagina della Salute de l’Eco di Bergamo, nell’edizione del 22.11.2020.

Il titolo del pezzo ci porta subito al centro dell’argomento: Il Covid-19 e i bambini. Ecco cosa c’è da sapere. E il sottotitolo è ancora più preciso: Decalogo. I più piccoli sembrano essere meno colpiti dall’infezione. Il loro sistema immunitario risponde meglio forse perchè più reattivo.

Meno colpiti

Pare proprio che i bambini siano meno colpiti dal Covid-19. Questo troverebbe spiegazioni ed evidenze diverse. Le riprendiamo dalle parolle del Dott. Clarizia:

  • i Coronavirus (al plurale perché sono diversi) sono la causa più frequente di raffreddore e i bambini vanno incontro ripetutamente a infezioni da questi virus: è quindi possibile che la risposta immunitaria a infezioni recenti da Coronavirus aiuti i bambini a difendersi meglio anche dal Covid-19

  • probabilmente il sistema immunitario dei bambini risponde meglio all’infezione perché più reattivo

  • non possiamo poi escludere che i comportamenti di prevenzione adottati dagli adulti possano funzionare da barriera protettiva nei confronti dei piccoli

  • anche in passato, i bambini sono stati meno vulnerabili a Coronavirus rispetto agli adulti

    • durante l’epidemia di Sars del 2003, i casi di contagio certificati tra i bambini furono solo 80, mentrequelli sospetti 55; nessun bambino o adolescente morì a causa della Sars

    • durante l’epidemia di Mers nel 2012 in Medio Oriente, la maggior parte dei bimbi contagiati non manifestò sintomi

Una buona notizia per tutti

Aggiunge una nota interessante, il Dott. Clarizia:

Il fatto che i bambini sembrino così poco sensibili all’infezione da Sars-CoV-2 è una buona notizia per tutti. I più piccini, infatti, possono diffondere i germi molto più facilmente sia attraverso il contatto con i grandi, come i
loro familiari, sia attraverso i coetanei, ad esempio a scuola o durante altre attività come il gioco e lo sport.

Nelle ultime settimane si è sì osservato a livello nazionale, in particolare nelle regioni più colpite da Covid-19, un aumento di bambini che hanno contratto il virus. Fortunatamente però non ci sono dati che attestino quadri  severi per la popolazione pediatrica.

I dieci punti chiave

Sui bambini e il Covid-19 – aggiunge Sergio Clarizia – ci sono alcuni aspetti che gli adulti devono sapere e  considerare con attenzione. Possiamo definirli i 10 punti chiave.

  1. Contagio
  2. Letalità
  3. Complicanze
  4. Vaccini
  5. Precauzioni igieniche
  6. Mascherine
  7. Conseguenze psicologiche
  8. Abitudini alimentari
  9. Attività fisica
  10. Vita sociale

Per ognuno dei punti, sono forniti approfondimenti utili, in alcune casi qualcosa che assomiglia a “istruzioni per l’uso.

Il Covid-19 e i bambini. Ecco cosa c’è da sapere

Un articolo che merita di essere letto da genitori e educatori per sapere, affrontare con consapevolezza e anche con serenità un argomento che, se conosciuto, appare molto meno preoccupante.

Qui è possibile scaricare l’articolo integrale in formato .pdf:
L’Eco di Bergamo – 22.11.2020 – Covid e bambini, Sergio Clarizia – Definitivo